cloudnothings_herelp
Cloud Nothings

Here And Nowhere Else

Wichita/Self
8

La foto in bianco e nero che incornicia un caseggiato di campagna a centro copertina è qualcosa che sa gettarti nello sconforto per direttissima. Come e più del faro sfocato in lontananza che campeggiava su Attack On Memory, sembra uno scatto ripescato dal secolo scorso. A essere intrigantemente contemporanei, almeno sotto il profilo dell’immagine, i Cloud Nothings ci hanno rinunciato subito dopo le prime uscite, forse già dopo quella Hey Cool Kid che preludeva a tutt’altro percorso. Il lo-fi da nuovo millennio, una one man band
da camera, nessuna pretesa ma un posto parcheggio garantito a vita nelle cronache di “Pitchfork”. Non è andata esattamente così.

In coincidenza del terzo atto Dylan Baldi compiva una vera e propria scelta di immaginario, sostituendo alle sessioni personali un gruppo reale e mettendo alla console il più autentico dei produttori, Steve Albini, con tutta l’epica da American Indie che una decisione del genere
si porta inevitabilmente appresso. Here And Nowhere Else prosegue il discorso ricordando a tutti quello che, per buona regola, un terzo disco dovrebbe fare sempre: dare conferma e andare alla radice. Queste otto tracce fanno entrambe le cose in trenta minuti e spiccioli, ampiamente entro i limiti vinilici. Il cambio della guardia alla produzione e l’arrivo di John Congleton non sgrezza il suono, anzi: è punk rock ancora più veloce e più involuto, che concede meno spazio agli anatemi se si fa eccezione per I’m Not Part Of Me, fiera dichiarazione di indipendenza da se stessi per un popolo di giovani dissociati. In compenso si grida ancora, si grida moltissimo – gli ultimi minuti di Patterns Walks sono ad un passo
dallo screamo – ed è quel che si grida a fare la differenza: se gli arsenali sonori appartengono ad altri secoli e ad altre battaglie, il disagio contro cui li si scaglia è dannatamente attuale e disgraziatamente nostro. Non fatevi ingannare dalla foggia “antica” delle loro istantanee:
demolita la memoria, i Cloud Nothings continuano a urlare per i giorni che corrono. Quieter Today un accidente…

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....