the-big-dream-david-lynch-2013-Vinile-lp2
David Lynch

The Big Dream

Sunday Best/Pias
8

Ha abbandonato il cinema perché i tempi sono cambiati e non c’è più spazio per chi, pur ampiamente consegnato alla Storia, porta avanti discorsi altri. Che spazio, dunque, può trovare David Lynch in un panorama discografico contraddistinto da iperproduzione, sovraffollamento ed estrema velocità? Eppure lo trova, in naturale scioltezza.
L’artista americano punta sul connubio fra elementi soltanto all’apparenza opposti, volti a un unico scopo: trasmettere vibrazioni. Vibrazioni che arrivano da un cuore old style, affezionato alle forme primordiali del blues, e sono elaborate da un’immaginazione tuttora assai fervida, proiettata sulle ipotesi del domani. Non è un caso se l’unione fra strutture tradizionali, frutto dell’improvvisazione derivata dal jazz, e l’uso dell’elettronica potrebbe accomunare il regista a emergenti come Dirty Beaches o in misura minore Daughn Gibson. Lynch dà le piste ai coetanei ma procede senza perdere il passo con le nuove leve.
Per questa seconda avventura di studio la scelta della spalla in fase di scrittura, esecuzione e produzione cade ancora una volta su Dean Hurley. Rispetto all’ottimo, cupo e paranoico Crazy Clown Time del 2011, The Big Dream concede però maggior campo al gioco e alla musicalità, sporcata da una voce così effettata da risultare sfuggente e indefinibile: che sia con i riverberi di una title track che è inno ai sentimenti, che sia con una Last Call che lascia aprire la nenia ipnotica del recitato in un ritornello suadente, che sia con il nebbioso groove a spirale di Wishin’ Well oppure l’incedere imperioso di Say It. Allo storytelling ossessivo di Star Dream Girl si associano senza colpo ferire una ballata come Cold Wind Blowin’ e le dilatazioni dolenti di The Line It Curves, alla cover di Bob Dylan con la testa a Nina Simone di The Ballad Of Hollis Brown si abbina il singolo intonato da Likke Li, I’m Waiting Here. Le strade perdute sono quelle della mente, che talvolta portano alla legittima concretizzazione di grandi sogni.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...