VIVA LA VIDA
Capitol/Emi

Il titolo euforicamente sepolcrale del nuovo disco dei Coldplay nasconde molti chiaroscuri, anche se il pezzo di apertura, “Life In Technicolor”, toglie quasi il respiro, tramutandosi in fretta nella catarsi accelerata di “Cemeteries Of London” e, nella successiva “Lost!”, in un grido d’aiuto solo abbozzato. La vera forza che sta però dietro a intagli fatti di chitarre spiegate e di tastiere mai così duttili è la ricerca, senza compromessi, dell’intensità. Nessuna facile via di fuga: Chris Martin e compagni hanno scelto, con una buona dose di coraggio, di non compiacere il pubblico, fin dal singolo in dissolvenza di “Violet Hill”, così come nella intensa “42” e nella ritmata e un po’ ironica “Lovers In Japan”.
La voce di Martin è qui uno strano impasto fra quella di Bono e quella del primo Thom Yorke: paragoni che vorrà permetterci, tanto più che il tessuto delle canzoni accosta la banda irlandese ai Coldplay come mai prima d’ora. È quella strana compressione fra ritmo e timbri, fra elettrica ed elettronica, che è il marchio di fabbrica del Brian Eno pop, qui al lavoro assieme a Markus Dravs. Un disco che scorre più veloce e meno stucchevole di quanto da più parti si temesse: vedi il loop su cui si avvia la sinuosa “Yes”, o il continuo occhieggiare al folk. Di sicuro, “Viva La Vida Or Death And All His Friends” è l’album più strutturato e ricco dei Coldplay che, come ogni magnum opus, ne evidenzia i pregi e i limiti. Il bilancino è decisamente a favore dei primi: la curiosità ha avuto la meglio sull’appiattimento o sulla ricerca, pura e semplice, di qualche altro memorabile slogan, così come la produzione non ha avuto reticenze nel caricare, all’occorrenza, i toni. Rimane qualche vizio di forma, da pilota automatico, che non impedirà al cd di togliersi diverse soddisfazioni, non solo commerciali. Dall’altra parte dello steccato, irraggiungibili, continuano a esserci i Radiohead, ma il gruppo ci ha mostrato una sua faccia che non pensavamo nemmeno potesse esistere, poco languida e parecchio avventurosa.

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...