deafheaven-sunbather
Deafheaven

Sunbather

Deathwish
8

Ogni cosa ha il suo post. Scoccia eccome dover prestare il fianco alle teorie dei post-tuttologi, che sull’ubiquità del prefisso stanno marciando ben oltre il lecito; ci eravamo convinti tutto sommato che, per quanto hardcore prima e metal poi abbiano da tempo allentato le briglie per diventare qualcosa di altro da sé, almeno i fratellini tosti come Death & Black fossero destinati a tener duro, restare i bastioni saldi per nicchie di pochi irriducibili. E invece…
La storia della band di San Francisco è iniziata non troppo tempo fa, con un titolo come Road To Judah e una ragione sociale che mette in fila due parole tutteattaccate, in omaggio agli amati Slowdive. Così raccontano loro, almeno: a ben vedere, di nomi con gli stessi requisiti se ne troverebbero sì e no qualche altro migliaio, ma il riferimento agli animatori dello shoegaze è strategico per dare ad intendere quel che accadrà. E accadrà che la doppia natura della combo diventerà un tutt’uno solo in corrispondenza di questo secondo lp, dove “le parti metal più metal e quelle non-metal molto più non-metal”. Parole dei diretti interessati, contorte ma veritiere: su disco il growl di George Clarke che, stando ai video che girano in rete, dev’essere la prima attrazione in sede live (guardatelo come suda, in maniche di camicia…), svolge una funzione vicaria pari ad un accompagnamento ritmico, un effetto drammatico, se preferite. Di certo la sostanza musicale di Sunbather si trova altrove, nel mood malinconico delle chitarre che si intrecciano su Irresistible o magari negli inserti d’ambiente sotto i quali cova il fuoco di Windows. Se ci sia qualcosa, e che cosa, di davvero “nuovo” tra queste tracce potrebbe essere oggetto di un’altra annosa digressione, che la recensione di un disco tanto ben riuscito non merita di ospitare. Per ora ci accontentiamo di constatare che, se esiste un “dopo” anche per il black metal, potrebbe non trovarsi troppo lontano dall’ipotesi di questo Paradiso per Sordi.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...