BeYDKdwCAAAI9Y_.jpg_large-620x620
Damon Albarn

Everyday Robots

Parlophone/Warner
8

Una domanda che si fa spesso tra appassionati di musica è: “Qual è il primo disco che hai comprato?”. Parte di chi oggi ha circa trent’anni vi risponderà con un titolo degli Oasis o
dei Blur, quando a metà anni 90 si passavano i pomeriggi a guardare MTV Europe e si leggevano gli “NME” a scrocco da Ricordi, vivendo a distanza “l’ultimo fenomeno generazionale della musica pop inglese”. Nel caso di chi scrive, quell’album fu The Great Escape, settembre 1995. Una casualità che non poteva non lasciare il segno, nonostante i Novanta abbiano certamente regalato molto altro. C’è voluta una reunion per convincere parecchi a rivedere in prospettiva il lavoro dei Blur, andati ben oltre la “scena supportata dall’establishment”, per dirla con Kevin Shields.

Stringendo l’obiettivo su Damon Albarn, ed Everyday Robots è solo un pretesto più ufficiale, possiamo azzardare a definirlo una delle poche, se non l’unica, figura musicale – con quelle specifiche coordinate spaziotemporali – a essere cresciuta realmente e costantemente insieme al suo pubblico, a non averlo tradito, magari rassicurandolo con un impeccabile immobilismo e autocitazionismo. Dopo aver guardato sempre avanti, attraverso occhi e suoni ogni volta diversi, con il suo esordio solista in venticinque anni di carriera il piccolo erede di Ray Davies – o, se preferite, la versione inglese e aggiornata di David Byrne – si ferma, si volta indietro e si osserva. Everyday Robots è l’insieme di tutte le esperienze che Albarn ha coltivato dai Blur a oggi, velate della nostalgia di chi sta compiendo, per la prima volta, un viaggio interiore a ritroso. C’è un artista vivacemente raffinato, capace di attingere a un baule di suoni già noti, che stavolta ha preferito riporre il suo coraggio nei testi. Le trame musicali sono pensate per lasciare spazio alla narrazione, che racconta di solitudine nell’era digitale, dell’infanzia sulle rive di un lago nella periferia Nord-Est di Londra e di un’adolescenza fra i boschi della conservativa Colchester, ma anche di un piccolo elefante conosciuto in Africa e di fotogrammi personali che creano connessioni con la musica. Il meccanismo, come nella migliore tradizione della popular culture, genera auto immedesimazione. Ma Albarn non sta fingendo. Sta parlando con l’anima.

Ed è proprio “soulful” la parola che più si adatta a questo album. Non è un caso che nella stanza dei bottoni ci sia Richard Russell, boss di XL Recordings con cui nel 2011 il biondastro quarantaseienne ha collaborato in Congo per il progetto DRC Music e prodotto, nel 2012, The Bravest Man In The Universe di Bobby Womack. Due esperienze che segnano Everyday Robots: la prima, soprattutto nella title track; la seconda, con la sua sinergia soul disseminata in tutto il disco e arricchita dai beat dei Gorillaz, da suggestioni world (Mr. Tembo), da archi, fiati, gospel (con la partecipazione del Pentecostal City Mission Choir, il coro della parrocchia in cui è cresciuto Albarn) e, in Heavy Seas Of Love, da una rarità come la voce di Brian Eno (anche ai synth di You & Me). Pianoforte e chitarra acustica gli strumenti traino, con gli accordi di Hostiles che riportano ai The Good, The Bad & The Queen e la sensazione di ascoltare ballate moderne e minimali, in cui la scrittura matura di Albarn incontra il soul contemporaneo o, all’occorrenza, la voce di Bat for Lashes (in The Sefish Giant).

In un bel documentario sull’album, il musicista racconta di come prima del viaggio sonoro di Everyday Robots ci sia stato un viaggio reale nei luoghi del suo passato, attribuendo agli arpeggi intimi, scarni e ombrosi di Hollow Ponds un valore di snodo per tutta
la composizione. Prima, durante e dopo questo percorso ha raccolto appunti, idee, motivetti registrati sull’iPad o su cassette, un modus operandi schizoide iniziato già nel 2003 con Democrazy, raccolta di demo nota come la sua prima ufficiosa uscita solista. Oggi in molti lo considerano l’autore inglese più completo in circolazione. Lo immaginiamo sorridere e rispondere: “When I’m lonely, I press play”.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...