106683
Calibro 35

Traditori di tutti

Records Kicks/Audioglobe
7.5

A volte essere fedeli a se stessi può condurre all’immobilismo. Il tradimento, in tale ottica, è una modalità per spezzare le consuetudini e mettersi alla prova. Quarto album dei Calibro 35 dopo la recente, vera e propria colonna sonora Said, Traditori di tutti introduce vari cambiamenti, a partire dal fatto che per la prima volta il materiale è completamente autografo. In realtà il coronamento di un ben preciso percorso, visto che l’esordio del 2008 conteneva solo reinterpretazioni di grandi classici mentre i successivi lavori schieravano rispettivamente otto e dieci brani originali.

L’arte della citazione è sempre di casa, tanto che il titolo del disco omaggia l’omonimo giallo di Giorgio Scerbanenco, ma la personalità è quella dei fuoriclasse, come attestano concerti trainati da un’impressionante perizia tecnica. Proprio in virtù degli ultimi spettacoli a tema, avremmo auspicato un’immersione nell’universo del cinema del brivido che sparigliasse ancor di più le carte, ma probabilmente ci sarà tempo. Per ora la band di Milano prosegue ad affinare il suo linguaggio poliziesco con energia muscolare, diversivi prog, funk, jazz e collegamenti agli anni 70. Prologue avvolge subito nel mistero, Giulia mon amour salta a ritmo beat, Stainless Steel è piombo rock, Mescaline 6 offusca con allucinazioni psych, Two Pills In The Pocket è caramella melodica. Altre piccole, azzeccate novità: Serena Altavilla ai cori in un paio di tracce – Butcher’s Bride vira a luci rosse, Miss Livia Ussaro rievoca inquietudini argentiane – oppure il ricorso a nuovi strumenti (organo Philicorda, dulcitone e mellotron), oltre agli abituali fiati. Una ricetta che miete vittime persino oltreconfine: Enrico Gabrielli, Massimo Martellotta, Luca Cavina e Fabio Rondanini, sotto il controllo in regia di Tommaso Colliva, si esibiscono in tutto il mondo e saranno pubblicati sia nel resto d’Europa sia in Giappone. La concitazione di Vendetta e il passo supergroovy di You, Filthy Bastards! suonano la carica.

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....