cloudnothings_herelp
Cloud Nothings

Here And Nowhere Else

Wichita/Self
8

La foto in bianco e nero che incornicia un caseggiato di campagna a centro copertina è qualcosa che sa gettarti nello sconforto per direttissima. Come e più del faro sfocato in lontananza che campeggiava su Attack On Memory, sembra uno scatto ripescato dal secolo scorso. A essere intrigantemente contemporanei, almeno sotto il profilo dell’immagine, i Cloud Nothings ci hanno rinunciato subito dopo le prime uscite, forse già dopo quella Hey Cool Kid che preludeva a tutt’altro percorso. Il lo-fi da nuovo millennio, una one man band
da camera, nessuna pretesa ma un posto parcheggio garantito a vita nelle cronache di “Pitchfork”. Non è andata esattamente così.

In coincidenza del terzo atto Dylan Baldi compiva una vera e propria scelta di immaginario, sostituendo alle sessioni personali un gruppo reale e mettendo alla console il più autentico dei produttori, Steve Albini, con tutta l’epica da American Indie che una decisione del genere
si porta inevitabilmente appresso. Here And Nowhere Else prosegue il discorso ricordando a tutti quello che, per buona regola, un terzo disco dovrebbe fare sempre: dare conferma e andare alla radice. Queste otto tracce fanno entrambe le cose in trenta minuti e spiccioli, ampiamente entro i limiti vinilici. Il cambio della guardia alla produzione e l’arrivo di John Congleton non sgrezza il suono, anzi: è punk rock ancora più veloce e più involuto, che concede meno spazio agli anatemi se si fa eccezione per I’m Not Part Of Me, fiera dichiarazione di indipendenza da se stessi per un popolo di giovani dissociati. In compenso si grida ancora, si grida moltissimo – gli ultimi minuti di Patterns Walks sono ad un passo
dallo screamo – ed è quel che si grida a fare la differenza: se gli arsenali sonori appartengono ad altri secoli e ad altre battaglie, il disagio contro cui li si scaglia è dannatamente attuale e disgraziatamente nostro. Non fatevi ingannare dalla foggia “antica” delle loro istantanee:
demolita la memoria, i Cloud Nothings continuano a urlare per i giorni che corrono. Quieter Today un accidente…

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...