VOL. 2 – POVERI CRISTI
Picicca/Audioglobe

Sapete tutti cos’era il rock italiano: capace di grandi slanci e di altrettanto grande vittimismo, ha segnato la miserabile adolescenza di chi, come il sottoscritto, non voleva credere che la musica di casa nostra potesse essere solo la canzonemelodica e quella d’autore. Grandi emozioni per i Diaframma, qualche fremito per le scene neopsichedeliche,
garage e poi l’esperienza di C.S.I., del Consorzio e di band che arrivavano alla longevità artistica, buona o cattiva che fosse, uscendo finalmente dal ghetto.
Semplificando, oggi la scena non è più decifrabile come un tempo: tutto si mescola e qualche volta può essere anche più avvincente.
Fra chi si smarcameglio c’è sicuramente Brunori. La sua SAS ha già dimostrato, con Vol. 1, di saper usare le proprie imperfezioni per rendersi memorabile: una voce sgraziata, fra il rivo strozzato che gorgoglia e il fantasma di Rino Gaetano, sonorità percussive, slanci melodici e intimistici, a sorpresa. Soprattutto, la cura dei testi, diretti ma lontani da certa sciatteria contemporanea. Il secondo volume, dedicato a tutti i Poveri Cristi, e quindi pure a noi, accentua gli estremismi: da un lato, la crudezza degli esordi punta quasi alla dissonanza (Animali colletti, Rosa), dall’altro, arrangiamenti ben costruiti aprono la porta a raffinatezze impensabili (il sipario si apre con una illuminante e ironica Lei, lui e Firenze e si chiude con le orchestrazioni alla Belle And Sebastian di La mosca). Facile trovare riferimenti come Battisti o il su citato Rino. In realtà, come il suo negativo, Dente, che duetta con lui ne Il suo sorriso, Brunori scrive pezzi intelligenti, che spesso sfuggono dalle caselle in cui vorremmo comprimerli. Chi lo avvicina a Mr E degli Eels, chi storce il naso, chi scommette che si tratta di un fuoco di paglia. Comunque la pensiate, quest’album non vi lascerà indifferenti, proprio come le massime ironiche di Ennio Flaiano, che fa capolino nei versi che descrivono un’Italia senza tempo, miserabile e commovente. Un autore, anzi, un cantautore, senza vergogna. Finalmente.

tratto dal Mucchio n° 684/685

Ultime recensioni Musica
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...