Carmen Consoli
Elettra
Universal

Per anni, il suo modo di cantare mi ha reso Carmen Consoli insopportabile. C’è voluto un album atipico come “Eva contro Eva”, 2006, per farmi ricredere. Da lì ho approfondito il passato discografico della cantautrice di Catania pur continuando a preferire, per quanto riguarda i brani più vecchi e conosciuti, le versioni aggiornate offerte negli ultimi concerti. Bene: la buona notizia è che questo disco ha nel DNA i geni del predecessore e de “L’eccezione”, la cattiva (?) è che il meglio deve ancora venire. “Elettra”, dieci brani in tutto, è un album raffinato nelle liriche e negli arrangiamenti, figlio legittimo di un lavoro sulla voce che scalpella rabbia, malinconia, tristezza e (timida) speranza; è un “nostos” dall’incedere doloroso e fiero, un viaggio dovuto e insidioso che implica il recupero delle radici linguistico-culturali (“Marie ti amiamo”, pezzo costruito in arabo, francese e italiano con l’evocativa presenza di Franco Battiato, e “A’ Finestra”, in siciliano e in stile Rosa Balistreri), lutti (“Mandaci una cartolina”, commiato fresco di vita per la perdita lacerante del padre, la non autobiografica Mio zio, storia di una violenza domestica), il tutto giocato sull’intreccio fra tematiche amorose e pungente critica sociale. “Elettra” è un disco che pesa, per niente facile né lontanamente commerciale – a stento si rintraccia un singolo – e perciò, di questi tempi, a suo modo folle. E così succede che l’apprezzi anche e proprio per questo motivo: palesa inequivocabilmente la maturità della sua autrice, come artista e giovane donna, e la fedeltà che riserva a se stessa. Ma è pur vero che si tratta di un album che deve essere superato; “la Primavera che tarda ad arrivare”, come canta la Consoli in uno dei brani più belli, è tempo che germogli e che, fuor di metafora, dall’attesa, tema qui ricorrente, si passi all’azione. Allo stesso modo non più trattenute, depotenziate da un controllo alla lunga penalizzante, le prossime canzoni potrebbero volare in alto libere da costrizioni e impostazioni forse non più necessarie. Affinché l’inverno sia solo un ricordo e la sua musica ci conduca in terre inesplorate ascoltando storie mai raccontate.

tratto dal mucchio n°664

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...