106683
Calibro 35

Traditori di tutti

Records Kicks/Audioglobe
7.5

A volte essere fedeli a se stessi può condurre all’immobilismo. Il tradimento, in tale ottica, è una modalità per spezzare le consuetudini e mettersi alla prova. Quarto album dei Calibro 35 dopo la recente, vera e propria colonna sonora Said, Traditori di tutti introduce vari cambiamenti, a partire dal fatto che per la prima volta il materiale è completamente autografo. In realtà il coronamento di un ben preciso percorso, visto che l’esordio del 2008 conteneva solo reinterpretazioni di grandi classici mentre i successivi lavori schieravano rispettivamente otto e dieci brani originali.

L’arte della citazione è sempre di casa, tanto che il titolo del disco omaggia l’omonimo giallo di Giorgio Scerbanenco, ma la personalità è quella dei fuoriclasse, come attestano concerti trainati da un’impressionante perizia tecnica. Proprio in virtù degli ultimi spettacoli a tema, avremmo auspicato un’immersione nell’universo del cinema del brivido che sparigliasse ancor di più le carte, ma probabilmente ci sarà tempo. Per ora la band di Milano prosegue ad affinare il suo linguaggio poliziesco con energia muscolare, diversivi prog, funk, jazz e collegamenti agli anni 70. Prologue avvolge subito nel mistero, Giulia mon amour salta a ritmo beat, Stainless Steel è piombo rock, Mescaline 6 offusca con allucinazioni psych, Two Pills In The Pocket è caramella melodica. Altre piccole, azzeccate novità: Serena Altavilla ai cori in un paio di tracce – Butcher’s Bride vira a luci rosse, Miss Livia Ussaro rievoca inquietudini argentiane – oppure il ricorso a nuovi strumenti (organo Philicorda, dulcitone e mellotron), oltre agli abituali fiati. Una ricetta che miete vittime persino oltreconfine: Enrico Gabrielli, Massimo Martellotta, Luca Cavina e Fabio Rondanini, sotto il controllo in regia di Tommaso Colliva, si esibiscono in tutto il mondo e saranno pubblicati sia nel resto d’Europa sia in Giappone. La concitazione di Vendetta e il passo supergroovy di You, Filthy Bastards! suonano la carica.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...