FORGIVENESS ROCK RECORD
City Slang-Coop/Self

Quando una band realizza un album come You Forgot It In People (2002), universalmente riconosciuto come una delle pagine più importanti dell’indie-rock nordamericano del decennio, per forza di cose tutto il resto della sua produzione finisce per venire paragonata a esso, spesso sfigurando: le opere che lo avevano preceduto (l’acerbo Feel Good Lost) e seguito (un lp omonimo in cui le belle idee erano sepolte da un suono esageratamente confuso), così come le sortite soliste dei due fondatori, Kevin Drew e Brendan Canning, uscite con il marchio di Broken Social Scene Presents forse perché – perdonateci il cinismo – in assenza del nome della band-madre non avrebbero riscosso particolari attenzioni. Insomma, nonostante tutto, la sensazione era che il collettivo canadese avesse ancora qualcosa da dimostrare. Ecco, con Forgiveness Rock Record ogni dubbio sembra finalmente destinato a sciogliersi come neve al sole. Registrato a Chicago – con la supervisione di John McEntire – da un nucleo di sette elementi (tra cui Andrew “Apostle Of Hustle” Whiteman e Charles Spearin dei Do Make Say Think) e completato a Toronto con l’aiuto dei soliti noti (Feist, Jason Collett, membri di Metric e Stars), il lavoro mette in mostra una creatività più a fuoco rispetto al passato recente, anche se le atmosfere caotiche che dell’ensemble sono il riconoscibilissimo marchio di fabbrica rimangono centrali in parecchi brani, a partire dall’iniziale World Sick. Chitarre, sezione ritmica e tastiere procedono spesso per accumulo, come se seguissero partiture orchestrali, e quando poi a esse si affiancano archi e fiati il risultato è deflagrante; e tuttavia, altrettanto riusciti sono i momenti in cui le stratificazioni si fanno meno dense, mentre le voci anziché accavallarsi si accompagnano in armonia. Una materia impossibile da cristallizzare, che pare sempre sul punto di sfuggire di mano ai suoi artefici; i quali però, a differenza di altre volte, non ne perdono mai il controllo. Proprio come succedeva in quel disco, o quasi.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...