chairlift
Chairlift

Moth

Columbia/Sony
8

La determinazione dei Chairlift, nell’occuparsi in prima persona di ogni aspetto del loro terzo album nello studio di Booklyn che hanno ricavato da una ex fabbrica farmaceutica e nel cercare di compiere intelligentemente il definitivo salto di popolarità, è non solo encomiabile ma persino coraggiosa. Caroline Polachek e Patrick Wimberly hanno fatto tutto per conto loro, dal songwriting alla produzione, e hanno affinato al meglio un’intuizione avuta sin dagli albori, per quanto ormai in voga nell’attuale panorama musicale: unire il pop con l’R’n’B, dunque unire sonorità bianche e nere con uno spirito di contaminazione metropolitano ma, per paradosso, al contempo quasi new age.

Moth si apre con la breve esortazione propositiva di Look Up, poco più di due minuti di rumori di insetti, percussioni esotiche e fiati jazz. Fiati che ritornano già nella successiva, programmatica Polymorphing, dalle timbriche calde e terribilmente funk: nel ritornello soul la voce si distorce pian piano in cortocircuito meta-comunicativo. Poi arriva l’1-2 dei singoloni già estratti come biglietti da visita: Romeo è una sfida d’amore electropop – narrata dal punto di vista della figura mitologica greca Atalanta – che avrebbero potuto azzeccare gli Yeah Yeah Yeahs di It’s Blitz! se provvisti di più potenti ganci melodici, mentre Ch-Ching è una bomba di futurismo catchy che metterebbe d’accordo FKA twigs e Beyoncé. Il coinvolgimento ritmico è confermato dall’hip hop garbato di Ottawa To Osaka, linee sintetiche vorticose e arpeggi orientaleggianti, e dalla spudorata radiofonia danzabile di Moth To The Flame. Ed ecco le ballate: dalla vulnerabilità disarmante di Crying In Public, modernissima nella sua morbidezza, alla sontuosa blackness di una Show U Off in ottica Janelle Monáe o al mood dreamy, quasi björkiano nei pindarici voli vocali di Unfinished Business. Per non farsi mancare nulla, in coda parte No Such Thing: sei giri di orologio abbondanti tra avanguardia e chitarre semi-prog. “Getting what you want can be dangerous / But that’s the only way I want it to be”, canta Caroline in Ch-Ching. E stavolta quello che vogliono, lei e il suo socio, lo avranno per davvero.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...