A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete di artisti NON Worldwide è da sempre impegnato a unire elettronica sperimentale, teoria e tematiche sociali. Non si tratta dell’ennesima svolta politica post-Trump, tanto per intendersi, per quanto lo status quo sembri aver ulteriormente radicalizzato l’immaginario di Amobi & company. PARADISO, di fatto, è il disco infernale per antonomasia. Amobi e i tanti artisti legati al collettivo, qui presenti in veste di co-autori, co-produttori e vocalist (Rabit, il duo queer sudafricano Faka, la modella trans Aurel Haize Odogbo, Nkisi, tra gli altri), si ispirano a un alito di opposizione di matrice modernista: NON non cerca il compromesso, guarda con sospetto all’ironia e rifiuta categoricamente rappresentazioni egemoniche di etnia, sessualità o appartenenza geografica.

PARADISO, pertanto, è un ascolto violento, incandescente, un’ora piena di rumorosi beat, spari, sirene e catastrofiche giustapposizioni di genere. Poemi narrati dall’oltretomba, ammonizioni e lamenti sono incastonati tra un’esplosione e l’altra. Elysia Crampton, il cui zampino compare anche nella micidiale Negative Fire III, apre le danze recitando una versione riadattata di The City in the Sea di Edgar Allan Poe. Fatta eccezione per Blood Of The Covenant e il relativo ammorbidirsi nelle ultime tracce, il primo album di Amobi lascia per strada gli accenni ambient di alcuni lavori del passato e mette invece in risalto la simbiosi tra industrial e grime. Uno dei punti di forza è allora l’accostarsi di dettagli improvvisi, acusmatici, all’insistenza “punitiva” delle parti più ritmiche: “Welcome to Paradiso! You are listening to NON Worldwide Radio”, sbraita una DJ a più riprese.

Eigengrau unisce al caustico rap di Haleek Maul un recitato à la Waking The Witch di Kate Bush. Dixie Shrine accenna all’RnB e si trasforma in new wave. Non è musica da playlist o da godimento, questa. Nel voler essere presa sul serio, confida nella vostra tenacia.

Pubblicato sul Mucchio n. 755

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...