IRADELPHIC
Warp/Self

Sono soddisfazioni, sì. Sono gran soddisfazioni veder crescere un artista disco dopo disco, con te che l’hai seguito fino al giorno uno e che in tempi non sospetti, quando erano in millemila a fare dischi IDM, ti eri ritrovato a pensare “Questo però ha più talento degli altri”. E infatti. Di molti producer di elettronica “intelligente” si sono perse le tracce, l’inglese è invece più vivo che mai, a undici anni dal primo album. Più vivo e più bravo che mai: la sua ansia di ampliare il proprio spettro espressivo trova in “Iradelphic” un trionfo definitivo. Lui non è mai stato infatti pigro creativamente: ancorato gli stilemi degli anni 90 targati Aphex e Mu-ziq, cosa comunque meritoria di suo, si è sempre più preoccupato di dare un suo tocco particolare, riconoscibile, non scontato.
Quest’ansia di miglioramento è arrivata al punto tale che Clark
può permettersi di aprire un album con chitarre acustiche bluegrass che collassano dopo pochi secondi in un contesto da psichedelia indiana, sempre acustica. E tutto questo non scadendo nella pacchianata esotista da “Cafè Del Mar” ma con un controllo, un gusto e una competenza da dieci punto zero. In “Iradelphic” fa capolino perfino la forma-canzone, con la chiamata alle armi, pardon, al microfono di Martina Topley-Bird: un’altra cosa da apprezzare è il fatto che i tre brani in cui compare l’ex musa di Tricky paiono disegnati apposta su di lei e per lei (mentre quante volte abbiamo dovuto sorbirci tentativi malcerti di producer elettronici che, per qualificarsi agli occhi di un pubblico altro, hanno creato innesti contronatura giusto per potersi fregiare di questo o quel “featuring”). In generale, c’è un motivo per cui amare profondamente questo lavoro: non insegue mai, davvero mai i suoni e le soluzioni alla moda. È di una qualità senza tempo, va da Morricone (“Secret”) alla dubstep (sempre “Secret”) senza dare mai l’idea di strizzare astutamente l’occhio alla “coolness”. Va per la sua strada. Una strada sempre più incredibilmente affascinante.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...