Halcyon Digest
4AD/Self

Basandosi esclusivamente sulla sua musica, sia coi Deerhunter che nel progetto solistico Atlas Sound, viene naturale immaginarsi Bradford Cox come un tipo scostante e ombroso. Poi lo si vede sul palco e tutto cambia: sorride, parla col pubblico e sembra davvero una persona, se non serena, per lo meno divertita. Evidentemente c’è anche un aspetto più solare della sua personalità, che finora aveva trovato spazio solo in maniera parziale nei suoi dischi. Con “Halcyon Digest”, però, le cose un poco cambiano. Intendiamoci, non che improvvisamente i Deerhunter siano diventati i Supergrass o gli Of Montreal; la predilezione per le atmosfere oscure rimane, così come quell’atmosfera sottilmente inquietante che attraversa i brani dal taglio maggiormente intimistico. E però in parecchi episodi quella tensione di fondo che della formazione di Atlanta, Georgia è uno degli impliciti marchi di fabbrica sembra venire meno, rivelando un’accessibilità gustosa e fino a ieri soltanto intuibile.
Se dunque il brano di apertura, l’umbratile “Earthquake”, si sviluppa per accumuli di strati e arpeggi per poi progressivamente svuotarsi, le successive “Don’t Cry” e “Revival” – più rugginosa la prima, più pulita la seconda – risplendono di riflessi lennoniani, mentre la sbarazzina “Memory Boy” ha qualcosa degli Elf Power di qualche anno fa. “Basement Scene”, poi, cita e vira appena in nero gli Everly Brothers, mentre “Desire Lines” (uno dei due brani firmati dal chitarrista Lockett Pundt, a sua volta titolare di una fortunata carriera in proprio a nome Lotus Plaza) è una cavalcata su cadenze alla Arcade Fire. Fatta eccezione per alcuni episodi – la struggente ninnananna “Helicopter” e “He Would Have Laughed”, elegia in memoria dello scomparso Jay Reatard – i Deerhunter di oggi sono dunque nel complesso un po’ meno perturbanti e psichedelici e, a modo loro, più pop. Per come la vediamo noi, uno scambio alla pari, anche perché immutato è il livello della proposta.

tratto dal Mucchio n°675

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....