81uEwrqBetL._SL1400_
Destruction Unit

Negative Feedback Resistor

Sacred Bones/Goodfellas
7.5

I Destruction Unit appartengono a quel circolo virtuoso di gruppi che vanno visti dal vivo per capirne fino in fondo l’essenza. Nel loro passaggio in Italia di due anni fa, a seguito dell’esordio su Sacred Bones Deep Trip, il quintetto dell’Arizona colpì profondamente chiunque avesse avuto l’occasione di prestare il proprio apparato uditivo alla loro terapia d’urto: sezione ritmica sparata alla velocità della luce, volumi capaci di provare fisicamente anche il resto del corpo, un magma allucinogeno tipico dell’esperienza psichedelica. Non fosse stato uno dei migliori live visti nel 2013, avrei pensato di mettergli in conto la visita dall’otorino per il mio primo acufene. Guidati dall’ex Reatards Ryan Rousseau, da circa un decennio e sette dischi (i primi due con Jay Reatard in formazione, con esiti vicini a ciò che allora fu chiamato shitgaze) i Destruction Unit sono una scheggia impazzita dell’underground americano, un misto di attitudine punk/anarcoide con un serissimo culto delle droghe. Nulla di tutto ciò per mera questione estetica: uno stile di vita, piuttosto, fatto di collaborazione con le altre band del circuito, dello stare costantemente in tour e suonare in ogni locale che gli permetta di usare i propri volumi – una fama che li precede, l’unica richiesta sulla quale non transigono.

Negative Feedback Resistor è un album nato dopo due anni di live e la sensazione è che questo tempo i Destruction Unit l’abbiano passato in un girone infernale di suoni assordanti e creature mostruose, dove le anime peccatrici sono condannate ad ascoltare Motörhead, Discharge, Stooges e Hawkwind all’unisono, mentre la carne sanguina e si dimena tra sofferenza e godimento. Il riff di Salvation che scaraventa fra le mura libidinose di Fun House, l’attacco apocalittico di Judgement Day e la furia hardcore potente come un’anfetamina di The Upper Hand allontanano violentemente dal desiderio di assoluzione nel giorno della resa dei conti. E avvicinano a quello di un’immersione sempre più a fondo negli abissi di un imperituro Ade proto-punk.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...