CRYSTAL CASTLES II
Fiction/Universal

Eccessivi, modaioli, costruiti a tavolino: abbondanti critiche sono piovute addosso ai Crystal Castles, che da parte loro avranno probabilmente accusato il colpo con un sorriso a denti scoperti e il dito medio alzato. Il partito degli entusiasti, comunque, è stato fin dall’inizio parecchio nutrito: facile, con un esordio fulminante
come l’omonimo album del 2008, autentica fucina di malatissime melodie infettive, tetris elettronici da rompicapo e improvvisi attacchi di rabbia paralizzante. Ethan Kath, principale songwriter e produttore, e Alice Glass, cantante roboticamente camaleontica, rispondono con i fatti, con un soddisfacente secondo capitolo di studio ultimato tra chiese islandesi e garage di Detroit. Forse i potenziali singoli capaci di monopolizzare il lettore e le piste da ballo sono in tale circostanza in numero inferiore, ma la robustezza dell’insieme si delinea al ripetersi degli ascolti. Il fattore sorpresa è leggermente scemato, ragion per cui è un piacere constatare che le cose continuano a funzionare sia nei prevalenti pezzi più eterei (una Celestica che condisce Madonna in salsa shoegaze, una Empathy che è morbidissimo flipper, una Suffocation che non disdegna rimandi french touch, la cover Eighties Not In Love dei conterranei new wave Platinum Blonde, le stranianti Vietnam e I Am Made Of Chalk), sia nei proiettili abrasivi (l’introduttiva Fainting Spells e l’ossessiva, concisa Doe Deer, con sample dell’inedita Insectica, oppure una Birds che miscela effetti sintetici e riff circolari), nelle cartucce a elevate dosi di battiti (la filo-rave Baptism, una geniale Year Of Silence che ha fatto parlare di sé per i campionamenti vocali di Jónsi dei Sigur Rós, dal brano Inní mér syngur vitleysingur). La notizia più importante è che il duo canadese, al di là di scene e rimandi vari, ha il gran pregio di centrare il bersaglio dell’immediata riconoscibilità. A ben pensarci, proprio il motivo principale per cui è talmente odiato o amato di (ri)getto, senza mezze misure.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...