CRYSTAL CASTLES II
Fiction/Universal

Eccessivi, modaioli, costruiti a tavolino: abbondanti critiche sono piovute addosso ai Crystal Castles, che da parte loro avranno probabilmente accusato il colpo con un sorriso a denti scoperti e il dito medio alzato. Il partito degli entusiasti, comunque, è stato fin dall’inizio parecchio nutrito: facile, con un esordio fulminante
come l’omonimo album del 2008, autentica fucina di malatissime melodie infettive, tetris elettronici da rompicapo e improvvisi attacchi di rabbia paralizzante. Ethan Kath, principale songwriter e produttore, e Alice Glass, cantante roboticamente camaleontica, rispondono con i fatti, con un soddisfacente secondo capitolo di studio ultimato tra chiese islandesi e garage di Detroit. Forse i potenziali singoli capaci di monopolizzare il lettore e le piste da ballo sono in tale circostanza in numero inferiore, ma la robustezza dell’insieme si delinea al ripetersi degli ascolti. Il fattore sorpresa è leggermente scemato, ragion per cui è un piacere constatare che le cose continuano a funzionare sia nei prevalenti pezzi più eterei (una Celestica che condisce Madonna in salsa shoegaze, una Empathy che è morbidissimo flipper, una Suffocation che non disdegna rimandi french touch, la cover Eighties Not In Love dei conterranei new wave Platinum Blonde, le stranianti Vietnam e I Am Made Of Chalk), sia nei proiettili abrasivi (l’introduttiva Fainting Spells e l’ossessiva, concisa Doe Deer, con sample dell’inedita Insectica, oppure una Birds che miscela effetti sintetici e riff circolari), nelle cartucce a elevate dosi di battiti (la filo-rave Baptism, una geniale Year Of Silence che ha fatto parlare di sé per i campionamenti vocali di Jónsi dei Sigur Rós, dal brano Inní mér syngur vitleysingur). La notizia più importante è che il duo canadese, al di là di scene e rimandi vari, ha il gran pregio di centrare il bersaglio dell’immediata riconoscibilità. A ben pensarci, proprio il motivo principale per cui è talmente odiato o amato di (ri)getto, senza mezze misure.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...