81TSUeh8xqL._SL1197_
Daughn Gibson

Carnation

Sub Pop/Audioglobe
7.5

C’è chi al terzo album prova a definire tutto e chi sceglie di dedicarsi a un tema quale il “caos delle circostanze”. C’è chi non vede l’ora di spiegare ogni minima cosa e chi ci tiene a svelare ben poco, a mantenere un riserbo che sfuma nell’enigma. Daughn Gibson, da Carlisle, PA, appartiene alla seconda categoria, ma Carnation è comunque un lavoro curato al dettaglio, registrato e coprodotto da Randall Dunn a due anni di distanza dall’ottimo Me Moan e tre dal sorprendente All Hell. La voce calda e profonda del songwriter americano dà corpo e anima a immagini che potrebbero uscire da una Bibbia riveduta e (s)corretta da un Joe R. Lansdale, tra morti felicemente dissanguati, stanze d’albergo che si trasformano in paradisi, chiamate che corrono sulla linea telefonica. Il signore in questione è un vero duro, ma realizza il suo disco sin qui più melodico ed elegante, ad acuire il contrasto con le ombre che si allungano sulle undici tracce in scaletta. La principale chiave di lettura è proprio il contrasto: fra elettronica e strumenti suonati, fra classico cantautorato discendente dal country e fascinazioni “trip hip hop”, fra passato e presente, perdizione e beatitudine. È un mondo diviso in due, dove oltrepassare la linea è un attimo e spesso sfugge al nostro controllo.

Il mini-gospel di Bled To Death funge da introduzione, Heaven You Better Come In avvolge e Shatter You Through coinvolge con enfasi di corde e tasti. Da una parte il groove sporco di For Every Bite e la tromba jazzy di Shine Of The Night si votano alla carnalità e al “Sgt Love”, dall’altra lo struggimento malinconico di Daddy I Cut My Hair e A Rope Ain’t Enough amplifica un’inadeguatezza strisciante. I Let Him Deal fa entrare raggi di rock anni 80, la filmica Runaway And The Piro lascia campo agli archi, It Wants Everything è blues dark e Back With The Family cala il sipario passando dal soul-pop al gothic crooning. Forse non ancora rose rosse ma già inebrianti, queste canzoni sbocciano e appassiscono come le esistenze umane che raffigurano.

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...