Halcyon Digest
4AD/Self

Basandosi esclusivamente sulla sua musica, sia coi Deerhunter che nel progetto solistico Atlas Sound, viene naturale immaginarsi Bradford Cox come un tipo scostante e ombroso. Poi lo si vede sul palco e tutto cambia: sorride, parla col pubblico e sembra davvero una persona, se non serena, per lo meno divertita. Evidentemente c’è anche un aspetto più solare della sua personalità, che finora aveva trovato spazio solo in maniera parziale nei suoi dischi. Con “Halcyon Digest”, però, le cose un poco cambiano. Intendiamoci, non che improvvisamente i Deerhunter siano diventati i Supergrass o gli Of Montreal; la predilezione per le atmosfere oscure rimane, così come quell’atmosfera sottilmente inquietante che attraversa i brani dal taglio maggiormente intimistico. E però in parecchi episodi quella tensione di fondo che della formazione di Atlanta, Georgia è uno degli impliciti marchi di fabbrica sembra venire meno, rivelando un’accessibilità gustosa e fino a ieri soltanto intuibile.
Se dunque il brano di apertura, l’umbratile “Earthquake”, si sviluppa per accumuli di strati e arpeggi per poi progressivamente svuotarsi, le successive “Don’t Cry” e “Revival” – più rugginosa la prima, più pulita la seconda – risplendono di riflessi lennoniani, mentre la sbarazzina “Memory Boy” ha qualcosa degli Elf Power di qualche anno fa. “Basement Scene”, poi, cita e vira appena in nero gli Everly Brothers, mentre “Desire Lines” (uno dei due brani firmati dal chitarrista Lockett Pundt, a sua volta titolare di una fortunata carriera in proprio a nome Lotus Plaza) è una cavalcata su cadenze alla Arcade Fire. Fatta eccezione per alcuni episodi – la struggente ninnananna “Helicopter” e “He Would Have Laughed”, elegia in memoria dello scomparso Jay Reatard – i Deerhunter di oggi sono dunque nel complesso un po’ meno perturbanti e psichedelici e, a modo loro, più pop. Per come la vediamo noi, uno scambio alla pari, anche perché immutato è il livello della proposta.

tratto dal Mucchio n°675

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...