colapesce
Colapesce

Infedele

42
7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque anni fa. Non lo dimentico perché – confesso – persi la testa, come accade a volte con la musica pop: vuoi ascoltare quella canzone (nel caso specifico, più d’una: Restiamo in casa, Satellite, Oasi, Bogotà) a ripetizione, fino allo stordimento. Non puoi farne a meno. Mi confortò, mesi dopo, che gli venisse attribuita la targa Tenco per il migliore debutto. Ebbi invece qualche dubbio nel febbraio 2015: nonostante Reale, Sottocoperta e Maledetti italiani, Egomostro non mi travolse in quel modo, benché fosse un album onorevolissimo. Al contrario, l’autunno seguente, a rassicurarmi giunse il “concerto disegnato” in coppia con Alessandro Baronciani: buona idea in sé, contenente un Colapesce ricondotto all’essenza, voce e chitarra. So che la nostalgia è pessima consigliera, eppure la semplicità degli esordi trovo sia ancora la dimensione più consona alle sue indiscutibili e rare qualità musicali. Inoltre compone versi in maniera squisita, meglio di tutti i “nuovi cantautori” in circolazione (eccezion fatta per Brunori, forse). Quando si è cominciato a vociferare di questo lavoro, ero al tempo stesso curioso e irrequieto, dunque: speravo tornasse dov’era partito, mentre temevo d’altra parte proseguisse il proprio cammino, allontanandosene. Cosa volesse essere, lo dichiara il titolo: Infedele.

Il teaser iniziale, diffuso il 6 settembre, in occasione del compleanno (ne ha fatti 34), era tuttavia incoraggiante: minimi accordi di pianoforte, melodia sommessa e tipica apertura solare, Ti attraverso potenzia la sua collezione di classici. Passata una quindicina di giorni, ecco il secondo, con video d’accompagnamento a base di simbolismi e nonsense: Totale (firmato insieme a Dimartino e Luca Serpenti, originariamente per conto terzi). “Se ho un nuovo disco da poter cantare / Mi sento totale”, recita il testo: peccato per il ritornello impacciato e gli arrangiamenti un po’ sopra le righe. A quei 2 brani, se ne sommano altri 6, occupando complessivamente una mezz’ora appena abbondante. L’incipit, con un sintetizzatore molesto, fa il medesimo effetto di Dopo il diluvio in Egomostro, e sì che l’immagine dipinta ha forza poetica evidente: “Il fiume taglia la pietra / Da quando Cristo non c’era / Calpesto del finocchietto / E si apre a festa il mio naso”, dice a proposito di Pantalica, necropoli vicina alla natia Solarino. Partenza faticosa, però, causa ambizioni da sconfinamento: tra percussioni “antiche” (nel senso dell’Alfio da lui prodotto di recente) e sassofono da free jazz (suonato in quella circostanza da Gaetano Santoro). Oltre a Mario Conte, impiegato già nell’album precedente, questa volta al banco di regia c’è pure IOSONOUNCANE: premessa eccellente. Nondimeno, il meglio coincide con la sobrietà: in Decadenza e panna, ad esempio. Oppure nel culmine pop della sequenza: Maometto a Milano è Battisti adesso, fra Islam e Negroni sbagliato, a un passo dalla blasfemia (“Svenire fra le cosce delle mogli del sultano”). Cosicché Colapesce mi rimane nel cuore, anche se – ammette egli stesso durante la conclusiva Sospesi – “Lo faccio per te soltanto per me”. Un simpatico egoista.

Pubblicato su Il Mucchio Selvaggio n. 760

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...