sentireascoltare_destruction-unit_deep-trip
Destruction Unit

Deep Trip

Sacred Bones
8

Difficile resistere alla tentazione di “giudicare” Deep Trip dalla copertina, o meglio dal booklet. Come nella miglior tradizione della psichedelia drogata, il libretto ha la forma di un bugiardino, con le relative componenti, istruzioni per l’uso e avvertenze. Il foglio illustrativo e l’esplicitazione degli effetti visionari dell’album sono la forma ultima, per ora, a cui approda la storia relativamente lunga e sommersa dei Destruction Unit. La band nasce a Memphis a inizio Duemila, dall’incontro – fortuito – tra Ryan Wong (in arte Rousseau) e Jay Reatard (con l’aggiunta di Alicja Trout): entrambi invischiati in altri progetti (Wongs e Digital Leather il primo, Lost Sounds il secondo) e insieme anche nei The Reatards, i due affogano le proprie passioni perverse per synth punk, weird garage e rumore in qualcosa di molto vicino a ciò che successivamente verrà definito shitgaze.

Una prima versione dell’Unità di Distruzione che, in seguito alla morte di Reatard, il ritorno di Rousseau nella terra natale, l’Arizona, e un ampliamento della formazione, devia sensibilmente verso territori più acidi e psych piuttosto che sintetici e (formalmente) punk. Prima pubblicazione della band per Sacred Bones – e a proposito, pare assurdo come nessun loro album sia uscito per In the Red – e seconda dell’anno dopo l’ep motoriko Void, Deep Trip è un viaggio che si insinua negli angoli più malsani d’America: la Los Angeles sconnessa e deragliante dei Chrome, la Detroit proto punk dei primi Stooges, la Seattle pachidermica e metallurgica dei Melvins, l’asse California-Ohio di Cramps e Pere Ubu.

Una spedizione punitiva in grado di accumulare strati di feedback, ossessioni e lerciume sufficienti per alimentare il serbatoio di un’astronave pronta per una guerra stellare, dalla quale i Destruction Unit escono ancor più rabbiosi e pieni di effetti space. Dal pessimismo post-atomico di The World On Drugs al garage punk psicotico, sensuale e brutale di Night Loner, trentacinque minuti dalle viscere della Terra allo spazio. Ovviamente senza ritorno.

Pubblicato sul Mucchio 712

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...