IRADELPHIC
Warp/Self

Sono soddisfazioni, sì. Sono gran soddisfazioni veder crescere un artista disco dopo disco, con te che l’hai seguito fino al giorno uno e che in tempi non sospetti, quando erano in millemila a fare dischi IDM, ti eri ritrovato a pensare “Questo però ha più talento degli altri”. E infatti. Di molti producer di elettronica “intelligente” si sono perse le tracce, l’inglese è invece più vivo che mai, a undici anni dal primo album. Più vivo e più bravo che mai: la sua ansia di ampliare il proprio spettro espressivo trova in “Iradelphic” un trionfo definitivo. Lui non è mai stato infatti pigro creativamente: ancorato gli stilemi degli anni 90 targati Aphex e Mu-ziq, cosa comunque meritoria di suo, si è sempre più preoccupato di dare un suo tocco particolare, riconoscibile, non scontato.
Quest’ansia di miglioramento è arrivata al punto tale che Clark
può permettersi di aprire un album con chitarre acustiche bluegrass che collassano dopo pochi secondi in un contesto da psichedelia indiana, sempre acustica. E tutto questo non scadendo nella pacchianata esotista da “Cafè Del Mar” ma con un controllo, un gusto e una competenza da dieci punto zero. In “Iradelphic” fa capolino perfino la forma-canzone, con la chiamata alle armi, pardon, al microfono di Martina Topley-Bird: un’altra cosa da apprezzare è il fatto che i tre brani in cui compare l’ex musa di Tricky paiono disegnati apposta su di lei e per lei (mentre quante volte abbiamo dovuto sorbirci tentativi malcerti di producer elettronici che, per qualificarsi agli occhi di un pubblico altro, hanno creato innesti contronatura giusto per potersi fregiare di questo o quel “featuring”). In generale, c’è un motivo per cui amare profondamente questo lavoro: non insegue mai, davvero mai i suoni e le soluzioni alla moda. È di una qualità senza tempo, va da Morricone (“Secret”) alla dubstep (sempre “Secret”) senza dare mai l’idea di strizzare astutamente l’occhio alla “coolness”. Va per la sua strada. Una strada sempre più incredibilmente affascinante.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....