BeYDKdwCAAAI9Y_.jpg_large-620x620
Damon Albarn

Everyday Robots

Parlophone/Warner
8

Una domanda che si fa spesso tra appassionati di musica è: “Qual è il primo disco che hai comprato?”. Parte di chi oggi ha circa trent’anni vi risponderà con un titolo degli Oasis o
dei Blur, quando a metà anni 90 si passavano i pomeriggi a guardare MTV Europe e si leggevano gli “NME” a scrocco da Ricordi, vivendo a distanza “l’ultimo fenomeno generazionale della musica pop inglese”. Nel caso di chi scrive, quell’album fu The Great Escape, settembre 1995. Una casualità che non poteva non lasciare il segno, nonostante i Novanta abbiano certamente regalato molto altro. C’è voluta una reunion per convincere parecchi a rivedere in prospettiva il lavoro dei Blur, andati ben oltre la “scena supportata dall’establishment”, per dirla con Kevin Shields.

Stringendo l’obiettivo su Damon Albarn, ed Everyday Robots è solo un pretesto più ufficiale, possiamo azzardare a definirlo una delle poche, se non l’unica, figura musicale – con quelle specifiche coordinate spaziotemporali – a essere cresciuta realmente e costantemente insieme al suo pubblico, a non averlo tradito, magari rassicurandolo con un impeccabile immobilismo e autocitazionismo. Dopo aver guardato sempre avanti, attraverso occhi e suoni ogni volta diversi, con il suo esordio solista in venticinque anni di carriera il piccolo erede di Ray Davies – o, se preferite, la versione inglese e aggiornata di David Byrne – si ferma, si volta indietro e si osserva. Everyday Robots è l’insieme di tutte le esperienze che Albarn ha coltivato dai Blur a oggi, velate della nostalgia di chi sta compiendo, per la prima volta, un viaggio interiore a ritroso. C’è un artista vivacemente raffinato, capace di attingere a un baule di suoni già noti, che stavolta ha preferito riporre il suo coraggio nei testi. Le trame musicali sono pensate per lasciare spazio alla narrazione, che racconta di solitudine nell’era digitale, dell’infanzia sulle rive di un lago nella periferia Nord-Est di Londra e di un’adolescenza fra i boschi della conservativa Colchester, ma anche di un piccolo elefante conosciuto in Africa e di fotogrammi personali che creano connessioni con la musica. Il meccanismo, come nella migliore tradizione della popular culture, genera auto immedesimazione. Ma Albarn non sta fingendo. Sta parlando con l’anima.

Ed è proprio “soulful” la parola che più si adatta a questo album. Non è un caso che nella stanza dei bottoni ci sia Richard Russell, boss di XL Recordings con cui nel 2011 il biondastro quarantaseienne ha collaborato in Congo per il progetto DRC Music e prodotto, nel 2012, The Bravest Man In The Universe di Bobby Womack. Due esperienze che segnano Everyday Robots: la prima, soprattutto nella title track; la seconda, con la sua sinergia soul disseminata in tutto il disco e arricchita dai beat dei Gorillaz, da suggestioni world (Mr. Tembo), da archi, fiati, gospel (con la partecipazione del Pentecostal City Mission Choir, il coro della parrocchia in cui è cresciuto Albarn) e, in Heavy Seas Of Love, da una rarità come la voce di Brian Eno (anche ai synth di You & Me). Pianoforte e chitarra acustica gli strumenti traino, con gli accordi di Hostiles che riportano ai The Good, The Bad & The Queen e la sensazione di ascoltare ballate moderne e minimali, in cui la scrittura matura di Albarn incontra il soul contemporaneo o, all’occorrenza, la voce di Bat for Lashes (in The Sefish Giant).

In un bel documentario sull’album, il musicista racconta di come prima del viaggio sonoro di Everyday Robots ci sia stato un viaggio reale nei luoghi del suo passato, attribuendo agli arpeggi intimi, scarni e ombrosi di Hollow Ponds un valore di snodo per tutta
la composizione. Prima, durante e dopo questo percorso ha raccolto appunti, idee, motivetti registrati sull’iPad o su cassette, un modus operandi schizoide iniziato già nel 2003 con Democrazy, raccolta di demo nota come la sua prima ufficiosa uscita solista. Oggi in molti lo considerano l’autore inglese più completo in circolazione. Lo immaginiamo sorridere e rispondere: “When I’m lonely, I press play”.

Commenti

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...