VOL. 2 – POVERI CRISTI
Picicca/Audioglobe

Sapete tutti cos’era il rock italiano: capace di grandi slanci e di altrettanto grande vittimismo, ha segnato la miserabile adolescenza di chi, come il sottoscritto, non voleva credere che la musica di casa nostra potesse essere solo la canzonemelodica e quella d’autore. Grandi emozioni per i Diaframma, qualche fremito per le scene neopsichedeliche,
garage e poi l’esperienza di C.S.I., del Consorzio e di band che arrivavano alla longevità artistica, buona o cattiva che fosse, uscendo finalmente dal ghetto.
Semplificando, oggi la scena non è più decifrabile come un tempo: tutto si mescola e qualche volta può essere anche più avvincente.
Fra chi si smarcameglio c’è sicuramente Brunori. La sua SAS ha già dimostrato, con Vol. 1, di saper usare le proprie imperfezioni per rendersi memorabile: una voce sgraziata, fra il rivo strozzato che gorgoglia e il fantasma di Rino Gaetano, sonorità percussive, slanci melodici e intimistici, a sorpresa. Soprattutto, la cura dei testi, diretti ma lontani da certa sciatteria contemporanea. Il secondo volume, dedicato a tutti i Poveri Cristi, e quindi pure a noi, accentua gli estremismi: da un lato, la crudezza degli esordi punta quasi alla dissonanza (Animali colletti, Rosa), dall’altro, arrangiamenti ben costruiti aprono la porta a raffinatezze impensabili (il sipario si apre con una illuminante e ironica Lei, lui e Firenze e si chiude con le orchestrazioni alla Belle And Sebastian di La mosca). Facile trovare riferimenti come Battisti o il su citato Rino. In realtà, come il suo negativo, Dente, che duetta con lui ne Il suo sorriso, Brunori scrive pezzi intelligenti, che spesso sfuggono dalle caselle in cui vorremmo comprimerli. Chi lo avvicina a Mr E degli Eels, chi storce il naso, chi scommette che si tratta di un fuoco di paglia. Comunque la pensiate, quest’album non vi lascerà indifferenti, proprio come le massime ironiche di Ennio Flaiano, che fa capolino nei versi che descrivono un’Italia senza tempo, miserabile e commovente. Un autore, anzi, un cantautore, senza vergogna. Finalmente.

tratto dal Mucchio n° 684/685

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...