daughngibson
Daughn Gibson

Me Moan

Sub Pop/Audioglobe
8

Josh Martin nasce a Nazareth e si trasferisce a Carlisle, sempre in Pennsylvania. Inizia seriamente a fare musica come batterista della stoner band Pearls And Brass, con la quale pubblica due album tra 2003 e 2006. Sei anni dopo l’aitante ragazzo ormai trentunenne – che per guadagnarsi da vivere fa principalmente il camionista, ma al bisogno imballa pure scatole quando non controlla il registro di librerie per adulti – va in giro con camicie a quadri sbottonate sul petto e si ripresenta sulle scene come Daughn Gibson, all’esordio da solista con All Hell. Tutto l’inferno è del resto ciò che viene fuori da un vocione baritonale, che sembra aver mandato a memoria le lezioni di Johnny Cash e di certo Scott Walker. Proprio a Cash, così come a Lee Hazlewood o Hank Williams, guarda una raccolta di canzoni che si rifà espressamente al country e utilizza al contempo l’elettronica. Perché magari, mentre guida al volante, il songwriter si sintonizza su qualche stazione roots e nel tempo libero si tiene aggiornato ascoltando le recenti uscite di area dubstep, da Burial a James Blake. Uno dei tanti connubi possibili tra vecchio e nuovo, di sicuro uno dei più estremi da immaginare, in affinità con le intuizioni di Dirty Beaches o con le ultime contaminazioni di John Grant. Di sicuro uno dei più difficili, quindi, da portare a termine senza risultare forzato o ridicolo.
Martin/Gibson, però, ci riesce e ottiene persino il plauso della critica mettendo d’accordo conservatori e progressisti, gente che bada ai fenomeni del momento e gente che bada con un pizzico di snobismo alla sostanza. Insomma, un personaggio per certi versi ambiguo e misterioso che soddisfa sia “Spin” sia “Pitchfork” e per assurdo in grado, almeno sulla carta, di avvicinare addirittura repubblicani e democratici, visto che nelle foto si fa ritrarre con fucili in spalla mentre inneggia all’apertura delle sue vedute stilistiche.
Adesso tocca quindi al secondo capitolo di studio, Me Moan, che segna il prestigioso passaggio di etichetta alla Sub Pop. I tenebrosi lamenti, veicolati con un canto a tratti leggermente monocorde, sono comunque accompagnati da trame strumentali vitali, che uniscono appunto battiti sintetici o campionamenti e chitarre di ogni tipo, ma all’occasione anche violoncello, trombone e organo. Il tutto suona classicamente moderno, oppure modernamente classico. C’è da aggiungere un immaginario che, sin dalla fortissima immagine di copertina, lega riferimenti religiosi e fantasmi, sacro e profano, riallacciandosi ancora di più alla tradizione americana ma al contempo prendendola a calci. Un immaginario fatto di figli di puttana da mandare all’inferno, del desiderio e del suono della legge, di nascite lungo la strada, presagi udibili nei tuoni e stanze d’albergo, di notte e anima, di macchine che si sfasciano e croci nei torrenti, di falò e lune che si sciolgono, canzoni irlandesi e visioni in bianco e nero, baci e appuntamenti nei bagni, Merlot e sigarette.
Ci sono pezzi orecchiabili nel coadiuvare melodia e ritmo, quasi ideali per una trasmissione in radio, da Phantom Rider alla veemente Kissing On The Blacktop o una Won’t You Climb che piacerebbe a quei romanticoni degli XX. Ci sono episodi che spingono la fantasia oltre: il futurismo con cornamuse di Mad Ocean potrebbe appartenere a un Patrick Wolf in versione macho, nel blues di The Pisgee Nest spunta fuori una pedal steel talmente stratosferica che parrebbe essere maneggiata da Kaki King (in realtà a suonarla è tale Justin Brown). E, a proposito di sei corde, John Baizley dei Baroness e Jim Elkington dei Brokeback ci mettono del loro qua e là. Si va poi da una You Don’t Fade che funzionerebbe persino in pista a una Franco che predilige l’intimismo, fino alla malinconia pura di All My Days Off e della conclusiva, più speranzosa Into The Sea.
La quinta è ingranata, il viaggio vale decisamente il prezzo del biglietto.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...