Hourglass
Mute/Emi

Che aspettative avevate, sul secondo lavoro solistico di Gahan? Noi, poche. Non perché il suo predecessore, “Paper Monsters”, fosse indecoroso; era però una sorta di autoterapia, nel quale il frontman dei Depeche Mode dimostrava, forse ancor più a se stesso che al mondo, di poter vivere anche uscendo dal cono di luce artistico irradiato da Martin Gore. Era decente e dignitoso, ma non moltissimo altro; era in generale non troppo incisivo, restava più impresso lo statement implicito “Questo non è un disco dei Depeche Mode!” (per il taglio e la struttura delle canzoni, per gli arrangiamenti…) che altro. Bene. Questa la premessa. E potete quindi capire quanto noi per primi ci ritroviamo sorpresi a indicare “Hourglass” come uno dei migliori dischi pop del 2007. Se non il migliore.
Gahan all’improvviso si è riappacificato col fantasma/ossessione di Gore, e ha avuto la serenità di creare un album dalle sonorità scuro-elettroniche. Sì, esattamente quelle che hanno fatto la fortuna e l’identità della band-madre, ma con una differenza: grazie ai suoi collaboratori, Christian Eigner e Andrew Phillpott (che dei Depeche sono batterista e ingegnere del suono in concerto), è riuscito a fare ancora di meglio. Davvero: dai tempi dell’esordio di Seal pilotato da Trevor Horn, e parliamo di sedici anni fa, non ricordiamo un disco pop dagli arrangiamenti così belli, intelligenti, raffinati, affascinanti. Archi e sintetizzatori, ritmiche programmate e percussioni live, chitarre rock e stranianti atmosfere digitali: un equilibrio tanto complesso da gestire quanto perfetto. E le canzoni, come sono? Belle pure loro. Belle nei testi (niente di geniale, sia chiaro, ma tutto fila e le parole di Gahan suonano oneste), belle se non bellissime nella scrittura. “Use You” è l’apice, un blues al silicio, ma subito dietro vengono “Miracles”, “Saw Something” e “Insoluble”. Anche nel caso in cui non ti sembrino granché, hanno ad un certo punto soluzioni e idee di primissima qualità (vedi ad esempio “21 Days” e la sua coda). Grande, grandissimo disco.

(Recensione tratta dal Mucchio n.639 – ottobre 2007)

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...