the-big-dream-david-lynch-2013-Vinile-lp2
David Lynch

The Big Dream

Sunday Best/Pias
8

Ha abbandonato il cinema perché i tempi sono cambiati e non c’è più spazio per chi, pur ampiamente consegnato alla Storia, porta avanti discorsi altri. Che spazio, dunque, può trovare David Lynch in un panorama discografico contraddistinto da iperproduzione, sovraffollamento ed estrema velocità? Eppure lo trova, in naturale scioltezza.
L’artista americano punta sul connubio fra elementi soltanto all’apparenza opposti, volti a un unico scopo: trasmettere vibrazioni. Vibrazioni che arrivano da un cuore old style, affezionato alle forme primordiali del blues, e sono elaborate da un’immaginazione tuttora assai fervida, proiettata sulle ipotesi del domani. Non è un caso se l’unione fra strutture tradizionali, frutto dell’improvvisazione derivata dal jazz, e l’uso dell’elettronica potrebbe accomunare il regista a emergenti come Dirty Beaches o in misura minore Daughn Gibson. Lynch dà le piste ai coetanei ma procede senza perdere il passo con le nuove leve.
Per questa seconda avventura di studio la scelta della spalla in fase di scrittura, esecuzione e produzione cade ancora una volta su Dean Hurley. Rispetto all’ottimo, cupo e paranoico Crazy Clown Time del 2011, The Big Dream concede però maggior campo al gioco e alla musicalità, sporcata da una voce così effettata da risultare sfuggente e indefinibile: che sia con i riverberi di una title track che è inno ai sentimenti, che sia con una Last Call che lascia aprire la nenia ipnotica del recitato in un ritornello suadente, che sia con il nebbioso groove a spirale di Wishin’ Well oppure l’incedere imperioso di Say It. Allo storytelling ossessivo di Star Dream Girl si associano senza colpo ferire una ballata come Cold Wind Blowin’ e le dilatazioni dolenti di The Line It Curves, alla cover di Bob Dylan con la testa a Nina Simone di The Ballad Of Hollis Brown si abbina il singolo intonato da Likke Li, I’m Waiting Here. Le strade perdute sono quelle della mente, che talvolta portano alla legittima concretizzazione di grandi sogni.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...