Hourglass
Mute/Emi

Che aspettative avevate, sul secondo lavoro solistico di Gahan? Noi, poche. Non perché il suo predecessore, “Paper Monsters”, fosse indecoroso; era però una sorta di autoterapia, nel quale il frontman dei Depeche Mode dimostrava, forse ancor più a se stesso che al mondo, di poter vivere anche uscendo dal cono di luce artistico irradiato da Martin Gore. Era decente e dignitoso, ma non moltissimo altro; era in generale non troppo incisivo, restava più impresso lo statement implicito “Questo non è un disco dei Depeche Mode!” (per il taglio e la struttura delle canzoni, per gli arrangiamenti…) che altro. Bene. Questa la premessa. E potete quindi capire quanto noi per primi ci ritroviamo sorpresi a indicare “Hourglass” come uno dei migliori dischi pop del 2007. Se non il migliore.
Gahan all’improvviso si è riappacificato col fantasma/ossessione di Gore, e ha avuto la serenità di creare un album dalle sonorità scuro-elettroniche. Sì, esattamente quelle che hanno fatto la fortuna e l’identità della band-madre, ma con una differenza: grazie ai suoi collaboratori, Christian Eigner e Andrew Phillpott (che dei Depeche sono batterista e ingegnere del suono in concerto), è riuscito a fare ancora di meglio. Davvero: dai tempi dell’esordio di Seal pilotato da Trevor Horn, e parliamo di sedici anni fa, non ricordiamo un disco pop dagli arrangiamenti così belli, intelligenti, raffinati, affascinanti. Archi e sintetizzatori, ritmiche programmate e percussioni live, chitarre rock e stranianti atmosfere digitali: un equilibrio tanto complesso da gestire quanto perfetto. E le canzoni, come sono? Belle pure loro. Belle nei testi (niente di geniale, sia chiaro, ma tutto fila e le parole di Gahan suonano oneste), belle se non bellissime nella scrittura. “Use You” è l’apice, un blues al silicio, ma subito dietro vengono “Miracles”, “Saw Something” e “Insoluble”. Anche nel caso in cui non ti sembrino granché, hanno ad un certo punto soluzioni e idee di primissima qualità (vedi ad esempio “21 Days” e la sua coda). Grande, grandissimo disco.

(Recensione tratta dal Mucchio n.639 – ottobre 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...