sentireascoltare_destruction-unit_deep-trip
Destruction Unit

Deep Trip

Sacred Bones
8

Difficile resistere alla tentazione di “giudicare” Deep Trip dalla copertina, o meglio dal booklet. Come nella miglior tradizione della psichedelia drogata, il libretto ha la forma di un bugiardino, con le relative componenti, istruzioni per l’uso e avvertenze. Il foglio illustrativo e l’esplicitazione degli effetti visionari dell’album sono la forma ultima, per ora, a cui approda la storia relativamente lunga e sommersa dei Destruction Unit. La band nasce a Memphis a inizio Duemila, dall’incontro – fortuito – tra Ryan Wong (in arte Rousseau) e Jay Reatard (con l’aggiunta di Alicja Trout): entrambi invischiati in altri progetti (Wongs e Digital Leather il primo, Lost Sounds il secondo) e insieme anche nei The Reatards, i due affogano le proprie passioni perverse per synth punk, weird garage e rumore in qualcosa di molto vicino a ciò che successivamente verrà definito shitgaze.

Una prima versione dell’Unità di Distruzione che, in seguito alla morte di Reatard, il ritorno di Rousseau nella terra natale, l’Arizona, e un ampliamento della formazione, devia sensibilmente verso territori più acidi e psych piuttosto che sintetici e (formalmente) punk. Prima pubblicazione della band per Sacred Bones – e a proposito, pare assurdo come nessun loro album sia uscito per In the Red – e seconda dell’anno dopo l’ep motoriko Void, Deep Trip è un viaggio che si insinua negli angoli più malsani d’America: la Los Angeles sconnessa e deragliante dei Chrome, la Detroit proto punk dei primi Stooges, la Seattle pachidermica e metallurgica dei Melvins, l’asse California-Ohio di Cramps e Pere Ubu.

Una spedizione punitiva in grado di accumulare strati di feedback, ossessioni e lerciume sufficienti per alimentare il serbatoio di un’astronave pronta per una guerra stellare, dalla quale i Destruction Unit escono ancor più rabbiosi e pieni di effetti space. Dal pessimismo post-atomico di The World On Drugs al garage punk psicotico, sensuale e brutale di Night Loner, trentacinque minuti dalle viscere della Terra allo spazio. Ovviamente senza ritorno.

Pubblicato sul Mucchio 712

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...