Conor Oberst
Wichita/Self

Gli occhi di Conor Oberst si stanno, per certi versi, schiarendo ancora di più. A ventotto anni, il cantautore americano ha deciso, non sappiamo per quanto a lungo, di abbandonare lo scudo di Bright Eyes e di tornare a vestire fino in fondo i panni di se stesso come non faceva dal 1995. Il risultato è un disco essenziale, dove la chitarra – elettrica o acustica che sia – ha la meglio sulle altre strumentazioni, e il tono intimistico diviene sempre più acuto, penetrante. Ci sono, chiaramente, eccezioni piene di verve (“Danny Callahan”, per esempio) e deviazioni inattese, ma i toni rimangono nitidamente austeri, anche se con buone dosi di energie. È come se le cose da dire, o suonare, avessero la meglio sui vestiti da indossare: la forma delle canzoni diventa così sostanza, e viceversa.
La ballata (“Eagle On A Pole”) si mescola allora, senza soluzione di continuità, con gli adagi del country (“Sausalito”), la brillantezza (una dylaniana “Get Well Cards”) con la disperazione (“I Don’t Want To Die (In A Hospital)”), l’ironia con un senso di dolce disfatta. Basta ascoltare l’apertura di “Cape Canaveral” per capire che il senso, vagamente barocco, di alcune sortite del passato è finito. La concentrazione di Oberst è tutta sul tocco, sul fascino che può avere una melodia stilizzata – per esempio quella della splendida “Landers In The Temple” – e sulla concentrazione a tutto campo, quasi mai autocompiaciuta. Pezzi meno eiettati, sembrerebbe, e più meditati del solito; registrazioni che si sono protratte per i primi due mesi dell’anno a Tepoztlán, in Messico, in un luogo dai retaggi aztechi ed extraterresti assieme. Il risultato è però assolutamente concreto, concepito assieme a una band che si muove all’uniscono con l’artista e risulta altrettanto scarna ed efficiente. Un album che va ascoltato con attenzione: Conor Oberst. Inanella una libertà espressiva in buona parte sconosciuta finora a Conor. E se il meglio, nonostante una produzione già tremendamente cospicua (e premiata) alle spalle, dovesse ancora venire?

 

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...