clara
Clara Moto

Blue Distance

InFiné
5

“God-bit in him / Dying to fly and be done with it? / The blood berries are themselves, they are very still. / The hooves will not have it, / In blue distance the pistons hiss.” È con questi versi che Sylvia Plath chiuse una della sue poesie più famose (Years) ed è dagli stessi che Clara Prettenhofer (in arte Clara Moto) si è lasciata ispirare per il seguito del fortunato Polyamour (2010), sempre su InFiné. Trovare punti di reale contatto tra la poetessa confessional per eccellenza e la musica contenuta in questo album non è impresa facile. A detta della stessa Moto, il tema affrontato in Blue Distance è lo spazio che separa gli artisti dal pubblico e di come i primi tentino di colmare quel vuoto attraverso la propria arte. Una tale affermazione potrebbe anche trovare numerosi riscontri se non fosse che a dirla è Clara Moto, a cui volgiamo le nostre preghiere affinché ritrovi il senso della realtà. Laddove il debutto dell’artista austriaca si divideva tra minimal, tech-house ed episodi ambient, in Blue Distance le concessioni al dancefloor sono rare e poco originali (Hedonic Treadmill, Placid Kindness), preferendo situazioni downbeat e IDM all’acqua di rose che non si rivolgono a nessuno, che non vanno da nessuna parte… E quel vuoto, anziché essere colmato, rischia un irreparabile allargamento. Peccato, perché su di lei avremmo scommesso molto di più.

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...