NO PROMISES
Naive/Self

Carla Bruni sostiene di amare il folk, soprattutto nelle sue incarnazioni femminili, come pure il rock venato di blues di Eric Clapton o quello dei meno rassicuranti Rolling Stones. Avvicinando con attenzione No Promises, sospirato seguito di Quelqu’un m’a dit, di quattro anni orsono, balza subito evidente questo amore, pur nella sobrietà di arrangiamenti e ritmiche: i pezzi non sono solo la scatola delle poesie di una donna sognante, inquieta, soltanto all’apparenza rasserenata. Basta accordarsi agli accenti, davvero autunnali di Autumn (versi di Walter de la Mare), alla cadenza dolente di Lady Weeping At The Crossroads  (Auden) oppure alle armonie sottili di Promises Like Pie-Crust (Rossetti): colpiscono un movimento, una pulsazione (If You Were Coming In The Fall, tutt’altro che evanescente), un estro che sono lontanissimi dai pezzi dell’esordio. Libera dall’obbligo di superare un certo minimalismo concettuale della sua scrittura, l’artista franco-italiana ha trovato assieme all’inglese un suo marchio musicale convincente. Un modo di porgere la voce meno sussurrato e più arrochito, in cui il sogno sta qua e là per trasformarsi in un incubo, in brani quali Those Dancing Days Are Gone (Yeats) o I Felt My Life With Both My Hands (Dickinson).
Angeli e demoni, insomma, si contendono la paternità del cd; non tanto perché nelle corde della Bruni ci siano davvero inflessioni diaboliche o maledette, ma perché la profondità di strumenti e cantato spiazzano. In mezzo a suoni del genere, amorevolmente curati da Louis Bertignac, le liriche di tanti poeti non si trovano per nulla a
disagio. A chi pensa che le modelle dovrebbero solo sfilare, finché l’età lo permette, facciamo notare che Carla Bruni ha coltivato sin da ragazzina la sua passione, su una chitarra e su un registratore, e consigliamo un ascolto privo di paraocchi, magari ripetuto. Il luogo comune può allontanare da No Promises, il buon gusto no. A sorpresa, un album di frontiera, più soft-rock che pop, sulla scia di Emmylou Harris, Claudine Longet, Tindersticks. Complimenti.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...