Halcyon Digest
4AD/Self

Basandosi esclusivamente sulla sua musica, sia coi Deerhunter che nel progetto solistico Atlas Sound, viene naturale immaginarsi Bradford Cox come un tipo scostante e ombroso. Poi lo si vede sul palco e tutto cambia: sorride, parla col pubblico e sembra davvero una persona, se non serena, per lo meno divertita. Evidentemente c’è anche un aspetto più solare della sua personalità, che finora aveva trovato spazio solo in maniera parziale nei suoi dischi. Con “Halcyon Digest”, però, le cose un poco cambiano. Intendiamoci, non che improvvisamente i Deerhunter siano diventati i Supergrass o gli Of Montreal; la predilezione per le atmosfere oscure rimane, così come quell’atmosfera sottilmente inquietante che attraversa i brani dal taglio maggiormente intimistico. E però in parecchi episodi quella tensione di fondo che della formazione di Atlanta, Georgia è uno degli impliciti marchi di fabbrica sembra venire meno, rivelando un’accessibilità gustosa e fino a ieri soltanto intuibile.
Se dunque il brano di apertura, l’umbratile “Earthquake”, si sviluppa per accumuli di strati e arpeggi per poi progressivamente svuotarsi, le successive “Don’t Cry” e “Revival” – più rugginosa la prima, più pulita la seconda – risplendono di riflessi lennoniani, mentre la sbarazzina “Memory Boy” ha qualcosa degli Elf Power di qualche anno fa. “Basement Scene”, poi, cita e vira appena in nero gli Everly Brothers, mentre “Desire Lines” (uno dei due brani firmati dal chitarrista Lockett Pundt, a sua volta titolare di una fortunata carriera in proprio a nome Lotus Plaza) è una cavalcata su cadenze alla Arcade Fire. Fatta eccezione per alcuni episodi – la struggente ninnananna “Helicopter” e “He Would Have Laughed”, elegia in memoria dello scomparso Jay Reatard – i Deerhunter di oggi sono dunque nel complesso un po’ meno perturbanti e psichedelici e, a modo loro, più pop. Per come la vediamo noi, uno scambio alla pari, anche perché immutato è il livello della proposta.

tratto dal Mucchio n°675

Ultime recensioni Musica
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...