David Bowie
- Accadde un anno fa
David Bowie

Blackstar

ISO/Columbia/Sony
9

Quando pensiamo a David Bowie, non è raro incrociarne la figura con termini altisonanti, dalla genialità al coraggio, una volta tanto usati con cognizione di causa. Complice una serie di avvenimenti non sempre fausti (tra cui un intervento al cuore nel 2006), negli ultimi anni e più specificatamente dall’uscita nel 2013 di The Next Day, le sue già innumerevoli qualità hanno iniziato a tingersi di nuove sfumature, una sincerità dolorosa, intenzionata non a rivelare dettagli inediti e morbosi della sua vita privata, bensì a mostrare l’avvenuta aderenza tra l’uomo e l’artista. Fuori dalla camera degli specchi, dismessi i panni dei tanti personaggi dietro cui si è barricato in 54 anni di carriera, Bowie ha dunque deciso di morire e rinascere, lui per primo, con un album definitivo, finale, che non a caso viene pubblicato nel giorno del suo compleanno. “We were born upside down, born the wrong the way round” canta nella parte finale del brano d’apertura, title track nonché singolo voluto fortissimamente dal musicista, al punto da ridurne la durata a 9 minuti e 58 secondi per evitare il veto di iTunes che non permette ai pezzi di lunghezza superiore ai 10 minuti di essere venduti individualmente. Il messaggio, sottolineato dal video di Johan Renck che lo accompagna, arriva dritto al cuore: il Maggiore Tom è morto, non mi appartiene più. Io sono David Bowie, la somma dei tanti me, sono la Stella Nera. La traccia, vera e propria suite costituita da due sezioni principali e un’improvvisazione centrale a fare da collante, è elettronica, free jazz, blues e disco, follemente, miracolosamente insieme. Un capolavoro nel capolavoro. Gli ultimi battiti di Blackstar rallentano il passo prima di spegnersi del tutto, rendendo l’aggressione di Tis A Pity She Was A Whore ancora più sorprendente. La canzone presenta un suono gonfio al punto da generare un’esigenza quasi fisica di sottrazione che però non giunge, rendendo l’aria carica di tensione. I cori, volutamente schiacciati, richiamano il passato in modo tuttavia inafferrabile, sorta di eco spettrale del Duca che fu. Insieme a Sue (Or in A Season Of Crime), Tis A Pity… è l’episodio che due anni fa – e in forma differente – confuse un po’ tutti. Eccellente scarto da The Next Day o possibile direzione futura? La risposta che ci viene fornita oggi è che niente può rimanere lo stesso talmente a lungo.

Presente anche nel recente musical dallo stesso nome con Michael C. Hall di Dexter a dare nuovo corpo e storia a T.J. Newton, l’alieno de L’uomo che cadde sulla terra, Lazarus è invece una ballata dolente, in odore di glam, vizio e riscatto (“I’ll be free just like that bluebird”), a cavallo tra Hedwig and The Angry Inch e Lou Reed (periodo Transformer, neanche a dirlo). La coda vede i contrappunti chitarristici tramutarsi in strappi furiosi, lasciando intendere che la libertà, cari uccellini, ha un prezzo. Non così evocativa ma altrettanto potente la nuova versione della già citata Sue; il tempo dnb – piccola meraviglia! – è la base ottimale per interventi al microfono al limite dell’improvvisazione e che anche dopo ripetuti giri non perdono in energia e spontaneità. La voce riverberata in Girl Loves Me, di contro, si adagia su un groove disteso, quasi lisergico, supportato dal Polari, slang ormai desueto che ebbe vasta diffusione nelle fiere, nei teatri e, più concretamente, all’interno della comunità gay (Morrissey lo utilizzò per Bona Drag e Piccadilly Palare). È però con i due brani posti in chiusura che Blackstar concreta il bisogno di essere ascoltato per intero. Un beat electro, scheggia impazzita, unisce indissolubilmente Dollar Days e I Can’t Give Everything Away. Morbidezza nei suoni e asperità nella voce il primo, ripresa (consapevole?) di Soul Love il secondo. È l’addio definitivo, quello in cui anche il personaggio con cui più spesso lo abbiamo identificato viene divorato dal proprio creatore, ché oggi c’è spazio solo per lui, David Bowie, la Stella Nera. Meravigliosa e mortale.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...