Hourglass
Mute/Emi

Che aspettative avevate, sul secondo lavoro solistico di Gahan? Noi, poche. Non perché il suo predecessore, “Paper Monsters”, fosse indecoroso; era però una sorta di autoterapia, nel quale il frontman dei Depeche Mode dimostrava, forse ancor più a se stesso che al mondo, di poter vivere anche uscendo dal cono di luce artistico irradiato da Martin Gore. Era decente e dignitoso, ma non moltissimo altro; era in generale non troppo incisivo, restava più impresso lo statement implicito “Questo non è un disco dei Depeche Mode!” (per il taglio e la struttura delle canzoni, per gli arrangiamenti…) che altro. Bene. Questa la premessa. E potete quindi capire quanto noi per primi ci ritroviamo sorpresi a indicare “Hourglass” come uno dei migliori dischi pop del 2007. Se non il migliore.
Gahan all’improvviso si è riappacificato col fantasma/ossessione di Gore, e ha avuto la serenità di creare un album dalle sonorità scuro-elettroniche. Sì, esattamente quelle che hanno fatto la fortuna e l’identità della band-madre, ma con una differenza: grazie ai suoi collaboratori, Christian Eigner e Andrew Phillpott (che dei Depeche sono batterista e ingegnere del suono in concerto), è riuscito a fare ancora di meglio. Davvero: dai tempi dell’esordio di Seal pilotato da Trevor Horn, e parliamo di sedici anni fa, non ricordiamo un disco pop dagli arrangiamenti così belli, intelligenti, raffinati, affascinanti. Archi e sintetizzatori, ritmiche programmate e percussioni live, chitarre rock e stranianti atmosfere digitali: un equilibrio tanto complesso da gestire quanto perfetto. E le canzoni, come sono? Belle pure loro. Belle nei testi (niente di geniale, sia chiaro, ma tutto fila e le parole di Gahan suonano oneste), belle se non bellissime nella scrittura. “Use You” è l’apice, un blues al silicio, ma subito dietro vengono “Miracles”, “Saw Something” e “Insoluble”. Anche nel caso in cui non ti sembrino granché, hanno ad un certo punto soluzioni e idee di primissima qualità (vedi ad esempio “21 Days” e la sua coda). Grande, grandissimo disco.

(Recensione tratta dal Mucchio n.639 – ottobre 2007)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...