Conor Oberst
Wichita/Self

Gli occhi di Conor Oberst si stanno, per certi versi, schiarendo ancora di più. A ventotto anni, il cantautore americano ha deciso, non sappiamo per quanto a lungo, di abbandonare lo scudo di Bright Eyes e di tornare a vestire fino in fondo i panni di se stesso come non faceva dal 1995. Il risultato è un disco essenziale, dove la chitarra – elettrica o acustica che sia – ha la meglio sulle altre strumentazioni, e il tono intimistico diviene sempre più acuto, penetrante. Ci sono, chiaramente, eccezioni piene di verve (“Danny Callahan”, per esempio) e deviazioni inattese, ma i toni rimangono nitidamente austeri, anche se con buone dosi di energie. È come se le cose da dire, o suonare, avessero la meglio sui vestiti da indossare: la forma delle canzoni diventa così sostanza, e viceversa.
La ballata (“Eagle On A Pole”) si mescola allora, senza soluzione di continuità, con gli adagi del country (“Sausalito”), la brillantezza (una dylaniana “Get Well Cards”) con la disperazione (“I Don’t Want To Die (In A Hospital)”), l’ironia con un senso di dolce disfatta. Basta ascoltare l’apertura di “Cape Canaveral” per capire che il senso, vagamente barocco, di alcune sortite del passato è finito. La concentrazione di Oberst è tutta sul tocco, sul fascino che può avere una melodia stilizzata – per esempio quella della splendida “Landers In The Temple” – e sulla concentrazione a tutto campo, quasi mai autocompiaciuta. Pezzi meno eiettati, sembrerebbe, e più meditati del solito; registrazioni che si sono protratte per i primi due mesi dell’anno a Tepoztlán, in Messico, in un luogo dai retaggi aztechi ed extraterresti assieme. Il risultato è però assolutamente concreto, concepito assieme a una band che si muove all’uniscono con l’artista e risulta altrettanto scarna ed efficiente. Un album che va ascoltato con attenzione: Conor Oberst. Inanella una libertà espressiva in buona parte sconosciuta finora a Conor. E se il meglio, nonostante una produzione già tremendamente cospicua (e premiata) alle spalle, dovesse ancora venire?

 

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...