Fuori le carte. Favorisca i documenti. E allora, favoriamo: la nostra è una posizione critica, vero, non tanto nei confronti dei Daft Punk, quanto di quello che si è scatenato intorno a loro già da anni, diciamo dall’evento-epifania del concerto gratuito al Traffic Festival, Torino, una delle date del “tour con la piramide”: tour in cui legioni di indie rocker ed ascoltatori generalisti hanno scoperto quanto è bello, liberatorio, catartico ballare. Quanto può essere affascinante la musica dance, con la sua cassa e la sua iteratività robotica. La dance non l’hanno inventata i Daft Punk, la cassa in quattro nemmeno, ma Thomas e Guy-Man con Homework prima, con Discovery e la pacchiana perfezione di quel tour poi hanno trovato la chiave perfetta per rendere universale il battito house con tutte le sue implicazioni socio-storico-musicologiche. Logico che molte persone li amino, anzi, addirittura li deifichino: ai loro occhi hanno portato il Verbo. Bella la musica dance, vero? Coinvolgente come poche, no? E vi ricordate di quando, magari fino a cinque minuti prima, dicevate che era una porcheria, che non era musica?
Posto che Discovery era già un lavoro pericolosamente paraculo (affascinante ma paraculo, o forse affascinante perché paraculo) e Human After All invece uno sketch più che un album (però ha il suo perché, ha una sua bizzarra ma coraggiosa integrità), l’ansia e l’attesa che si è scatenata per l’arrivo del nuovo-disco-dei-Daft-Punk (non vorremo mica considerare tale la colonna sonora di Tron, vero?) è semplicemente insana. Lo riscriviamo: insana. Isterica, ecco. Senza giustificazioni razionali. Ma la musica mica si può solo affrontare con giustificazioni razionali. Verissimo. Basta però esserne consapevoli.
Se si è fan, si è fan. Ci si entusiasma a priori. Si falsano i propri personali metri di giudizio, pur di continuare a vivere il sogno, l’entusiasmo, l’adrenalina e l’irrazionalità dell’amore. Va benissimo. Perfetto. Ma non chiedete a tutti di farlo. Non ordinatelo. Non potete farlo. Però ecco, su tutto questo i Daft Punk hanno colpe zero, se non quella di fare una musica di cui è facilissimo innamorarsi. Che non è una colpa, è un merito!
Perché tutto questo discorso? Perché Random Access Memories è tremendamente paraculo. Ma lo è in modo dichiarato, felice, onesto. Random Access Memories sono due francesi ormai quasi di mezza età, creativamente un po’ prosciugati ed impigriti, che hanno carta bianca per realizzare la loro Disneyland, anzi, Memoryland personale: sei cresciuto ascoltando gli Chic e Donna Summer?, e allora pigliati Nile Rodgers e Moroder e fagli fare il Nile Rodgers da cartolina (la chitarrina funky, santo cielo!) e il Moroder monumento di se stesso. Poi: da bambino ti ha tanto stregato Il fantasma del palcoscenico? E allora chiama Paul Williams a cantare. Non ti dimenticare dei vecchi amici (Todd Edwards, Dj Falcon), gratifica quelli nuovi e simpatici (Panda Bear, Chilly Gonzales), chiama una batteria di turnisti che è una All Star del pop da classifica di qualità degli ultimi quattro decenni (ok, i Toto non ci sono, ma in spirito è come ci fossero), butta giù qualche idea (ma non ne servono manco tante, visto che una successione armonica – quella di Get Lucky – la puoi impunemente spalmare su altre due tracce dell’album praticamente tale e quale), crea gli arrangiamenti seguendo i manuali, al massimo divertiti a fare accostamenti inusuali. Et voilà. La gente, molta gente, griderà lo stesso al capolavoro. Spaccerà la gradevolezza per genialità. La scorrevolezza per epica. E altre piccole esagerazioni.
Ti dirà che in fondo il prog è bello. Che la disco non è cheesy. Che Cerrone e i Rockets erano dei geni. Rivaluterebbero anche gli Shakatak, se solo li conoscessero. Non è colpa dei Daft Punk. Ma di Random Access Memories sì. I dischi vecchi dentro, ed orgogliosi di esserlo, non andrebbero mai troppo elogiati, se veramente volete bene agli artisti e non al feticcio che vi siete fatti di essi.

Pubblicato sul Mucchio 707, giugno 2013

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...