FORGIVENESS ROCK RECORD
City Slang-Coop/Self

Quando una band realizza un album come You Forgot It In People (2002), universalmente riconosciuto come una delle pagine più importanti dell’indie-rock nordamericano del decennio, per forza di cose tutto il resto della sua produzione finisce per venire paragonata a esso, spesso sfigurando: le opere che lo avevano preceduto (l’acerbo Feel Good Lost) e seguito (un lp omonimo in cui le belle idee erano sepolte da un suono esageratamente confuso), così come le sortite soliste dei due fondatori, Kevin Drew e Brendan Canning, uscite con il marchio di Broken Social Scene Presents forse perché – perdonateci il cinismo – in assenza del nome della band-madre non avrebbero riscosso particolari attenzioni. Insomma, nonostante tutto, la sensazione era che il collettivo canadese avesse ancora qualcosa da dimostrare. Ecco, con Forgiveness Rock Record ogni dubbio sembra finalmente destinato a sciogliersi come neve al sole. Registrato a Chicago – con la supervisione di John McEntire – da un nucleo di sette elementi (tra cui Andrew “Apostle Of Hustle” Whiteman e Charles Spearin dei Do Make Say Think) e completato a Toronto con l’aiuto dei soliti noti (Feist, Jason Collett, membri di Metric e Stars), il lavoro mette in mostra una creatività più a fuoco rispetto al passato recente, anche se le atmosfere caotiche che dell’ensemble sono il riconoscibilissimo marchio di fabbrica rimangono centrali in parecchi brani, a partire dall’iniziale World Sick. Chitarre, sezione ritmica e tastiere procedono spesso per accumulo, come se seguissero partiture orchestrali, e quando poi a esse si affiancano archi e fiati il risultato è deflagrante; e tuttavia, altrettanto riusciti sono i momenti in cui le stratificazioni si fanno meno dense, mentre le voci anziché accavallarsi si accompagnano in armonia. Una materia impossibile da cristallizzare, che pare sempre sul punto di sfuggire di mano ai suoi artefici; i quali però, a differenza di altre volte, non ne perdono mai il controllo. Proprio come succedeva in quel disco, o quasi.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...