106683
Calibro 35

Traditori di tutti

Records Kicks/Audioglobe
7.5

A volte essere fedeli a se stessi può condurre all’immobilismo. Il tradimento, in tale ottica, è una modalità per spezzare le consuetudini e mettersi alla prova. Quarto album dei Calibro 35 dopo la recente, vera e propria colonna sonora Said, Traditori di tutti introduce vari cambiamenti, a partire dal fatto che per la prima volta il materiale è completamente autografo. In realtà il coronamento di un ben preciso percorso, visto che l’esordio del 2008 conteneva solo reinterpretazioni di grandi classici mentre i successivi lavori schieravano rispettivamente otto e dieci brani originali.

L’arte della citazione è sempre di casa, tanto che il titolo del disco omaggia l’omonimo giallo di Giorgio Scerbanenco, ma la personalità è quella dei fuoriclasse, come attestano concerti trainati da un’impressionante perizia tecnica. Proprio in virtù degli ultimi spettacoli a tema, avremmo auspicato un’immersione nell’universo del cinema del brivido che sparigliasse ancor di più le carte, ma probabilmente ci sarà tempo. Per ora la band di Milano prosegue ad affinare il suo linguaggio poliziesco con energia muscolare, diversivi prog, funk, jazz e collegamenti agli anni 70. Prologue avvolge subito nel mistero, Giulia mon amour salta a ritmo beat, Stainless Steel è piombo rock, Mescaline 6 offusca con allucinazioni psych, Two Pills In The Pocket è caramella melodica. Altre piccole, azzeccate novità: Serena Altavilla ai cori in un paio di tracce – Butcher’s Bride vira a luci rosse, Miss Livia Ussaro rievoca inquietudini argentiane – oppure il ricorso a nuovi strumenti (organo Philicorda, dulcitone e mellotron), oltre agli abituali fiati. Una ricetta che miete vittime persino oltreconfine: Enrico Gabrielli, Massimo Martellotta, Luca Cavina e Fabio Rondanini, sotto il controllo in regia di Tommaso Colliva, si esibiscono in tutto il mondo e saranno pubblicati sia nel resto d’Europa sia in Giappone. La concitazione di Vendetta e il passo supergroovy di You, Filthy Bastards! suonano la carica.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...