IRM
Because/Warner

Charlotte Gainsbourg è sinonimo di Classe, con l’iniziale maiuscola: che posi per un servizio fotografico d’autore, reciti per i film di Iñárritu, Crialese, Gondry, Haynes e von Trier oppure si cimenti con la musica. Perché la Classe non si improvvisa, bensì risiede in un patrimonio genetico in tal caso ingombrante. La figlia del leggendario Serge, però, non ha mai sfruttato il proprio cognome per partire all’assalto del mondo dello spettacolo, preferendo viceversa mantenere un basso profilo e puntare su progetti artistici di valore. Senza contare il discutibile Charlotte For Ever del 1986 (pubblicato ad appena quindici anni e scrittole dal padre), il vero e proprio esordio nel campo della canzone era avvenuto con l’ottimo, ingiustamente sottovalutato 5:55 del 2006, prodotto da Nigel Godrich e realizzato con l’aiuto di Air, Jarvis Cocker e Neil Hannon dei Divine Comedy. L’attenzione per la scelta dei collaboratori non viene meno neanche stavolta: come spalla principale è stato chiamato Beck, con cui la cantante francese duetta nella surreale Heaven Can Wait. IRM è un disco godibilissimo, dove le infrastrutture elettroniche accolgono archi struggenti e fanno talvolta spazio agli strumenti acustici. La voce risulta affascinante nella sua delicatezza, mentre la varietà di registri sonori non manca: Master’s Hands e Voyage sposano al meglio modernità e classicismo, la title track persegue ritmiche martellanti, La Chat du Café des Artistes e La Collectionneuse sono chansons che piacerebbero a Benjamin Biolay, Me And Jane Doe è filastrocca stralunata e Vanities ballata di somma raffinatezza. Da una parte Time Of The Assasins lambisce il pop e Trick Pony se la fa con il r’n’r, dall’altra Greenwich Mean Time parte per tangenti futuristiche e Dandelion sembra uscire dal repertorio dell’ultima Cat Power. Peccato se qualcuno la confonderà con sciacquette come Carla Bruni o Kate Moss, senza riconoscerle i giusti meriti. Perché Charlotte Gainsbourg è sinonimo di Classe, qualità senza la quale sarebbe molto più triste vivere in questi tempi di nauseabonda volgarità.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...