HERE LIES LOVE
Nonesuch/Warner

La “morte dell’album”, per dirla con David Byrne nelle sue note di accompagnamento, ha prodotto un album monumentale. Un paradosso? No, semplicemente la voglia di rilanciare ancora più in alto, per superare le secche della febbre da download (e dell’inciviltà, permetteteci di dirlo, per la quale è considerato normale, se non giusto, che la musica si possa avere gratis). Bravo Byrne ad affrontare la situazione con questo piglio, e bravo anche a sparigliare le carte creando questa strana coppia con Fatboy Slim. A essere cattivi, nemmeno tanto strana, dato che in fondo entrambi hanno un grande futuro dietro le spalle: due artisti, cioè, che hanno ridisegnato le regole del gioco, rivoluzionandole quasi, ma che oggi sono arrivati in quella rischiosa posizione per cui non ci si aspetta più di tanto da loro in quanto, nei rispettivi campi, vengono un po’ considerati i monumenti di se stessi. A sentire poi il primo dei due cd (sì, perché Here Lies Love è doppio), i pensieri cattivi paiono quelli che disegnano i dati di fatto. L’impressione, insomma, è che questo progetto sia un elegantema pachidermico e inerte colonnone sonoro da musical esplicitamente agiografico, con l’aggravante che l’agiografia è, beh, su Imelda Marcos, non proprio il personaggio più umile e valoroso nella storia dell’umanità. Sì, c’è qualche sprazzo melodico interessante (Every Drop Of Rain), ma ci si barcamena fra echi di Abba, annacquate citazioni disco e viaggi nel pop anni 80 come lo faceva Tina Turner. Mah. Il secondo cd segna un netto cambio di rotta: la mano di Fatboy Slim comincia a farsi sentire (ed è ispirata), la storia di Imelda vira verso un acido disastro, Byrne arriva a toccare vette di ispirazione ai livelli dei Talking Heads (American Troglodyte, Men Will Do Anything). E ti ritrovi a comprendere che il primo cd una volta sentito il secondo acquista più senso, il secondo cd una volta ascoltato il primo si mostra ancor più bello. Poteva essere un fragoroso inutile fallimento (ornato di una line up vocale da paura, la lista delle ospiti è pazzesca), invece è un centro pieno.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...