ZII E ZIE
Wrasse/Universal

Cê ha rappresentato in qualche modo una tappa fondamentale per Caetano Veloso, un risciacquare il proprio patrimonio d’autore nelle acque di una più agile struttura rock. Quasi un ritorno alle chitarre acide e fuzz del Tropicalismo: nel Brasile di quarant’anni fa in cui tirava una brutta, bruttissima aria, una presenza sconveniente, sia per le forze del progresso che per quelle della conservazione, e forse tali anche per il pubblico generalista ma culturalmente iperattivo che negli ultimi decenni ha fatto del bahiano una star, dopo avergli lasciato trascorrere una intera vita nei panni di culto per pochi. Non quel genere di spolverata rock che molte star del pop internazionale sue coetanee offrono al pubblico per restare – o per far credere di essere – al passo coi tempi comunque: no, qui si parla del bisogno di sporcarsi le mani per puro istinto e necessità espressiva, avendo ormai passato da tempo la fase in cui si deve dimostrare alcunché. Ancora meglio aveva fatto il consueto disco gemello ao vivo, con le canzoni registrate in studio portate nei teatri e sui palchi, ripescando un paio di episodi dimenticati del passato – dimenticati dall’autore più che altro, in quanto memori dell’esilio londinese – e indulgendo senza remore in bagni di elettricità ed energia espansiva.
L’incontro/scontro con la giovane band di , rinvigorente in quei due dischi, diventa in Zii e zie (citazione dalla traduzione italiana di un romanzo del turco Orhan Pamuk) consolidamento e raffinamento di un’intesa che si fa forse meno sorprendente ma che rimane comunque in grado di affascinare, pur senza poter contare su una canzone capace di rovesciare l’anima come Minhas Lágrimas. Ma le chitarre di Perdeu, geometriche ed eleganti in prima battuta, sature sul finale, una spoglia, spoglissima – parole e musica – Base di Guantanamo che dice tutto senza apparentemente dire quasi nulla e una Menina da Ria veloce marcetta d’altri tempi sono ancora una volta la garanzia di un umanesimo musicale d’immensa portata.

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...