71MSpnpaeOL._SL1241_
Cristina Donà

Così vicini

Qui Base Luna/Believe
8

Quando torna Cristina Donà, torna la canzone d’autore che sa farsi intensa con leggerezza, torna una grazia rara nell’unire retroterra indie rock e cristalline melodie pop, torna una voce che è raffica di brividi ininterrotta. Alla sua prima autoproduzione, la songwriter lombarda rinnova la partnership compositiva con il polistrumentista Saverio Lanza, felicemente inaugurata con il policromo Torno a casa a piedi del 2011, e si concentra sulla comunicazione alla base di ogni rapporto umano. È un album intimo, Così vicini, che esalta tutto quel che c’è, anziché limitarsi alla privazione della pura e semplice sottrazione. È un’indagine interiore, per dirla con le parole della diretta interessata, che non si nega niente e passa dall’emozione del ricordo (la title track, gioco di prestigio battistiano) all’amore, perduto, da far detonare o alimentare (quella Il tuo nome che fa esplodere le rose con romanticismo sbarazzino, una Corri da me talmente bella da indurre vertigini, l’unione di pensiero e fisicità sull’onda dell’empatia de La fame (di te)), oppure ad altre tipologie di legami, quella con un figlio (Perpendicolare, che cementa corpo e spiritualità) o con la natura al tramonto (la conclusiva, struggente Senza parole). Al bisogno di scavare in profondità, con la rimarchevole Il senso delle cose e la propulsiva Siamo vivi, si contrappone poi la consapevolezza di un destino superiore, di forze sovraumane, espressa tramite l’avvincente L’imprevedibile e la magnetica L’infinito nella testa.

Cristina va dritta al punto, al nocciolo delle cose, al cuore di chi inserisce il disco nel lettore. Questo approccio viscerale si ricollega per certi versi all’indimenticabile esordio del 1997, Tregua, se non fosse per una definizione sonora nel frattempo accentuatasi, così come al viaggio emotivo affrontato a suo tempo ne La quinta stagione. Cristina vince, insomma, a mani basse, ancora una volta, perché le sue armi sono tali da non aver bisogno di eccessive sovrastrutture. Correte ad ascoltarla.

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...