LENSES ALIEN
Memphis Industries/Goodfellas

Ci sono buone probabilità che nel 2009, nella miriade di pubblicazioni che – come ormai capita da almeno tre lustri –
continuano a fagocitare un mercato dall’encefalogramma
mestamente piatto, vi sia sfuggita un’autoproduzione che
rispondeva al nome di Why There Are Mountains, esordio di una misconosciuta band di Staten Island. Non ci sarebbe nulla di male, cose che capitano, se di quell’album, che oggi su eBay, anche per merito dei favori di Pitchfork, vale oro, non ve ne foste accorti. Ci sarebbe, caso mai, da rammaricarsi per non aver beneficiato, sin da subito e con conseguente possibilità di vantarsene con gli amici, di suoni sghembi, ora prossimi allo shoegaze, adesso non troppo dissimili dall’artrock.
Se, invece, lasciaste passare inosservato Lenses Alien, questa
sì risulterebbe una nefandezza, poiché i Cymbals Eat Guitars – il
nome deriva dalla definizione che Lou Reed diede del tipo di musica suonata dai Velvet Underground – sono destinati a ritagliarsi un posto di assoluto rilievo tra le speranze dell’indie a stelle e strisce.
Un esempio concreto dell’approccio di queste undici tracce è fornito da Rifle Eyesight (Proper Name) che, fatte le dovute proporzioni, ricalca esattamente il copione portato in scena dai ragazzi con And The Hazy Sea, il primo pezzo di Why There Are Mountains: otto abbondanti minuti in cui il brano cambia struttura almeno quattro volte, muovendo da un incrocio di voce, basso e chitarra e finendo per lambire, nel suo corpo centrale, movimenti di puro intimismo, a tratti persino lucidamente onirici e rapidi a cavalcare il genio dell’improvvisazione che si impossessa di Joseph D’Agostino e di Matthew Mille, una quarantina di anni in due, amici sin dai tempi della scuola e illuminati fondatori del combo. E che Rifle Eyesight (Proper Name) sia lì, in apertura, è opzione non solo assolutamente condivisibile, ma certo non causale; sfrontata, invece, quel che basta per far comprendere a chi si avvicina ai Cymbals Eat Guitars che se si è alla ricerca dell’hit furbetto o del tormentone che si ambirebbe veder trasmesso su MTV magari è il caso di attendere ancora
qualche settimana, ché Chris Martin è quasi pronto con il nuovo
Coldplay. Loro, i quattro del borough di New York (dove – coincidenza? – il 50 percento degli abitanti è di origine italiana), a compromessi non scendono, di scontato non fa(ra)nnomai nulla; tanto che la volontà di lavorare per questa seconda opera lunga con John Agnello, uno dei produttori più à la page in circolazione, sembrerebbe l’ennesima, eccellente provocazione di un quartetto che sa perfettamente cosa vuole ottenere e in che modo.
Tali scelte consentono a Lenses Alien di crescere ascolto dopo ascolto, con una naturalezza che rimanda a Sebadoh e Neutral Milk Hotel, a Superchunk, Yo La Tengo e Guided By Voices, ai tempi in cui, nella nostra cronica, inguaribile ingenuità, correvamo ad alzare il volume quando, dalla radio, percepivamo le prime note di Cut Your Hair. Qui, ovviamente, non tutto è follia, per quanto controllata: spesso i ritmi sono tipici di composizioni che meriterebbero di ricevere un’esposizione mediatica ben superiore rispetto a quella che, verosimilmente, otterranno (Keep Me Waiting, Definite Darkness), impreziosite, quelle stesse composizioni, da una psichedelia bagnata da un pop sussurrato e da sghembi intrecci tra bassa fedeltà e ballate elettrificate sinuose e crepuscolari (Plainclothes, Wavelenghts). Ecco, allora, che quasi senza accorgersene, a dieci anni dalla pagina più tragica della sua recente storia (l’attacco dell’11 Settembre) e a venti da Nevermind e Generation X, l’America, che nel frattempo, come noi tutti, è radicalmente cambiata, rischia
di aver trovato il gruppo che alla perfezione incarna il desiderio di (r)innovazione: questo è il suono di Lenses Alien e i Cymbals Eat Guitars hanno tutto per trasformarsi nei paladini di una generazione (nel frattempo diventata A) che dovrebbe riscoprire il piacere di ascoltare musica con un vecchio giradischi.

Tratto dal Mucchio n° 687

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...