VANTAGE POINT
V2/Universal

Ci avevano messo sei anni i dEUS per dare, con Pocket Revolution, un seguito a The Ideal Crash. Tra quello e questo, invece, di anni ne sono passati solo tre scarsi, segno che evidentemente la compagine belga ha ripreso il ritmo dei tempi migliori. Il tocco, quello no; e non solo da un punto di vista qualitativo (sebbene replicare la doppietta iniziale Worst Case Scenario/In A Bar Under The Sea sarebbe un’impresa improba per chiunque), quanto soprattutto per una questione di approccio: pur non avendo rinunciato a nulla in termini di elettricità, ora Tom Barman e compagni suonano in maniera meno scattosa e genialoide di un tempo. Non si sono placati né ammorbiditi, ma compattati sì. Come ci si aspetta da un gruppo diventato adulto, nel bene e nel male. Intatta, comunque, è la voglia di stupire in primis se stessi, che ora si concretizza in un lavoro fondato più sui dettagli e sugli arrangiamenti che sulla forma delle composizioni, al punto da metterle almeno apparentemente in ombra. Di conseguenza, al primo approccio Vantage Point può sembrare un disco involuto, di quelli più interessanti che realmente buoni. Un’impressione fastidiosa, che richiede un paio di ascolti per dissiparsi. Una volta che ciò è successo, si viene però sufficientemente ripagati dal retrogusto black (alla maniera bianca dei Twilight Singers) di When She Comes Down, dal declamare febbrile di Oh Your God, dal romanticismo di Eternal Woman e Smokers Reflect, così come dalle chitarre urticanti di Favourite Game (anche se, certo, quei coretti…) e dal ritmo incalzante dell’irresistibile The Architect, che chiama a gran voce un remix dei 2 Many DJ’s o della DFA. E se in effetti Is A Robot assomiglia tanto a un riempitivo, la circolare The Vanishing Of Maria Schneider e l’algida Slow sono il parto di una band vivace e poco disposta a farsi omologare dalla imperante globalizzazione culturale; la stessa stigmatizzata in una Popular Culture totalmente condivisibile.

 

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...