I AM GEMINI
Saddle Creek/Goodfellas

Sulle vicissitudini che, dal 1995, hanno contraddistinto le sorti
dei Cursive ci sarebbe da scrivere un libro. Il compito, invero ingrato, Tim Kasher, il leader della formazione del Nebraska, lo lascia ai suoi biografi, giacché lui è concentrato sulla creazione,
senza soluzione di continuità, di “concept album”: il primo della serie, “Domestica”, è del 2001; il loro (insuperato) capolavoro, “The Ugly Organ”, arriva due anni più tardi mentre “Happy Hollow” è del 2006. Oggi, con “I Am Gemini”, assieme ai fedeli Ted Stevens (Lullaby For The Working Class), Matt Maginn e Cully Symington, sottopone al nostro giudizio le mitologiche vicende di due gemelli – uno buono, l’altro (ovviamente) cattivo – che la band utilizza per sviscerare, non senza compiutezza, il tema della dualità.
Fossimo nei Settanta, ce ne sarebbe a sufficienza per ritrovarsi
proiettati dentro il calderone del progressive (con ogni conseguenza sulla salute, fisica e mentale, del vostro recensore); fortuna vuole che siamo abbondantemente nel terzo millennio e quel falsetto utilizzato da Kasher, che qualche dubbio – confesso – lo aveva generato, si potrebbe ritenerlo null’altro che un vezzo d’artista. Anche perché alcune composizioni di “I Am Gemini” sono davvero notevoli: pur se corrosi dal suono delle tastiere (“Drunken Birds”, “Twin Dragon/Hello Skeleton”), i passaggi migliori splendono di ritmi sincopati, frammenti di shoegaze e quelle partiture sghembe che muovono da aperture matematiche e, lentamente, disvelano gemme di altissimo pop (“The Sun And The Moon”).
Non tutto, però, gira per il verso giusto: sorprendono in negativo
l’acerba insipienza di “Wowowow” (con i controcanti che, qui davvero, citano Yes e Genesis) e l’arpeggio in salire, assolutamente fine a se stesso, di “The Cat And The Mouse”. Con la conseguenza che, presi a piccole dosi, questi tredici brani risultano perfino godibili; come “unicum”, troppo poco diretti e immediati per reggere il confronto (giusto per rimanere su territori mitologici) con il dio Kronos.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...