the-big-dream-david-lynch-2013-Vinile-lp2
David Lynch

The Big Dream

Sunday Best/Pias
8

Ha abbandonato il cinema perché i tempi sono cambiati e non c’è più spazio per chi, pur ampiamente consegnato alla Storia, porta avanti discorsi altri. Che spazio, dunque, può trovare David Lynch in un panorama discografico contraddistinto da iperproduzione, sovraffollamento ed estrema velocità? Eppure lo trova, in naturale scioltezza.
L’artista americano punta sul connubio fra elementi soltanto all’apparenza opposti, volti a un unico scopo: trasmettere vibrazioni. Vibrazioni che arrivano da un cuore old style, affezionato alle forme primordiali del blues, e sono elaborate da un’immaginazione tuttora assai fervida, proiettata sulle ipotesi del domani. Non è un caso se l’unione fra strutture tradizionali, frutto dell’improvvisazione derivata dal jazz, e l’uso dell’elettronica potrebbe accomunare il regista a emergenti come Dirty Beaches o in misura minore Daughn Gibson. Lynch dà le piste ai coetanei ma procede senza perdere il passo con le nuove leve.
Per questa seconda avventura di studio la scelta della spalla in fase di scrittura, esecuzione e produzione cade ancora una volta su Dean Hurley. Rispetto all’ottimo, cupo e paranoico Crazy Clown Time del 2011, The Big Dream concede però maggior campo al gioco e alla musicalità, sporcata da una voce così effettata da risultare sfuggente e indefinibile: che sia con i riverberi di una title track che è inno ai sentimenti, che sia con una Last Call che lascia aprire la nenia ipnotica del recitato in un ritornello suadente, che sia con il nebbioso groove a spirale di Wishin’ Well oppure l’incedere imperioso di Say It. Allo storytelling ossessivo di Star Dream Girl si associano senza colpo ferire una ballata come Cold Wind Blowin’ e le dilatazioni dolenti di The Line It Curves, alla cover di Bob Dylan con la testa a Nina Simone di The Ballad Of Hollis Brown si abbina il singolo intonato da Likke Li, I’m Waiting Here. Le strade perdute sono quelle della mente, che talvolta portano alla legittima concretizzazione di grandi sogni.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...