Bitte Orca
Domino/Self

“Aspettati l’inaspettato” potrebbe essere il motto dei Dirty Projectors. Basti dire che la loro precedente fatica, Rise Above (2007), altro non era che una rilettura di Damaged dai Black Flag, basata solo sui ricordi che ne aveva l’unico titolare della ragione sociale, David Longstreth; e, qualche tempo prima, c’era stato un concept su Don Henley. Viene quindi da chiedersi quale sorpresa nasconda questo Bitte Orca; e la risposta è che, al termine dell’ultimo tour, per la prima volta lo statunitense ha deciso di servirsi in studio dello stesso cast di musicisti che lo ha accompagnato dal vivo, trasformando quello che di fatto era un progetto solista in una band vera. Pertanto, se le sue canzoni rimangono sempre cervellotiche e non particolarmente lineari, ora il loro impatto sonoro riesce a essere più compatto e coinvolgente.
Come già in passato, nelle mani dei Dirty Projectors le istanze tipiche dell’estetica indie vengono decostruite e trasfigurate grazie all’innesto sapiente di elementi armonici e pattern strumentali provenienti dalle tradizioni più varie (a partire dall’afro-pop): le ritmiche sono in continuo mutamento e sovente zoppicano ad arte, le chitarre si esibiscono in riff circolari che ben poco hanno a che spartire col rock propriamente detto, i cori femminili lasciano inizialmente disorientati per come sembrano saltar fuori da tutte le parti, e certe melodie all’apparenza bizzarre si rivelano di una singolare orecchiabilità. Uno sfoggio di creatività che trova il suo apice nella lunga Useful Chamber, tra sintetizzatori fuori controllo, cambi d’umore e strattoni elettrici, ma che convince altrettanto nell’unico momento convenzionale del programma, la delicata ballata acustico-orchestrale Two Doves. Perché Longstreth e soci non sono solo sperimentatori ispirati, ma sanno ottenere buoni risultati anche senza farlo strano; ed è grazie all’equilibrio fra questi due estremi che nasce un disco eccitante e a suo modo originale.

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....