IO TRA DI NOI
Ghost/Venus

Sornione, il nuovo album di Dente completa il parterre 2011 degli autori non allineati della musica italiana: assieme a Brunori SAS e a Le Luci della Centrale Elettrica, il musicista di Fidenza rappresenta un modo diverso di pensare, scrivere, suonare. Pensare, soprattutto: per chi ancora non lo conosceva, quando nel 2009 uscì L’amore non è bello ci fu un po’ di straniamento, anche nei circuiti più – bleah – indie. Inevitabile uno sbilanciamento ottimistico, a cui Io tra di noi, che Dente stesso lo voglia o no, finisce per dare un assestamento più significativo. Fra le maglie delle nuove canzoni ci potevano essere pose,manierismi, atteggiamenti prevedibili, insomma, un appannamento mascherato da rassicurante continuità. Invece, anche se non cambiano le rime un po’ depressive, le piccole cose di incertissimo gusto, l’ironia spesso macabra, la follia appena accennata, il disco scorre con una profonda e carsica intensità. Non sfuma, insomma, pure in virtù di una produzione senza sbavature: il suono si ispessisce quando serve, e solo quando serve. La sottrazione, evidente fin dai primi accordi di Due volte niente, non evita calembour verbali, un pezzo discoteque che stupisce e deborda con grazia, arrangiamenti stringatima ben strutturati. Tutto è all’inverso, per citare un frammento di La settimana enigmatica: dove ci si aspetterebbero carezze arrivano schiaffi e un soffice malessere, che invade l’animo e fa arrivare alla fine dell’ascolto con un po’ di sensata amarezza. Figlio più dei Belle And Sebastian che dei vari depressi degli anni Settanta nostrani, Dente canta amore e bellezza al contrario, con romanticismo e disincanto che non fanno sconti nell’uso delle parole: armi terribili, in quanto fraintenderle è semplicissimo.
Solo un po’ di ambiguità, qualche ricordo di Lucio, che non guasta, e nessuna altra gita di gruppo: se è vero che il parterre di cui sopra esiste, è altrettanto vero che ognuno dei tre soggetti menzionati balla da solo. E va decisamente a ritmo.

Tratto dal Mucchio n° 687

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...