dena-flash
DENA

Flash

Flash
K7/Audioglobe
7.5

Anticipato da alcuni singoli e qualche meritevole mixtape per l’attenta Kitsuné, arriva il debutto su lunga distanza, Flash, di DENA, promettente artista di origini bulgare, ma residente da quasi un decennio a Berlino. Denitza Todorova si inserisce nel panorama del pop femminile, elettronico e contaminato, quasi come una risposta europea all’ormai affermata M.I.A., della quale riprende pose e atteggiamenti urbani, attitudine DIY e sensibilità pop, orecchio attento al giusto trend. E il giusto trend, lo sa bene la storica etichetta K7 che si assume oneri e onori di pubblicare il disco garantendo a DENA una piattaforma decisamente più ampia, suona all’incirca come un incontro tra la New York di Azalea Banks e la Turchia di Omar Souleyman: lo conferma l’ennesimo singolo killer edito da Denitza, quella Cash, Diamond Rings, Swimming Pools che incrocia hip-hop e spezie balcaniche, sfruttando come collante certe intuizioni sviluppate nelle varie diramazioni del garage britannico.

In Flash non sempre la contaminazione riesce, eppure rimane un ascolto piacevole e stimolante per tutta la sua durata: se la muscolosa You Wish è dance pregiata e impercettibilmente etnica, Total Ignore è quasi commovente nel suo essere lampante omaggio alla Native Tongue Posse. Flashed vede il featuring del fan eccellente Erlend Øye, ma è fin troppo leggera, quasi impalpabile, mentre la spigolosa Games valorizza il timbro profondo e l’interpretazione misurata di DENA.
Forse solamente la conclusiva e semi-acustica Front Row Girl non convince appieno, dimostrandosi l’anello più debole di un disco altrimenti confezionato egregiamente: rimangono alcuni dubbi sulla spontaneità di una tale proposta perché, nonostante la già citata pretesa di autarchia (e la ragazza è pure brava con le produzioni, avrete capito), in alcune occasioni il risultato è fin troppo inquadrato, quasi mancasse di genuinità. Piccolezze, perché Flash è un debutto di spessore e DENA è in definitiva ascesa (moda, copertine e tutto il resto).

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...