Hourglass
Mute/Emi

Che aspettative avevate, sul secondo lavoro solistico di Gahan? Noi, poche. Non perché il suo predecessore, “Paper Monsters”, fosse indecoroso; era però una sorta di autoterapia, nel quale il frontman dei Depeche Mode dimostrava, forse ancor più a se stesso che al mondo, di poter vivere anche uscendo dal cono di luce artistico irradiato da Martin Gore. Era decente e dignitoso, ma non moltissimo altro; era in generale non troppo incisivo, restava più impresso lo statement implicito “Questo non è un disco dei Depeche Mode!” (per il taglio e la struttura delle canzoni, per gli arrangiamenti…) che altro. Bene. Questa la premessa. E potete quindi capire quanto noi per primi ci ritroviamo sorpresi a indicare “Hourglass” come uno dei migliori dischi pop del 2007. Se non il migliore.
Gahan all’improvviso si è riappacificato col fantasma/ossessione di Gore, e ha avuto la serenità di creare un album dalle sonorità scuro-elettroniche. Sì, esattamente quelle che hanno fatto la fortuna e l’identità della band-madre, ma con una differenza: grazie ai suoi collaboratori, Christian Eigner e Andrew Phillpott (che dei Depeche sono batterista e ingegnere del suono in concerto), è riuscito a fare ancora di meglio. Davvero: dai tempi dell’esordio di Seal pilotato da Trevor Horn, e parliamo di sedici anni fa, non ricordiamo un disco pop dagli arrangiamenti così belli, intelligenti, raffinati, affascinanti. Archi e sintetizzatori, ritmiche programmate e percussioni live, chitarre rock e stranianti atmosfere digitali: un equilibrio tanto complesso da gestire quanto perfetto. E le canzoni, come sono? Belle pure loro. Belle nei testi (niente di geniale, sia chiaro, ma tutto fila e le parole di Gahan suonano oneste), belle se non bellissime nella scrittura. “Use You” è l’apice, un blues al silicio, ma subito dietro vengono “Miracles”, “Saw Something” e “Insoluble”. Anche nel caso in cui non ti sembrino granché, hanno ad un certo punto soluzioni e idee di primissima qualità (vedi ad esempio “21 Days” e la sua coda). Grande, grandissimo disco.

(Recensione tratta dal Mucchio n.639 – ottobre 2007)

Ultime recensioni Musica
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...