Bitte Orca
Domino/Self

“Aspettati l’inaspettato” potrebbe essere il motto dei Dirty Projectors. Basti dire che la loro precedente fatica, Rise Above (2007), altro non era che una rilettura di Damaged dai Black Flag, basata solo sui ricordi che ne aveva l’unico titolare della ragione sociale, David Longstreth; e, qualche tempo prima, c’era stato un concept su Don Henley. Viene quindi da chiedersi quale sorpresa nasconda questo Bitte Orca; e la risposta è che, al termine dell’ultimo tour, per la prima volta lo statunitense ha deciso di servirsi in studio dello stesso cast di musicisti che lo ha accompagnato dal vivo, trasformando quello che di fatto era un progetto solista in una band vera. Pertanto, se le sue canzoni rimangono sempre cervellotiche e non particolarmente lineari, ora il loro impatto sonoro riesce a essere più compatto e coinvolgente.
Come già in passato, nelle mani dei Dirty Projectors le istanze tipiche dell’estetica indie vengono decostruite e trasfigurate grazie all’innesto sapiente di elementi armonici e pattern strumentali provenienti dalle tradizioni più varie (a partire dall’afro-pop): le ritmiche sono in continuo mutamento e sovente zoppicano ad arte, le chitarre si esibiscono in riff circolari che ben poco hanno a che spartire col rock propriamente detto, i cori femminili lasciano inizialmente disorientati per come sembrano saltar fuori da tutte le parti, e certe melodie all’apparenza bizzarre si rivelano di una singolare orecchiabilità. Uno sfoggio di creatività che trova il suo apice nella lunga Useful Chamber, tra sintetizzatori fuori controllo, cambi d’umore e strattoni elettrici, ma che convince altrettanto nell’unico momento convenzionale del programma, la delicata ballata acustico-orchestrale Two Doves. Perché Longstreth e soci non sono solo sperimentatori ispirati, ma sanno ottenere buoni risultati anche senza farlo strano; ed è grazie all’equilibrio fra questi due estremi che nasce un disco eccitante e a suo modo originale.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...