NO PROMISES
Naive/Self

Carla Bruni sostiene di amare il folk, soprattutto nelle sue incarnazioni femminili, come pure il rock venato di blues di Eric Clapton o quello dei meno rassicuranti Rolling Stones. Avvicinando con attenzione No Promises, sospirato seguito di Quelqu’un m’a dit, di quattro anni orsono, balza subito evidente questo amore, pur nella sobrietà di arrangiamenti e ritmiche: i pezzi non sono solo la scatola delle poesie di una donna sognante, inquieta, soltanto all’apparenza rasserenata. Basta accordarsi agli accenti, davvero autunnali di Autumn (versi di Walter de la Mare), alla cadenza dolente di Lady Weeping At The Crossroads  (Auden) oppure alle armonie sottili di Promises Like Pie-Crust (Rossetti): colpiscono un movimento, una pulsazione (If You Were Coming In The Fall, tutt’altro che evanescente), un estro che sono lontanissimi dai pezzi dell’esordio. Libera dall’obbligo di superare un certo minimalismo concettuale della sua scrittura, l’artista franco-italiana ha trovato assieme all’inglese un suo marchio musicale convincente. Un modo di porgere la voce meno sussurrato e più arrochito, in cui il sogno sta qua e là per trasformarsi in un incubo, in brani quali Those Dancing Days Are Gone (Yeats) o I Felt My Life With Both My Hands (Dickinson).
Angeli e demoni, insomma, si contendono la paternità del cd; non tanto perché nelle corde della Bruni ci siano davvero inflessioni diaboliche o maledette, ma perché la profondità di strumenti e cantato spiazzano. In mezzo a suoni del genere, amorevolmente curati da Louis Bertignac, le liriche di tanti poeti non si trovano per nulla a
disagio. A chi pensa che le modelle dovrebbero solo sfilare, finché l’età lo permette, facciamo notare che Carla Bruni ha coltivato sin da ragazzina la sua passione, su una chitarra e su un registratore, e consigliamo un ascolto privo di paraocchi, magari ripetuto. Il luogo comune può allontanare da No Promises, il buon gusto no. A sorpresa, un album di frontiera, più soft-rock che pop, sulla scia di Emmylou Harris, Claudine Longet, Tindersticks. Complimenti.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...