NO PROMISES
Naive/Self

Carla Bruni sostiene di amare il folk, soprattutto nelle sue incarnazioni femminili, come pure il rock venato di blues di Eric Clapton o quello dei meno rassicuranti Rolling Stones. Avvicinando con attenzione No Promises, sospirato seguito di Quelqu’un m’a dit, di quattro anni orsono, balza subito evidente questo amore, pur nella sobrietà di arrangiamenti e ritmiche: i pezzi non sono solo la scatola delle poesie di una donna sognante, inquieta, soltanto all’apparenza rasserenata. Basta accordarsi agli accenti, davvero autunnali di Autumn (versi di Walter de la Mare), alla cadenza dolente di Lady Weeping At The Crossroads  (Auden) oppure alle armonie sottili di Promises Like Pie-Crust (Rossetti): colpiscono un movimento, una pulsazione (If You Were Coming In The Fall, tutt’altro che evanescente), un estro che sono lontanissimi dai pezzi dell’esordio. Libera dall’obbligo di superare un certo minimalismo concettuale della sua scrittura, l’artista franco-italiana ha trovato assieme all’inglese un suo marchio musicale convincente. Un modo di porgere la voce meno sussurrato e più arrochito, in cui il sogno sta qua e là per trasformarsi in un incubo, in brani quali Those Dancing Days Are Gone (Yeats) o I Felt My Life With Both My Hands (Dickinson).
Angeli e demoni, insomma, si contendono la paternità del cd; non tanto perché nelle corde della Bruni ci siano davvero inflessioni diaboliche o maledette, ma perché la profondità di strumenti e cantato spiazzano. In mezzo a suoni del genere, amorevolmente curati da Louis Bertignac, le liriche di tanti poeti non si trovano per nulla a
disagio. A chi pensa che le modelle dovrebbero solo sfilare, finché l’età lo permette, facciamo notare che Carla Bruni ha coltivato sin da ragazzina la sua passione, su una chitarra e su un registratore, e consigliamo un ascolto privo di paraocchi, magari ripetuto. Il luogo comune può allontanare da No Promises, il buon gusto no. A sorpresa, un album di frontiera, più soft-rock che pop, sulla scia di Emmylou Harris, Claudine Longet, Tindersticks. Complimenti.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...