81TSUeh8xqL._SL1197_
Daughn Gibson

Carnation

Sub Pop/Audioglobe
7.5

C’è chi al terzo album prova a definire tutto e chi sceglie di dedicarsi a un tema quale il “caos delle circostanze”. C’è chi non vede l’ora di spiegare ogni minima cosa e chi ci tiene a svelare ben poco, a mantenere un riserbo che sfuma nell’enigma. Daughn Gibson, da Carlisle, PA, appartiene alla seconda categoria, ma Carnation è comunque un lavoro curato al dettaglio, registrato e coprodotto da Randall Dunn a due anni di distanza dall’ottimo Me Moan e tre dal sorprendente All Hell. La voce calda e profonda del songwriter americano dà corpo e anima a immagini che potrebbero uscire da una Bibbia riveduta e (s)corretta da un Joe R. Lansdale, tra morti felicemente dissanguati, stanze d’albergo che si trasformano in paradisi, chiamate che corrono sulla linea telefonica. Il signore in questione è un vero duro, ma realizza il suo disco sin qui più melodico ed elegante, ad acuire il contrasto con le ombre che si allungano sulle undici tracce in scaletta. La principale chiave di lettura è proprio il contrasto: fra elettronica e strumenti suonati, fra classico cantautorato discendente dal country e fascinazioni “trip hip hop”, fra passato e presente, perdizione e beatitudine. È un mondo diviso in due, dove oltrepassare la linea è un attimo e spesso sfugge al nostro controllo.

Il mini-gospel di Bled To Death funge da introduzione, Heaven You Better Come In avvolge e Shatter You Through coinvolge con enfasi di corde e tasti. Da una parte il groove sporco di For Every Bite e la tromba jazzy di Shine Of The Night si votano alla carnalità e al “Sgt Love”, dall’altra lo struggimento malinconico di Daddy I Cut My Hair e A Rope Ain’t Enough amplifica un’inadeguatezza strisciante. I Let Him Deal fa entrare raggi di rock anni 80, la filmica Runaway And The Piro lascia campo agli archi, It Wants Everything è blues dark e Back With The Family cala il sipario passando dal soul-pop al gothic crooning. Forse non ancora rose rosse ma già inebrianti, queste canzoni sbocciano e appassiscono come le esistenze umane che raffigurano.

Commenti

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...