Garden Ruin

City Slang-V2/Edel

A ripensarci oggi, l’impressione è che il compito principale di Joey Burns e John Convertino nei Giant Sand fosse quello improbo di mantenere ancorata a terra – per quanto possibile – la creatività imbizzarrita di Howe Gelb. Prova ne è che la produzione recente di quest’ultimo sia sempre più frammentaria (seppur sempre geniale), mentre il cammino dei primi due nei Calexico è, in confronto, assolutamente lineare. Dagli esordi a basso profilo alle esplosioni di vitalità messicaneggiante agli afflati sperimentali dell’ultimo “Feast Of Wire” (2003), i Nostri hanno infatti seguito un percorso dalle tappe ben definite, di cui “Garden Ruin” rappresenta uno snodo potenzialmente importante.

Forti delle numerose esperienze degli ultimi anni – i lunghi tour e l’ep con Iron & Wine, ma anche l’album solistica di Convertino i Calexico hanno ora deciso di cambiare approccio: meno richiami a un immaginario di frontiera (qui rinvenibile soltanto nella pur favolosa Roka, in duetto con la spagnola Amparo Sanchez), meno contaminazioni, meno sovrastrutture; e, di contro, un’attenzione sempre maggiore alle canzoni in sé e al loro aspetto puramente melodico. Non devono stupire, allora, un cantato sempre più intimo e un’attenzione finora inedita per i cori (“Deep Down”, l’elettrificata “Letter To Bowie Knife”); ciò che invece suscita meraviglia è la leggerezza di episodi come “Bisbee Blue” o, ancor di più, una “Lucky Dime” dall’incedere bacharachiano. A farle da contraltare, comunque, non mancano episodi decisamente più cupi e introspettivi come la lunare “Smash” o l’evocativa “Nom de plume”, sghemba e romantica insieme. Ci venisse richiesto di scegliere i momenti migliori, però, li collocheremmo in apertura e chiusura del cd: l’accattivante “Cruel” – che non dovrebbe faticare molto per diventare un classico della band – e “All Systems Red”, che conclude il programma in un crescendo di distorsioni via via più rumorose. Come a dire che tra la melodia e il suo contrario c’è di mezzo un mondo intero… fatto di folk, di rock e, per la prima volta in casa Calexico, di pop.

Recensione tratta dal Mucchio 621 (aprile 2006)

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...