81TSUeh8xqL._SL1197_
Daughn Gibson

Carnation

Sub Pop/Audioglobe
7.5

C’è chi al terzo album prova a definire tutto e chi sceglie di dedicarsi a un tema quale il “caos delle circostanze”. C’è chi non vede l’ora di spiegare ogni minima cosa e chi ci tiene a svelare ben poco, a mantenere un riserbo che sfuma nell’enigma. Daughn Gibson, da Carlisle, PA, appartiene alla seconda categoria, ma Carnation è comunque un lavoro curato al dettaglio, registrato e coprodotto da Randall Dunn a due anni di distanza dall’ottimo Me Moan e tre dal sorprendente All Hell. La voce calda e profonda del songwriter americano dà corpo e anima a immagini che potrebbero uscire da una Bibbia riveduta e (s)corretta da un Joe R. Lansdale, tra morti felicemente dissanguati, stanze d’albergo che si trasformano in paradisi, chiamate che corrono sulla linea telefonica. Il signore in questione è un vero duro, ma realizza il suo disco sin qui più melodico ed elegante, ad acuire il contrasto con le ombre che si allungano sulle undici tracce in scaletta. La principale chiave di lettura è proprio il contrasto: fra elettronica e strumenti suonati, fra classico cantautorato discendente dal country e fascinazioni “trip hip hop”, fra passato e presente, perdizione e beatitudine. È un mondo diviso in due, dove oltrepassare la linea è un attimo e spesso sfugge al nostro controllo.

Il mini-gospel di Bled To Death funge da introduzione, Heaven You Better Come In avvolge e Shatter You Through coinvolge con enfasi di corde e tasti. Da una parte il groove sporco di For Every Bite e la tromba jazzy di Shine Of The Night si votano alla carnalità e al “Sgt Love”, dall’altra lo struggimento malinconico di Daddy I Cut My Hair e A Rope Ain’t Enough amplifica un’inadeguatezza strisciante. I Let Him Deal fa entrare raggi di rock anni 80, la filmica Runaway And The Piro lascia campo agli archi, It Wants Everything è blues dark e Back With The Family cala il sipario passando dal soul-pop al gothic crooning. Forse non ancora rose rosse ma già inebrianti, queste canzoni sbocciano e appassiscono come le esistenze umane che raffigurano.

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...