Garden Ruin

City Slang-V2/Edel

A ripensarci oggi, l’impressione è che il compito principale di Joey Burns e John Convertino nei Giant Sand fosse quello improbo di mantenere ancorata a terra – per quanto possibile – la creatività imbizzarrita di Howe Gelb. Prova ne è che la produzione recente di quest’ultimo sia sempre più frammentaria (seppur sempre geniale), mentre il cammino dei primi due nei Calexico è, in confronto, assolutamente lineare. Dagli esordi a basso profilo alle esplosioni di vitalità messicaneggiante agli afflati sperimentali dell’ultimo “Feast Of Wire” (2003), i Nostri hanno infatti seguito un percorso dalle tappe ben definite, di cui “Garden Ruin” rappresenta uno snodo potenzialmente importante.

Forti delle numerose esperienze degli ultimi anni – i lunghi tour e l’ep con Iron & Wine, ma anche l’album solistica di Convertino i Calexico hanno ora deciso di cambiare approccio: meno richiami a un immaginario di frontiera (qui rinvenibile soltanto nella pur favolosa Roka, in duetto con la spagnola Amparo Sanchez), meno contaminazioni, meno sovrastrutture; e, di contro, un’attenzione sempre maggiore alle canzoni in sé e al loro aspetto puramente melodico. Non devono stupire, allora, un cantato sempre più intimo e un’attenzione finora inedita per i cori (“Deep Down”, l’elettrificata “Letter To Bowie Knife”); ciò che invece suscita meraviglia è la leggerezza di episodi come “Bisbee Blue” o, ancor di più, una “Lucky Dime” dall’incedere bacharachiano. A farle da contraltare, comunque, non mancano episodi decisamente più cupi e introspettivi come la lunare “Smash” o l’evocativa “Nom de plume”, sghemba e romantica insieme. Ci venisse richiesto di scegliere i momenti migliori, però, li collocheremmo in apertura e chiusura del cd: l’accattivante “Cruel” – che non dovrebbe faticare molto per diventare un classico della band – e “All Systems Red”, che conclude il programma in un crescendo di distorsioni via via più rumorose. Come a dire che tra la melodia e il suo contrario c’è di mezzo un mondo intero… fatto di folk, di rock e, per la prima volta in casa Calexico, di pop.

Recensione tratta dal Mucchio 621 (aprile 2006)

Ultime recensioni Musica
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...