Owens cop
Christopher Owens

Lysandre

PIAS/SELF
8

Annunciato da tempo, il debutto solistico di Christopher Owens è un’operina pop che si discosta dalla maggior ruvidezza dei lavori in precedenza realizzati al fianco di Chet “JR” White, cioè l’altra metà del duo californiano Girls, al battesimo discografico con Album del 2009, sotto la luce dei riflettori indie con l’incensato Father, Son, Holy Ghost del 2011 e alla prematura separazione a sorpresa lo scorso luglio. Operina per un paio di motivi, assolutamente da non intendersi nell’accezione negativa del termine: la relativa brevità della scaletta – che non raggiunge neanche la mezz’ora di durata ed è alla resa dei conti calibrata al millimetro, funzionale nel controbilanciare le ambizioni generali – e soprattutto la constatazione che Lysandre è inquadrabile come un vero e proprio concept, dedicato all’omonima ragazza conosciuta durante una performance nel contesto di un festival francese. Registrati a Los Angeles in compagnia dell’ormai fidato produttore Doug Boehm e fortemente ispirati all’esperienza del primo tour della vecchia band risalente all’estate del 2008, i pezzi vanno a costituire “una storia di formazione, road trip e amore” preservando comunque la leggerezza ed evitando ogni eccesso di pretenziosità narrativa. San Francisco, New York o la Costa Azzurra fanno da sfondo a parole che riescono a coadiuvare il senso di stupore per le nuove scoperte della vita (in tour) e la sofferenza che prima o poi attanaglia almeno una volta ciascuno di noi. Il copione è abbastanza classico, semplice nel delineare una relazione di coppia che brucia con ispirata discrezione anziché spegnersi lentamente: si parte con l’affinità, che scatta se anima e orecchie sono rispettivamente predisposte a sentimenti e canzoni, e si cala il sipario con la separazione che precede il malinconico ritorno a casa. Un copione che magari vedremmo bene trasportato al cinema da Cameron Crowe, sul confine tra un Almost Famous guardato attraverso gli occhi della piccola rockstar e un Elizabethtown amputato del lieto fine. Ma forse è lo stesso tormentato percorso esistenziale di Owens, originario di Miami e figlio di membri fondamentalisti della comunità/setta religiosa Bambini di Dio, che si presterebbe facilmente per la trama di un film, dove il rigetto delle costrizioni e la fuga in cerca dell’indipendenza individuale rappresenterebbero il succoso piatto principale. Quando nell’adolescenza la salvezza è più necessaria della ribellione, insomma.

A essere sinceri, però, quello che colpisce subito ascoltando Lysandre è la padronanza, la varietà di registri maneggiata dal biondo, allampanato e androgino songwriter, una sorta di Kurt Cobain efebico e aristocratico, ritratto in copertina dal fotografo Ryan McGinley, che si rivela sopra le righe come l’amico Ariel Pink, eclettico come Bradford Cox dei Deerhunter ed enfatico come il miglior Patrick Wolf. Un songwriter che unisce spiccato senso melodico e ricercatezza formale, così come intenso romanticismo e sottile (auto)ironia. Gli undici brani in programma, scritti interamente in prima persona, sfoderano arrangiamenti raffinati e complessi, che osano innumerevoli cambi di andamento e si avvalgono sia di corde, batteria e tastiere sia di fiati e cori femminili, a dimostrazione di una ricchezza di spunti che rende interessante tanto la compiutezza del presente quanto i numerosi futuri che si spalancano all’orizzonte delle eventualità, anche perché è ragionevole ipotizzare margini di crescita. La meticolosa, cristallina definizione sonora contribuisce all’ideale ricezione di quello che è a tutti gli effetti un racconto in note, collegato da un tema strumentale che ricorre a mo’ di filo rosso in gran parte delle tracce, chiamato naturalmente Lysandre’s Theme e ripreso nelle più disparate modalità: accade nella delicata ballata Here We Go, nel r’n’r intellettual chic di New York City, nella dolenza filo-Flaming Lips di A Broken Heart, nell’elettricità sbarazzina di Here We Go Again oppure nell’esotismo alla Sandinista! dell’atipica Riviera Rock, che in pratica sembrerebbe dividere la tracklist in due parti simmetriche e complementari (una più estrosa, una più intimista). Se ce ne fosse ancora bisogno, la programmatica Love Is In The Ear Of The Listener e il ritornello beatlesiano della title track – che tra l’altro proclama in credibile scioltezza “Love is everything that you need…” – forniscono ulteriori indicazioni su ciò in cui credere oggigiorno, ovvero su quali siano gli unici culti ai quali vale seriamente la pena votarsi. Cuore e Musica: è o non è, in fondo, il proverbiale abbinamento dei sogni?

 

Pubblicato sul Mucchio 702

Ultime recensioni Musica
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...