chairlift
Chairlift

Moth

Columbia/Sony
8

La determinazione dei Chairlift, nell’occuparsi in prima persona di ogni aspetto del loro terzo album nello studio di Booklyn che hanno ricavato da una ex fabbrica farmaceutica e nel cercare di compiere intelligentemente il definitivo salto di popolarità, è non solo encomiabile ma persino coraggiosa. Caroline Polachek e Patrick Wimberly hanno fatto tutto per conto loro, dal songwriting alla produzione, e hanno affinato al meglio un’intuizione avuta sin dagli albori, per quanto ormai in voga nell’attuale panorama musicale: unire il pop con l’R’n’B, dunque unire sonorità bianche e nere con uno spirito di contaminazione metropolitano ma, per paradosso, al contempo quasi new age.

Moth si apre con la breve esortazione propositiva di Look Up, poco più di due minuti di rumori di insetti, percussioni esotiche e fiati jazz. Fiati che ritornano già nella successiva, programmatica Polymorphing, dalle timbriche calde e terribilmente funk: nel ritornello soul la voce si distorce pian piano in cortocircuito meta-comunicativo. Poi arriva l’1-2 dei singoloni già estratti come biglietti da visita: Romeo è una sfida d’amore electropop – narrata dal punto di vista della figura mitologica greca Atalanta – che avrebbero potuto azzeccare gli Yeah Yeah Yeahs di It’s Blitz! se provvisti di più potenti ganci melodici, mentre Ch-Ching è una bomba di futurismo catchy che metterebbe d’accordo FKA twigs e Beyoncé. Il coinvolgimento ritmico è confermato dall’hip hop garbato di Ottawa To Osaka, linee sintetiche vorticose e arpeggi orientaleggianti, e dalla spudorata radiofonia danzabile di Moth To The Flame. Ed ecco le ballate: dalla vulnerabilità disarmante di Crying In Public, modernissima nella sua morbidezza, alla sontuosa blackness di una Show U Off in ottica Janelle Monáe o al mood dreamy, quasi björkiano nei pindarici voli vocali di Unfinished Business. Per non farsi mancare nulla, in coda parte No Such Thing: sei giri di orologio abbondanti tra avanguardia e chitarre semi-prog. “Getting what you want can be dangerous / But that’s the only way I want it to be”, canta Caroline in Ch-Ching. E stavolta quello che vogliono, lei e il suo socio, lo avranno per davvero.

Commenti

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...