Aleph…
Coptic Cat/Goodfellas

David Tibet sa benissimo, in quanto erudito studioso di testi sacri, che l’Apo­calisse è, prima di ogni altra cosa, un genere letterario. Ed è senza dubbio uno di pochi in grado di maneggiare questo genere con gli strumenti appropriati: una cultura vastissima e inesausta e, ancora più importante, una visionarietà non comune che, in un periodo di inibizione dell’immaginario come questo, brilla con accecante persistenza. Tibet ha anche smesso di essere esclusivamente una figura di riferimento di folk apocalittico e dintorni, e il precedente album dei Current 93, Black Ships Ate The Sky, arricchito da una impressionante parata trasversale di ospiti (dal pupillo Antony a Shirley Collins), gli è valso addirittura il disco di platino in Gran Bretagna.
Aleph At The Hallucinatory Mountain è piuttosto diverso dal predecessore ma appartiene anch’esso ad una fase particolarmente felice della vita artistica del musicista inglese. Se in Black Ships Ate The Sky la partita si giocava sulla ciclicità dei brani e la varietà dei colori, questa volta il suono della band – oltre a fedelissimi come Baby Dee, John Contreras e Steven Stapleton sono della partita, tra gli altri, Andrew WK al basso, Matt Sweeney e James Blackshaw, alias Hush Harbors, alle chitarre – è più compatto ed elettrico, e nel raccontare la vicenda di una umanità fondata fin dai primi passi sull’assassinio (avrebbe dovuto essere una trilogia, poi condensata in un unico ciclo di canzoni) è in grado di passare dai riff allucinati di Not Because The Fox Barks, ovvero i Comus annichiliti dalle chitarre dei Black Sabbath, all’acid folk struggente di UrShadow (ospite Rickie Lee Jones), mentre 26 April 2007 traghetta in antri luciferini il Serge Gainsbourg di Melody Nelson e le poche note di piano di As Real As Rainbows accompagnano la voce della pornostar Sasha Gray nell’evanescente finale. La capacità di piegare alle proprie esigenze di affabulatore materiali di ogni tipo è, ancora una volta, impressionante.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...