tumblr_inline_mntzirBAtV1qz4rgp
Chelsea Wolfe

Pain Is Beauty

Sargent House
9

Qualsiasi veste indossi, Chelsea Wolfe colpisce per il potere sciamanico, la carica espressiva fuori dal tempo. Che si faccia strada tra le nebbie del folk o emerga dalla pece del rock più malsano e disturbante, l’artista californiana fa brillare l’oscurità con una grazia rara. La nuova sfida stilistica è fornita dall’inserimento dell’elettronica, marziale nell’acuire l’imponenza di alcuni episodi oppure avvolgente, ad aprire la porta a un’accessibilità filo-pop. Pain Is Beauty è in sostanza un campionario di fiabesche canzoni dark, che risultano non a caso tanto lancinanti, a conficcarsi nella carne di chi le frequenta senza resistenze, quanto portatrici di un fascino atavico, che rapisce perdutamente chi ne ode il suono. In questa scalata alla volta della totale libertà artistica, si toccano vette da annoverare fra le più emozionanti dell’anno ancora in corso: i rintocchi di Feral Love sono quelli di un cuore che batte al ritmo di una drone music sacrale, l’onirica House Of Metal accoglie in un vestibolo di tastiere e archi che farebbe la felicità di ogni orfano della 4AD, Sick trascina il peso di catene amorose destinate a spezzarsi e Ancestors, The Ancients risposta il baricentro su chitarra-più-batteria sviscerando il fulcro testuale di un’opera dedicata al valore dei nostri avi, della terra che calpestiamo tutti i giorni. We Hit A Wall è uno schianto contro un muro di lirismo, The Warden culla negli inquietanti meandri della psiche umana, Destruction Makes The World Burn Brighter ribalta gli stereotipi apocalittici con un’orecchiabilità destabilizzante (il ritornello “Who’s that girl / Use that gun” avrebbe messo d’accordo Madonna e Kurt Cobain), Reins infonde sangue alla tradizione e The Waves Have Come è romanticismo spinoso che risacca per oltre otto minuti. Più coerente di Zola Jesus, più duttile di Marissa Nadler, più originale di Jex Thoth, più talentuosa di Anna Calvi. Sarebbe da autolesionisti rinunciare alle meravigliose ferite inferte da Chelsea Wolfe.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...