IRM
Because/Warner

Charlotte Gainsbourg è sinonimo di Classe, con l’iniziale maiuscola: che posi per un servizio fotografico d’autore, reciti per i film di Iñárritu, Crialese, Gondry, Haynes e von Trier oppure si cimenti con la musica. Perché la Classe non si improvvisa, bensì risiede in un patrimonio genetico in tal caso ingombrante. La figlia del leggendario Serge, però, non ha mai sfruttato il proprio cognome per partire all’assalto del mondo dello spettacolo, preferendo viceversa mantenere un basso profilo e puntare su progetti artistici di valore. Senza contare il discutibile Charlotte For Ever del 1986 (pubblicato ad appena quindici anni e scrittole dal padre), il vero e proprio esordio nel campo della canzone era avvenuto con l’ottimo, ingiustamente sottovalutato 5:55 del 2006, prodotto da Nigel Godrich e realizzato con l’aiuto di Air, Jarvis Cocker e Neil Hannon dei Divine Comedy. L’attenzione per la scelta dei collaboratori non viene meno neanche stavolta: come spalla principale è stato chiamato Beck, con cui la cantante francese duetta nella surreale Heaven Can Wait. IRM è un disco godibilissimo, dove le infrastrutture elettroniche accolgono archi struggenti e fanno talvolta spazio agli strumenti acustici. La voce risulta affascinante nella sua delicatezza, mentre la varietà di registri sonori non manca: Master’s Hands e Voyage sposano al meglio modernità e classicismo, la title track persegue ritmiche martellanti, La Chat du Café des Artistes e La Collectionneuse sono chansons che piacerebbero a Benjamin Biolay, Me And Jane Doe è filastrocca stralunata e Vanities ballata di somma raffinatezza. Da una parte Time Of The Assasins lambisce il pop e Trick Pony se la fa con il r’n’r, dall’altra Greenwich Mean Time parte per tangenti futuristiche e Dandelion sembra uscire dal repertorio dell’ultima Cat Power. Peccato se qualcuno la confonderà con sciacquette come Carla Bruni o Kate Moss, senza riconoscerle i giusti meriti. Perché Charlotte Gainsbourg è sinonimo di Classe, qualità senza la quale sarebbe molto più triste vivere in questi tempi di nauseabonda volgarità.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....