city and colour
City And Colour

The Hurry And The Harm

Cooking Vinyl/Edel
5

Di menestrelli con il cuore in mano sono piene le ribalte della cosiddetta alternativa contemporanea e, consentitecelo, pure le tasche di chi è rimasto ad ascoltare. D’accordo che la crisi preme e che un tour chitarra e voce paga meglio che militare in una banda di sei, ma, l’imprenditore insegna, mettersi in proprio è una mossa vincente solo quando si ha del capitale da investire. Gente come John Grant e Justin Vernon ha fatto centro solo dopo avere puntato sul tavolo le sfighe di una vita intera, mentre dice peggio a chi tenta di sfangarla con spirito professionale, perché già sa che quello confessionale non è affar suo. Non si può biasimare il canadese Dallas Green, ex voce degli Alexisonfire, per averci provato: con otto anni sotto l’alias di City And Colour, quattro dischi in studio e due live, il nostro emo-songwriter, come ebbe a definirsi, è ancora alla ricerca della maturità. Il suo The Hurry And The Harm è un LP di cantautorato che più classico non si può, zeppo di personalità di secondo piano strappate alle crew di Raconteurs, My Morning Jacket e Pearl Jam. Melodie fini, steel guitar e falsetti: ogni cosa sta al suo posto, e forse è questa aura mediocritas il problema più grosso. Lo stile levigato ed insipido di un mestierante della canzone che punta al passaggio radiofonico, con Jeff Buckley nel cuore e James Blunt in testa. Vade Retro.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...