colapesce
Colapesce

Infedele

42
7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque anni fa. Non lo dimentico perché – confesso – persi la testa, come accade a volte con la musica pop: vuoi ascoltare quella canzone (nel caso specifico, più d’una: Restiamo in casa, Satellite, Oasi, Bogotà) a ripetizione, fino allo stordimento. Non puoi farne a meno. Mi confortò, mesi dopo, che gli venisse attribuita la targa Tenco per il migliore debutto. Ebbi invece qualche dubbio nel febbraio 2015: nonostante Reale, Sottocoperta e Maledetti italiani, Egomostro non mi travolse in quel modo, benché fosse un album onorevolissimo. Al contrario, l’autunno seguente, a rassicurarmi giunse il “concerto disegnato” in coppia con Alessandro Baronciani: buona idea in sé, contenente un Colapesce ricondotto all’essenza, voce e chitarra. So che la nostalgia è pessima consigliera, eppure la semplicità degli esordi trovo sia ancora la dimensione più consona alle sue indiscutibili e rare qualità musicali. Inoltre compone versi in maniera squisita, meglio di tutti i “nuovi cantautori” in circolazione (eccezion fatta per Brunori, forse). Quando si è cominciato a vociferare di questo lavoro, ero al tempo stesso curioso e irrequieto, dunque: speravo tornasse dov’era partito, mentre temevo d’altra parte proseguisse il proprio cammino, allontanandosene. Cosa volesse essere, lo dichiara il titolo: Infedele.

Il teaser iniziale, diffuso il 6 settembre, in occasione del compleanno (ne ha fatti 34), era tuttavia incoraggiante: minimi accordi di pianoforte, melodia sommessa e tipica apertura solare, Ti attraverso potenzia la sua collezione di classici. Passata una quindicina di giorni, ecco il secondo, con video d’accompagnamento a base di simbolismi e nonsense: Totale (firmato insieme a Dimartino e Luca Serpenti, originariamente per conto terzi). “Se ho un nuovo disco da poter cantare / Mi sento totale”, recita il testo: peccato per il ritornello impacciato e gli arrangiamenti un po’ sopra le righe. A quei 2 brani, se ne sommano altri 6, occupando complessivamente una mezz’ora appena abbondante. L’incipit, con un sintetizzatore molesto, fa il medesimo effetto di Dopo il diluvio in Egomostro, e sì che l’immagine dipinta ha forza poetica evidente: “Il fiume taglia la pietra / Da quando Cristo non c’era / Calpesto del finocchietto / E si apre a festa il mio naso”, dice a proposito di Pantalica, necropoli vicina alla natia Solarino. Partenza faticosa, però, causa ambizioni da sconfinamento: tra percussioni “antiche” (nel senso dell’Alfio da lui prodotto di recente) e sassofono da free jazz (suonato in quella circostanza da Gaetano Santoro). Oltre a Mario Conte, impiegato già nell’album precedente, questa volta al banco di regia c’è pure IOSONOUNCANE: premessa eccellente. Nondimeno, il meglio coincide con la sobrietà: in Decadenza e panna, ad esempio. Oppure nel culmine pop della sequenza: Maometto a Milano è Battisti adesso, fra Islam e Negroni sbagliato, a un passo dalla blasfemia (“Svenire fra le cosce delle mogli del sultano”). Cosicché Colapesce mi rimane nel cuore, anche se – ammette egli stesso durante la conclusiva Sospesi – “Lo faccio per te soltanto per me”. Un simpatico egoista.

Pubblicato su Il Mucchio Selvaggio n. 760

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....