deafheaven-sunbather
Deafheaven

Sunbather

Deathwish
8

Ogni cosa ha il suo post. Scoccia eccome dover prestare il fianco alle teorie dei post-tuttologi, che sull’ubiquità del prefisso stanno marciando ben oltre il lecito; ci eravamo convinti tutto sommato che, per quanto hardcore prima e metal poi abbiano da tempo allentato le briglie per diventare qualcosa di altro da sé, almeno i fratellini tosti come Death & Black fossero destinati a tener duro, restare i bastioni saldi per nicchie di pochi irriducibili. E invece…
La storia della band di San Francisco è iniziata non troppo tempo fa, con un titolo come Road To Judah e una ragione sociale che mette in fila due parole tutteattaccate, in omaggio agli amati Slowdive. Così raccontano loro, almeno: a ben vedere, di nomi con gli stessi requisiti se ne troverebbero sì e no qualche altro migliaio, ma il riferimento agli animatori dello shoegaze è strategico per dare ad intendere quel che accadrà. E accadrà che la doppia natura della combo diventerà un tutt’uno solo in corrispondenza di questo secondo lp, dove “le parti metal più metal e quelle non-metal molto più non-metal”. Parole dei diretti interessati, contorte ma veritiere: su disco il growl di George Clarke che, stando ai video che girano in rete, dev’essere la prima attrazione in sede live (guardatelo come suda, in maniche di camicia…), svolge una funzione vicaria pari ad un accompagnamento ritmico, un effetto drammatico, se preferite. Di certo la sostanza musicale di Sunbather si trova altrove, nel mood malinconico delle chitarre che si intrecciano su Irresistible o magari negli inserti d’ambiente sotto i quali cova il fuoco di Windows. Se ci sia qualcosa, e che cosa, di davvero “nuovo” tra queste tracce potrebbe essere oggetto di un’altra annosa digressione, che la recensione di un disco tanto ben riuscito non merita di ospitare. Per ora ci accontentiamo di constatare che, se esiste un “dopo” anche per il black metal, potrebbe non trovarsi troppo lontano dall’ipotesi di questo Paradiso per Sordi.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...