David Bowie
- Accadde un anno fa
David Bowie

Blackstar

ISO/Columbia/Sony
9

Quando pensiamo a David Bowie, non è raro incrociarne la figura con termini altisonanti, dalla genialità al coraggio, una volta tanto usati con cognizione di causa. Complice una serie di avvenimenti non sempre fausti (tra cui un intervento al cuore nel 2006), negli ultimi anni e più specificatamente dall’uscita nel 2013 di The Next Day, le sue già innumerevoli qualità hanno iniziato a tingersi di nuove sfumature, una sincerità dolorosa, intenzionata non a rivelare dettagli inediti e morbosi della sua vita privata, bensì a mostrare l’avvenuta aderenza tra l’uomo e l’artista. Fuori dalla camera degli specchi, dismessi i panni dei tanti personaggi dietro cui si è barricato in 54 anni di carriera, Bowie ha dunque deciso di morire e rinascere, lui per primo, con un album definitivo, finale, che non a caso viene pubblicato nel giorno del suo compleanno. “We were born upside down, born the wrong the way round” canta nella parte finale del brano d’apertura, title track nonché singolo voluto fortissimamente dal musicista, al punto da ridurne la durata a 9 minuti e 58 secondi per evitare il veto di iTunes che non permette ai pezzi di lunghezza superiore ai 10 minuti di essere venduti individualmente. Il messaggio, sottolineato dal video di Johan Renck che lo accompagna, arriva dritto al cuore: il Maggiore Tom è morto, non mi appartiene più. Io sono David Bowie, la somma dei tanti me, sono la Stella Nera. La traccia, vera e propria suite costituita da due sezioni principali e un’improvvisazione centrale a fare da collante, è elettronica, free jazz, blues e disco, follemente, miracolosamente insieme. Un capolavoro nel capolavoro. Gli ultimi battiti di Blackstar rallentano il passo prima di spegnersi del tutto, rendendo l’aggressione di Tis A Pity She Was A Whore ancora più sorprendente. La canzone presenta un suono gonfio al punto da generare un’esigenza quasi fisica di sottrazione che però non giunge, rendendo l’aria carica di tensione. I cori, volutamente schiacciati, richiamano il passato in modo tuttavia inafferrabile, sorta di eco spettrale del Duca che fu. Insieme a Sue (Or in A Season Of Crime), Tis A Pity… è l’episodio che due anni fa – e in forma differente – confuse un po’ tutti. Eccellente scarto da The Next Day o possibile direzione futura? La risposta che ci viene fornita oggi è che niente può rimanere lo stesso talmente a lungo.

Presente anche nel recente musical dallo stesso nome con Michael C. Hall di Dexter a dare nuovo corpo e storia a T.J. Newton, l’alieno de L’uomo che cadde sulla terra, Lazarus è invece una ballata dolente, in odore di glam, vizio e riscatto (“I’ll be free just like that bluebird”), a cavallo tra Hedwig and The Angry Inch e Lou Reed (periodo Transformer, neanche a dirlo). La coda vede i contrappunti chitarristici tramutarsi in strappi furiosi, lasciando intendere che la libertà, cari uccellini, ha un prezzo. Non così evocativa ma altrettanto potente la nuova versione della già citata Sue; il tempo dnb – piccola meraviglia! – è la base ottimale per interventi al microfono al limite dell’improvvisazione e che anche dopo ripetuti giri non perdono in energia e spontaneità. La voce riverberata in Girl Loves Me, di contro, si adagia su un groove disteso, quasi lisergico, supportato dal Polari, slang ormai desueto che ebbe vasta diffusione nelle fiere, nei teatri e, più concretamente, all’interno della comunità gay (Morrissey lo utilizzò per Bona Drag e Piccadilly Palare). È però con i due brani posti in chiusura che Blackstar concreta il bisogno di essere ascoltato per intero. Un beat electro, scheggia impazzita, unisce indissolubilmente Dollar Days e I Can’t Give Everything Away. Morbidezza nei suoni e asperità nella voce il primo, ripresa (consapevole?) di Soul Love il secondo. È l’addio definitivo, quello in cui anche il personaggio con cui più spesso lo abbiamo identificato viene divorato dal proprio creatore, ché oggi c’è spazio solo per lui, David Bowie, la Stella Nera. Meravigliosa e mortale.

Commenti

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...