CRYSTAL CASTLES II
Fiction/Universal

Eccessivi, modaioli, costruiti a tavolino: abbondanti critiche sono piovute addosso ai Crystal Castles, che da parte loro avranno probabilmente accusato il colpo con un sorriso a denti scoperti e il dito medio alzato. Il partito degli entusiasti, comunque, è stato fin dall’inizio parecchio nutrito: facile, con un esordio fulminante
come l’omonimo album del 2008, autentica fucina di malatissime melodie infettive, tetris elettronici da rompicapo e improvvisi attacchi di rabbia paralizzante. Ethan Kath, principale songwriter e produttore, e Alice Glass, cantante roboticamente camaleontica, rispondono con i fatti, con un soddisfacente secondo capitolo di studio ultimato tra chiese islandesi e garage di Detroit. Forse i potenziali singoli capaci di monopolizzare il lettore e le piste da ballo sono in tale circostanza in numero inferiore, ma la robustezza dell’insieme si delinea al ripetersi degli ascolti. Il fattore sorpresa è leggermente scemato, ragion per cui è un piacere constatare che le cose continuano a funzionare sia nei prevalenti pezzi più eterei (una Celestica che condisce Madonna in salsa shoegaze, una Empathy che è morbidissimo flipper, una Suffocation che non disdegna rimandi french touch, la cover Eighties Not In Love dei conterranei new wave Platinum Blonde, le stranianti Vietnam e I Am Made Of Chalk), sia nei proiettili abrasivi (l’introduttiva Fainting Spells e l’ossessiva, concisa Doe Deer, con sample dell’inedita Insectica, oppure una Birds che miscela effetti sintetici e riff circolari), nelle cartucce a elevate dosi di battiti (la filo-rave Baptism, una geniale Year Of Silence che ha fatto parlare di sé per i campionamenti vocali di Jónsi dei Sigur Rós, dal brano Inní mér syngur vitleysingur). La notizia più importante è che il duo canadese, al di là di scene e rimandi vari, ha il gran pregio di centrare il bersaglio dell’immediata riconoscibilità. A ben pensarci, proprio il motivo principale per cui è talmente odiato o amato di (ri)getto, senza mezze misure.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...