A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete di artisti NON Worldwide è da sempre impegnato a unire elettronica sperimentale, teoria e tematiche sociali. Non si tratta dell’ennesima svolta politica post-Trump, tanto per intendersi, per quanto lo status quo sembri aver ulteriormente radicalizzato l’immaginario di Amobi & company. PARADISO, di fatto, è il disco infernale per antonomasia. Amobi e i tanti artisti legati al collettivo, qui presenti in veste di co-autori, co-produttori e vocalist (Rabit, il duo queer sudafricano Faka, la modella trans Aurel Haize Odogbo, Nkisi, tra gli altri), si ispirano a un alito di opposizione di matrice modernista: NON non cerca il compromesso, guarda con sospetto all’ironia e rifiuta categoricamente rappresentazioni egemoniche di etnia, sessualità o appartenenza geografica.

PARADISO, pertanto, è un ascolto violento, incandescente, un’ora piena di rumorosi beat, spari, sirene e catastrofiche giustapposizioni di genere. Poemi narrati dall’oltretomba, ammonizioni e lamenti sono incastonati tra un’esplosione e l’altra. Elysia Crampton, il cui zampino compare anche nella micidiale Negative Fire III, apre le danze recitando una versione riadattata di The City in the Sea di Edgar Allan Poe. Fatta eccezione per Blood Of The Covenant e il relativo ammorbidirsi nelle ultime tracce, il primo album di Amobi lascia per strada gli accenni ambient di alcuni lavori del passato e mette invece in risalto la simbiosi tra industrial e grime. Uno dei punti di forza è allora l’accostarsi di dettagli improvvisi, acusmatici, all’insistenza “punitiva” delle parti più ritmiche: “Welcome to Paradiso! You are listening to NON Worldwide Radio”, sbraita una DJ a più riprese.

Eigengrau unisce al caustico rap di Haleek Maul un recitato à la Waking The Witch di Kate Bush. Dixie Shrine accenna all’RnB e si trasforma in new wave. Non è musica da playlist o da godimento, questa. Nel voler essere presa sul serio, confida nella vostra tenacia.

Pubblicato sul Mucchio n. 755

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...