Conor Oberst
Wichita/Self

Gli occhi di Conor Oberst si stanno, per certi versi, schiarendo ancora di più. A ventotto anni, il cantautore americano ha deciso, non sappiamo per quanto a lungo, di abbandonare lo scudo di Bright Eyes e di tornare a vestire fino in fondo i panni di se stesso come non faceva dal 1995. Il risultato è un disco essenziale, dove la chitarra – elettrica o acustica che sia – ha la meglio sulle altre strumentazioni, e il tono intimistico diviene sempre più acuto, penetrante. Ci sono, chiaramente, eccezioni piene di verve (“Danny Callahan”, per esempio) e deviazioni inattese, ma i toni rimangono nitidamente austeri, anche se con buone dosi di energie. È come se le cose da dire, o suonare, avessero la meglio sui vestiti da indossare: la forma delle canzoni diventa così sostanza, e viceversa.
La ballata (“Eagle On A Pole”) si mescola allora, senza soluzione di continuità, con gli adagi del country (“Sausalito”), la brillantezza (una dylaniana “Get Well Cards”) con la disperazione (“I Don’t Want To Die (In A Hospital)”), l’ironia con un senso di dolce disfatta. Basta ascoltare l’apertura di “Cape Canaveral” per capire che il senso, vagamente barocco, di alcune sortite del passato è finito. La concentrazione di Oberst è tutta sul tocco, sul fascino che può avere una melodia stilizzata – per esempio quella della splendida “Landers In The Temple” – e sulla concentrazione a tutto campo, quasi mai autocompiaciuta. Pezzi meno eiettati, sembrerebbe, e più meditati del solito; registrazioni che si sono protratte per i primi due mesi dell’anno a Tepoztlán, in Messico, in un luogo dai retaggi aztechi ed extraterresti assieme. Il risultato è però assolutamente concreto, concepito assieme a una band che si muove all’uniscono con l’artista e risulta altrettanto scarna ed efficiente. Un album che va ascoltato con attenzione: Conor Oberst. Inanella una libertà espressiva in buona parte sconosciuta finora a Conor. E se il meglio, nonostante una produzione già tremendamente cospicua (e premiata) alle spalle, dovesse ancora venire?

 

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...