I AM GEMINI
Saddle Creek/Goodfellas

Sulle vicissitudini che, dal 1995, hanno contraddistinto le sorti
dei Cursive ci sarebbe da scrivere un libro. Il compito, invero ingrato, Tim Kasher, il leader della formazione del Nebraska, lo lascia ai suoi biografi, giacché lui è concentrato sulla creazione,
senza soluzione di continuità, di “concept album”: il primo della serie, “Domestica”, è del 2001; il loro (insuperato) capolavoro, “The Ugly Organ”, arriva due anni più tardi mentre “Happy Hollow” è del 2006. Oggi, con “I Am Gemini”, assieme ai fedeli Ted Stevens (Lullaby For The Working Class), Matt Maginn e Cully Symington, sottopone al nostro giudizio le mitologiche vicende di due gemelli – uno buono, l’altro (ovviamente) cattivo – che la band utilizza per sviscerare, non senza compiutezza, il tema della dualità.
Fossimo nei Settanta, ce ne sarebbe a sufficienza per ritrovarsi
proiettati dentro il calderone del progressive (con ogni conseguenza sulla salute, fisica e mentale, del vostro recensore); fortuna vuole che siamo abbondantemente nel terzo millennio e quel falsetto utilizzato da Kasher, che qualche dubbio – confesso – lo aveva generato, si potrebbe ritenerlo null’altro che un vezzo d’artista. Anche perché alcune composizioni di “I Am Gemini” sono davvero notevoli: pur se corrosi dal suono delle tastiere (“Drunken Birds”, “Twin Dragon/Hello Skeleton”), i passaggi migliori splendono di ritmi sincopati, frammenti di shoegaze e quelle partiture sghembe che muovono da aperture matematiche e, lentamente, disvelano gemme di altissimo pop (“The Sun And The Moon”).
Non tutto, però, gira per il verso giusto: sorprendono in negativo
l’acerba insipienza di “Wowowow” (con i controcanti che, qui davvero, citano Yes e Genesis) e l’arpeggio in salire, assolutamente fine a se stesso, di “The Cat And The Mouse”. Con la conseguenza che, presi a piccole dosi, questi tredici brani risultano perfino godibili; come “unicum”, troppo poco diretti e immediati per reggere il confronto (giusto per rimanere su territori mitologici) con il dio Kronos.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...