NO PROMISES
Naive/Self

Carla Bruni sostiene di amare il folk, soprattutto nelle sue incarnazioni femminili, come pure il rock venato di blues di Eric Clapton o quello dei meno rassicuranti Rolling Stones. Avvicinando con attenzione No Promises, sospirato seguito di Quelqu’un m’a dit, di quattro anni orsono, balza subito evidente questo amore, pur nella sobrietà di arrangiamenti e ritmiche: i pezzi non sono solo la scatola delle poesie di una donna sognante, inquieta, soltanto all’apparenza rasserenata. Basta accordarsi agli accenti, davvero autunnali di Autumn (versi di Walter de la Mare), alla cadenza dolente di Lady Weeping At The Crossroads  (Auden) oppure alle armonie sottili di Promises Like Pie-Crust (Rossetti): colpiscono un movimento, una pulsazione (If You Were Coming In The Fall, tutt’altro che evanescente), un estro che sono lontanissimi dai pezzi dell’esordio. Libera dall’obbligo di superare un certo minimalismo concettuale della sua scrittura, l’artista franco-italiana ha trovato assieme all’inglese un suo marchio musicale convincente. Un modo di porgere la voce meno sussurrato e più arrochito, in cui il sogno sta qua e là per trasformarsi in un incubo, in brani quali Those Dancing Days Are Gone (Yeats) o I Felt My Life With Both My Hands (Dickinson).
Angeli e demoni, insomma, si contendono la paternità del cd; non tanto perché nelle corde della Bruni ci siano davvero inflessioni diaboliche o maledette, ma perché la profondità di strumenti e cantato spiazzano. In mezzo a suoni del genere, amorevolmente curati da Louis Bertignac, le liriche di tanti poeti non si trovano per nulla a
disagio. A chi pensa che le modelle dovrebbero solo sfilare, finché l’età lo permette, facciamo notare che Carla Bruni ha coltivato sin da ragazzina la sua passione, su una chitarra e su un registratore, e consigliamo un ascolto privo di paraocchi, magari ripetuto. Il luogo comune può allontanare da No Promises, il buon gusto no. A sorpresa, un album di frontiera, più soft-rock che pop, sulla scia di Emmylou Harris, Claudine Longet, Tindersticks. Complimenti.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...