Carmen Consoli
Elettra
Universal

Per anni, il suo modo di cantare mi ha reso Carmen Consoli insopportabile. C’è voluto un album atipico come “Eva contro Eva”, 2006, per farmi ricredere. Da lì ho approfondito il passato discografico della cantautrice di Catania pur continuando a preferire, per quanto riguarda i brani più vecchi e conosciuti, le versioni aggiornate offerte negli ultimi concerti. Bene: la buona notizia è che questo disco ha nel DNA i geni del predecessore e de “L’eccezione”, la cattiva (?) è che il meglio deve ancora venire. “Elettra”, dieci brani in tutto, è un album raffinato nelle liriche e negli arrangiamenti, figlio legittimo di un lavoro sulla voce che scalpella rabbia, malinconia, tristezza e (timida) speranza; è un “nostos” dall’incedere doloroso e fiero, un viaggio dovuto e insidioso che implica il recupero delle radici linguistico-culturali (“Marie ti amiamo”, pezzo costruito in arabo, francese e italiano con l’evocativa presenza di Franco Battiato, e “A’ Finestra”, in siciliano e in stile Rosa Balistreri), lutti (“Mandaci una cartolina”, commiato fresco di vita per la perdita lacerante del padre, la non autobiografica Mio zio, storia di una violenza domestica), il tutto giocato sull’intreccio fra tematiche amorose e pungente critica sociale. “Elettra” è un disco che pesa, per niente facile né lontanamente commerciale – a stento si rintraccia un singolo – e perciò, di questi tempi, a suo modo folle. E così succede che l’apprezzi anche e proprio per questo motivo: palesa inequivocabilmente la maturità della sua autrice, come artista e giovane donna, e la fedeltà che riserva a se stessa. Ma è pur vero che si tratta di un album che deve essere superato; “la Primavera che tarda ad arrivare”, come canta la Consoli in uno dei brani più belli, è tempo che germogli e che, fuor di metafora, dall’attesa, tema qui ricorrente, si passi all’azione. Allo stesso modo non più trattenute, depotenziate da un controllo alla lunga penalizzante, le prossime canzoni potrebbero volare in alto libere da costrizioni e impostazioni forse non più necessarie. Affinché l’inverno sia solo un ricordo e la sua musica ci conduca in terre inesplorate ascoltando storie mai raccontate.

tratto dal mucchio n°664

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...