Swim
City Slang/Self

È impressionante la crescita artistica di Dan Snaith. È davvero uno dei pochi di cui possiamo dire che ogni lavoro è stato migliore di quello precedente, sempre. Sarà che all’inizio, quando ancora poteva chiamarsi Manitoba, ci era sembrato sì bravino, ma uno dei tanti nel mazzo – all’epoca rigogliosissimo – dell’indietronica, in cui bastava avere un piglio folk introverso, un po’ di familiarità coi laptop, schegge di citazionismo (slavato) hip hop e voilà, pronto il prodottino. Volere fortissimamente girare dal vivo con una band vera, puntando su una potenza di fuoco percussiva non comune, è stata la scelta che ha fatto la differenza, che lo ha riscattato da un destino che pareva segnato: quello di pallido alfiere di pallide musiche pallidamente adorato da pallidi adolescenti dentro. Del piglio indietronico Snaith ha conservato uno degli attributi migliori, la svagatezza, innervandolo di sana intensità, e questo è uno; se poi teniamo conto che il nome d’arte Caribou (dopo che Manitoba gli è stato cassato per motivi legali) dice di averlo scelto un po’ per caso mentre era allegramente in trip da LSD, allora sappiamo bene che pure la componente visionaria non à e non sarà mai faccenda aliena per il nostro eroe.
Ecco, “Swim” racchiude al meglio tutto questo. Riuscendo per giunta a farlo con ordine. È, come dire, l’album che Four Tet avrebbe voluto e dovuto fare ora che ha scoperto quanto è bello il dancefloor e quanto può essere potente il ritmo come componente. Solo che se Four Tet l’avesse fatto, si sarebbe preso un po’ troppo sul serio; mentre Snaith, se lo guardate in faccia o se lo vedete dal vivo stravolto dal sudore, capirete che questo rischio non lo correrà mai. Volete la definizione sloganistica? Si potrebbe dire che “Swim” è davvero un prototipo del pop di qualità del nuovo millennio: danzabile, digitale, non catalogabile, purtuttavia cantabile e assai stiloso. A questo punto abbiamo quasi paura ad immaginare a quali vette potrebbe arrivare col prossimo disco.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...