Skelliconnection
Sub Pop/Audioglobe

Per gli strani casi del destino, a neppure dodici mesi dalla precedente pubblicazione mi capita nuovamente l’occasione di narrare le vicende artistiche di un canadese in continua ascesa. Anche nel gradimento della redazione della rivista che avete tra le mani, considerato che la prima recensione di Chad VanGaalen, autore quanto mai prolifico (si tratta di un eufemismo: in casa i suoi armadi nascondono provini, outtake, brani finiti per un numero vicino al migliaio), era di poco superiore alle mille battute, mentre la presente supererà le duemila. “Skelliconnection”, dunque, è la perfetta prosecuzione di “Infiniheart” e da questa bellissima opera riprende e amplifica il gusto per la ballata lenta, avvolgente, volutamente introspettiva e al pari accattivante: “Sing Me To Sleep” è, appunto, l’esaltazione della melodia, l’elogio della nota pulita, la gioia di godere di momenti acustici di stravolgente intimità; il tutto,  senza alzare i toni e senza, sopratutto, autocompiacersi per suoni tanto magnetici. Dimostra, VanGaalen, di trovarsi particolarmente a proprio agio con atmosfere velate di malinconia e, a volte, filtrate attraverso l’occhio vigile dell’appassionato di psichedelia (“Mini TVs”) se è vero che, ogni tanto – è il caso di “Systemic Heart” e di “Rolling Heart” – si concede addirittura estemporanei bozzetti di frammentata improvvisazione; ma dimostra anche, cosa insolita per chi ama comporre con la spina staccata, di saperci fare con un filo di feedback e con ritmi assolutamente nervosi e frenetici (“Flower Gardens”) come con un’elettronica elementare e legata a filo doppio con la bassa fedeltà (“Red Hot Drops” e “Viking Rainbows”). Altrove, come in “Wind Driving Dogs”, “Graveyard” e “Dead Ends” (l’ultima con tanto di armonica), l’eco del Neil Young dei Settanta è tanto sorprendente quanto immediata; così come meritevole di una particolare citazione è il fatto che i richiami a Beck, Beatles e Flaming Lips servano unicamente a confermare l’originalità con cui ama comporre un musicista, nel suo piccolo, geniale.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...