Garden Ruin

City Slang-V2/Edel

A ripensarci oggi, l’impressione è che il compito principale di Joey Burns e John Convertino nei Giant Sand fosse quello improbo di mantenere ancorata a terra – per quanto possibile – la creatività imbizzarrita di Howe Gelb. Prova ne è che la produzione recente di quest’ultimo sia sempre più frammentaria (seppur sempre geniale), mentre il cammino dei primi due nei Calexico è, in confronto, assolutamente lineare. Dagli esordi a basso profilo alle esplosioni di vitalità messicaneggiante agli afflati sperimentali dell’ultimo “Feast Of Wire” (2003), i Nostri hanno infatti seguito un percorso dalle tappe ben definite, di cui “Garden Ruin” rappresenta uno snodo potenzialmente importante.

Forti delle numerose esperienze degli ultimi anni – i lunghi tour e l’ep con Iron & Wine, ma anche l’album solistica di Convertino i Calexico hanno ora deciso di cambiare approccio: meno richiami a un immaginario di frontiera (qui rinvenibile soltanto nella pur favolosa Roka, in duetto con la spagnola Amparo Sanchez), meno contaminazioni, meno sovrastrutture; e, di contro, un’attenzione sempre maggiore alle canzoni in sé e al loro aspetto puramente melodico. Non devono stupire, allora, un cantato sempre più intimo e un’attenzione finora inedita per i cori (“Deep Down”, l’elettrificata “Letter To Bowie Knife”); ciò che invece suscita meraviglia è la leggerezza di episodi come “Bisbee Blue” o, ancor di più, una “Lucky Dime” dall’incedere bacharachiano. A farle da contraltare, comunque, non mancano episodi decisamente più cupi e introspettivi come la lunare “Smash” o l’evocativa “Nom de plume”, sghemba e romantica insieme. Ci venisse richiesto di scegliere i momenti migliori, però, li collocheremmo in apertura e chiusura del cd: l’accattivante “Cruel” – che non dovrebbe faticare molto per diventare un classico della band – e “All Systems Red”, che conclude il programma in un crescendo di distorsioni via via più rumorose. Come a dire che tra la melodia e il suo contrario c’è di mezzo un mondo intero… fatto di folk, di rock e, per la prima volta in casa Calexico, di pop.

Recensione tratta dal Mucchio 621 (aprile 2006)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...