81uEwrqBetL._SL1400_
Destruction Unit

Negative Feedback Resistor

Sacred Bones/Goodfellas
7.5

I Destruction Unit appartengono a quel circolo virtuoso di gruppi che vanno visti dal vivo per capirne fino in fondo l’essenza. Nel loro passaggio in Italia di due anni fa, a seguito dell’esordio su Sacred Bones Deep Trip, il quintetto dell’Arizona colpì profondamente chiunque avesse avuto l’occasione di prestare il proprio apparato uditivo alla loro terapia d’urto: sezione ritmica sparata alla velocità della luce, volumi capaci di provare fisicamente anche il resto del corpo, un magma allucinogeno tipico dell’esperienza psichedelica. Non fosse stato uno dei migliori live visti nel 2013, avrei pensato di mettergli in conto la visita dall’otorino per il mio primo acufene. Guidati dall’ex Reatards Ryan Rousseau, da circa un decennio e sette dischi (i primi due con Jay Reatard in formazione, con esiti vicini a ciò che allora fu chiamato shitgaze) i Destruction Unit sono una scheggia impazzita dell’underground americano, un misto di attitudine punk/anarcoide con un serissimo culto delle droghe. Nulla di tutto ciò per mera questione estetica: uno stile di vita, piuttosto, fatto di collaborazione con le altre band del circuito, dello stare costantemente in tour e suonare in ogni locale che gli permetta di usare i propri volumi – una fama che li precede, l’unica richiesta sulla quale non transigono.

Negative Feedback Resistor è un album nato dopo due anni di live e la sensazione è che questo tempo i Destruction Unit l’abbiano passato in un girone infernale di suoni assordanti e creature mostruose, dove le anime peccatrici sono condannate ad ascoltare Motörhead, Discharge, Stooges e Hawkwind all’unisono, mentre la carne sanguina e si dimena tra sofferenza e godimento. Il riff di Salvation che scaraventa fra le mura libidinose di Fun House, l’attacco apocalittico di Judgement Day e la furia hardcore potente come un’anfetamina di The Upper Hand allontanano violentemente dal desiderio di assoluzione nel giorno della resa dei conti. E avvicinano a quello di un’immersione sempre più a fondo negli abissi di un imperituro Ade proto-punk.

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...