FURTHER
Parlophone/EMI

Quasi come avessero voluto prenderci in giro. L’inizio di Further è sconfortante: non perché le prime tracce siano così pesantemente ignominiose, no, ma perché a un ascolto attento cogli tutti gli elementi scientificamente catalogabili come tanto fumo e poco arrosto. Ti diverti a pensare che molte persone, a digiuno di elettronica o comunque di bocca buona, troveranno magari fantastiche Snow (apertura di cinque minuti in cui, vocina esile e tappeto elettronico finto-elaborato a parte, non succede nulla), Escape Velocity (una lunga cavalcata di undici minuti anche suggestiva, ma con una grandiosità che alla lunga non è corroborata da un flusso di idee costante: passate le prime due, tre trovate resta solo una specie di Jean-Michel Jarre del Nuovo Millennio), Another World. Stolti. Anche perché, di queste tre, la seconda dovrebbe dare almeno metà royalties a Rez degli Underworld, la terza è invece un riciclo di Star Guitar – uno dei singoli dei Chemical meno riusciti e inventivi di sempre – sviluppato pasticciando un po’ con l’equalizzazione. Ecco. Se non è mancanza di idee questa. Poi però arriva Dissolve e improvvisamente la faccenda cambia marcia. Non accade nulla di sorprendente o spiazzante rispetto al patrimonio sonoro storico dei Chemical, il marchio di Ed e Tom resta riconoscibilissimo e ci si rifà un po’ alle sonorità dell’album d’esordio (bentornato!) o a quelle più psichedeliche di Surrender (ben ritrovato!), ma, accidenti, che qualità, che gusto nello scegliere break di batteria non scontati o nel lavorare i detriti di sample mantenendo da un lato fragranza rock, dall’altro tiro techno, oltre a un’originalità rara. We Are The Night era stato, francamente, un passo falso e a dire il vero pure Push The Button, nonostante il successo commerciale, sfigurava un po’ rispetto agli album storici dei Fratelli. Further li riporta in alto, molto in alto. Il sospetto che i due avessero preso una lenta china discendente come ispirazione è insomma frantumato. Fosse anche solo per una traccia come Horse Power: una delle più devastanti che ci sia mai capitato di sentire.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...