deafheaven-sunbather
Deafheaven

Sunbather

Deathwish
8

Ogni cosa ha il suo post. Scoccia eccome dover prestare il fianco alle teorie dei post-tuttologi, che sull’ubiquità del prefisso stanno marciando ben oltre il lecito; ci eravamo convinti tutto sommato che, per quanto hardcore prima e metal poi abbiano da tempo allentato le briglie per diventare qualcosa di altro da sé, almeno i fratellini tosti come Death & Black fossero destinati a tener duro, restare i bastioni saldi per nicchie di pochi irriducibili. E invece…
La storia della band di San Francisco è iniziata non troppo tempo fa, con un titolo come Road To Judah e una ragione sociale che mette in fila due parole tutteattaccate, in omaggio agli amati Slowdive. Così raccontano loro, almeno: a ben vedere, di nomi con gli stessi requisiti se ne troverebbero sì e no qualche altro migliaio, ma il riferimento agli animatori dello shoegaze è strategico per dare ad intendere quel che accadrà. E accadrà che la doppia natura della combo diventerà un tutt’uno solo in corrispondenza di questo secondo lp, dove “le parti metal più metal e quelle non-metal molto più non-metal”. Parole dei diretti interessati, contorte ma veritiere: su disco il growl di George Clarke che, stando ai video che girano in rete, dev’essere la prima attrazione in sede live (guardatelo come suda, in maniche di camicia…), svolge una funzione vicaria pari ad un accompagnamento ritmico, un effetto drammatico, se preferite. Di certo la sostanza musicale di Sunbather si trova altrove, nel mood malinconico delle chitarre che si intrecciano su Irresistible o magari negli inserti d’ambiente sotto i quali cova il fuoco di Windows. Se ci sia qualcosa, e che cosa, di davvero “nuovo” tra queste tracce potrebbe essere oggetto di un’altra annosa digressione, che la recensione di un disco tanto ben riuscito non merita di ospitare. Per ora ci accontentiamo di constatare che, se esiste un “dopo” anche per il black metal, potrebbe non trovarsi troppo lontano dall’ipotesi di questo Paradiso per Sordi.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...