David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

Nonesuch
7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di Grown Backwards (2004). Non che sia stato da allora con le mani in mano, anzi: collaborazioni musicali di vario genere (da St. Vincent a Fatboy Slim), allestimenti teatrali, libri ed eventi vari. Ultimo in ordine cronologico, il progetto di condivisione Reasons To Be Cheerful, con relativi incontri pubblici (in Italia, lo scorso 26 gennaio alla Fondazione Prada di Milano). Proprio questa ricerca di “motivi di contentezza” è stata fonte d’ispirazione per il disco dedicato all’Utopia Americana. Non si tratta ovviamente di un’apologia dell’ottimismo: come potrebbe, con
i tempi che corrono. Semmai di uno sguardo panoramico sullo Stato dell’Unione, tentando di capire perché sullo slancio delle aspirazioni originarie si sia arrivati sull’orlo del baratro. Programmaticamente, però, Byrne si dichiara refrattario alla disperazione e al cinismo, nonostante Trump (al cui indirizzo ha postato una playlist intitolata eloquentemente The Beautiful Shitholes, dopo la sua piazzata sui “paesi di merda”), nella convinzione che “le canzoni aiutano”.

Sarà così? All’ascolto, dovendo essere schietti, l’album non è memorabile. Eppure le premesse erano rassicuranti, a cominciare dal rango dei complici: vecchi (Brian Eno, responsabile delle musiche in otto casi su dieci e implicato nelle registrazioni in quattro) e nuovi (Sampha e soprattutto Daniel Lopatin, alias Oneohtrix Point Never, che partecipa a cinque pezzi e ne firma un paio). Vi sono guizzi di classe purissima: il break al gusto dub (con tanto di melodica) che interrompe l’andamento sereno di Gasoline And Dirty Sheets, l’alato sbocco corale di Dog’s Mind, l’impertinente schiettare sul ciondolio tropicale di It’s Not Dark Up Here, la melodia in assenza di gravità – contrappuntata dagli archi – di Doing The Right Thing. Se poi uno cerca groove funky, voce nevrotica e squillare di fiati (nostalgia canaglia!), troverà conforto in Everybody’s Coming To My House.

Il meglio sta comunque nei testi, alla fin fine. Istantanee del mondo in cui viviamo. Dance Like This, niente affatto “dance”, sembra un ritratto dei millennials: “Una mamma carta di credito, un papà invisibile, opportunità di carriera, che non hai mai avuto”. Affiora qui e là Internet: “Dicono che la risposta sia distante un clic” (Gasoline And Dirty Sheets) o “Il mio software è famoso ovunque” (Every Day is A Miracle, altrimenti consacrata a bizzarre visioni non antropocentriche: “Uno scarafaggio può mangiarsi Monna Lisa, il Papa non significa un cazzo per un cane, e gli elefanti non leggono i quotidiani”). Su tutto, la condizione umana: tra sfigati (“Ti tocca cantare per svoltare cena”) e bon vivant (“Lei e io visitiamo i santuari del turismo, siamo eri della nostra automobile, lei sceglie alcuni manufatti, io sono appassionato di cucina locale”). A proposito di gitanti: “Siamo solo turisti in questa vita, turisti e basta, ma la vistaè gradevole”. Da rimanerne affascinati, ma il batticuore è un’altra cosa (avete presente Youth del suo amico Sorrentino? Ecco…). Ne ammiriamo l’intelligenza superiore, c’inchiniamo di fronte a essa e attendiamo con immutata fiducia i prossimi concerti “coreografati”: “Il mio show più ambizioso da quelli filmati per Stop Making Sense”.

Pubblicato sul Mucchio Selvaggio Magazine n. 764

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...