Skelliconnection
Sub Pop/Audioglobe

Per gli strani casi del destino, a neppure dodici mesi dalla precedente pubblicazione mi capita nuovamente l’occasione di narrare le vicende artistiche di un canadese in continua ascesa. Anche nel gradimento della redazione della rivista che avete tra le mani, considerato che la prima recensione di Chad VanGaalen, autore quanto mai prolifico (si tratta di un eufemismo: in casa i suoi armadi nascondono provini, outtake, brani finiti per un numero vicino al migliaio), era di poco superiore alle mille battute, mentre la presente supererà le duemila. “Skelliconnection”, dunque, è la perfetta prosecuzione di “Infiniheart” e da questa bellissima opera riprende e amplifica il gusto per la ballata lenta, avvolgente, volutamente introspettiva e al pari accattivante: “Sing Me To Sleep” è, appunto, l’esaltazione della melodia, l’elogio della nota pulita, la gioia di godere di momenti acustici di stravolgente intimità; il tutto,  senza alzare i toni e senza, sopratutto, autocompiacersi per suoni tanto magnetici. Dimostra, VanGaalen, di trovarsi particolarmente a proprio agio con atmosfere velate di malinconia e, a volte, filtrate attraverso l’occhio vigile dell’appassionato di psichedelia (“Mini TVs”) se è vero che, ogni tanto – è il caso di “Systemic Heart” e di “Rolling Heart” – si concede addirittura estemporanei bozzetti di frammentata improvvisazione; ma dimostra anche, cosa insolita per chi ama comporre con la spina staccata, di saperci fare con un filo di feedback e con ritmi assolutamente nervosi e frenetici (“Flower Gardens”) come con un’elettronica elementare e legata a filo doppio con la bassa fedeltà (“Red Hot Drops” e “Viking Rainbows”). Altrove, come in “Wind Driving Dogs”, “Graveyard” e “Dead Ends” (l’ultima con tanto di armonica), l’eco del Neil Young dei Settanta è tanto sorprendente quanto immediata; così come meritevole di una particolare citazione è il fatto che i richiami a Beck, Beatles e Flaming Lips servano unicamente a confermare l’originalità con cui ama comporre un musicista, nel suo piccolo, geniale.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...