colapesce
Colapesce

Infedele

42
7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque anni fa. Non lo dimentico perché – confesso – persi la testa, come accade a volte con la musica pop: vuoi ascoltare quella canzone (nel caso specifico, più d’una: Restiamo in casa, Satellite, Oasi, Bogotà) a ripetizione, fino allo stordimento. Non puoi farne a meno. Mi confortò, mesi dopo, che gli venisse attribuita la targa Tenco per il migliore debutto. Ebbi invece qualche dubbio nel febbraio 2015: nonostante Reale, Sottocoperta e Maledetti italiani, Egomostro non mi travolse in quel modo, benché fosse un album onorevolissimo. Al contrario, l’autunno seguente, a rassicurarmi giunse il “concerto disegnato” in coppia con Alessandro Baronciani: buona idea in sé, contenente un Colapesce ricondotto all’essenza, voce e chitarra. So che la nostalgia è pessima consigliera, eppure la semplicità degli esordi trovo sia ancora la dimensione più consona alle sue indiscutibili e rare qualità musicali. Inoltre compone versi in maniera squisita, meglio di tutti i “nuovi cantautori” in circolazione (eccezion fatta per Brunori, forse). Quando si è cominciato a vociferare di questo lavoro, ero al tempo stesso curioso e irrequieto, dunque: speravo tornasse dov’era partito, mentre temevo d’altra parte proseguisse il proprio cammino, allontanandosene. Cosa volesse essere, lo dichiara il titolo: Infedele.

Il teaser iniziale, diffuso il 6 settembre, in occasione del compleanno (ne ha fatti 34), era tuttavia incoraggiante: minimi accordi di pianoforte, melodia sommessa e tipica apertura solare, Ti attraverso potenzia la sua collezione di classici. Passata una quindicina di giorni, ecco il secondo, con video d’accompagnamento a base di simbolismi e nonsense: Totale (firmato insieme a Dimartino e Luca Serpenti, originariamente per conto terzi). “Se ho un nuovo disco da poter cantare / Mi sento totale”, recita il testo: peccato per il ritornello impacciato e gli arrangiamenti un po’ sopra le righe. A quei 2 brani, se ne sommano altri 6, occupando complessivamente una mezz’ora appena abbondante. L’incipit, con un sintetizzatore molesto, fa il medesimo effetto di Dopo il diluvio in Egomostro, e sì che l’immagine dipinta ha forza poetica evidente: “Il fiume taglia la pietra / Da quando Cristo non c’era / Calpesto del finocchietto / E si apre a festa il mio naso”, dice a proposito di Pantalica, necropoli vicina alla natia Solarino. Partenza faticosa, però, causa ambizioni da sconfinamento: tra percussioni “antiche” (nel senso dell’Alfio da lui prodotto di recente) e sassofono da free jazz (suonato in quella circostanza da Gaetano Santoro). Oltre a Mario Conte, impiegato già nell’album precedente, questa volta al banco di regia c’è pure IOSONOUNCANE: premessa eccellente. Nondimeno, il meglio coincide con la sobrietà: in Decadenza e panna, ad esempio. Oppure nel culmine pop della sequenza: Maometto a Milano è Battisti adesso, fra Islam e Negroni sbagliato, a un passo dalla blasfemia (“Svenire fra le cosce delle mogli del sultano”). Cosicché Colapesce mi rimane nel cuore, anche se – ammette egli stesso durante la conclusiva Sospesi – “Lo faccio per te soltanto per me”. Un simpatico egoista.

Pubblicato su Il Mucchio Selvaggio n. 760

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...