ZII E ZIE
Wrasse/Universal

Cê ha rappresentato in qualche modo una tappa fondamentale per Caetano Veloso, un risciacquare il proprio patrimonio d’autore nelle acque di una più agile struttura rock. Quasi un ritorno alle chitarre acide e fuzz del Tropicalismo: nel Brasile di quarant’anni fa in cui tirava una brutta, bruttissima aria, una presenza sconveniente, sia per le forze del progresso che per quelle della conservazione, e forse tali anche per il pubblico generalista ma culturalmente iperattivo che negli ultimi decenni ha fatto del bahiano una star, dopo avergli lasciato trascorrere una intera vita nei panni di culto per pochi. Non quel genere di spolverata rock che molte star del pop internazionale sue coetanee offrono al pubblico per restare – o per far credere di essere – al passo coi tempi comunque: no, qui si parla del bisogno di sporcarsi le mani per puro istinto e necessità espressiva, avendo ormai passato da tempo la fase in cui si deve dimostrare alcunché. Ancora meglio aveva fatto il consueto disco gemello ao vivo, con le canzoni registrate in studio portate nei teatri e sui palchi, ripescando un paio di episodi dimenticati del passato – dimenticati dall’autore più che altro, in quanto memori dell’esilio londinese – e indulgendo senza remore in bagni di elettricità ed energia espansiva.
L’incontro/scontro con la giovane band di , rinvigorente in quei due dischi, diventa in Zii e zie (citazione dalla traduzione italiana di un romanzo del turco Orhan Pamuk) consolidamento e raffinamento di un’intesa che si fa forse meno sorprendente ma che rimane comunque in grado di affascinare, pur senza poter contare su una canzone capace di rovesciare l’anima come Minhas Lágrimas. Ma le chitarre di Perdeu, geometriche ed eleganti in prima battuta, sature sul finale, una spoglia, spoglissima – parole e musica – Base di Guantanamo che dice tutto senza apparentemente dire quasi nulla e una Menina da Ria veloce marcetta d’altri tempi sono ancora una volta la garanzia di un umanesimo musicale d’immensa portata.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...