Ukulele Songs
Island/Universal

Per cercare di cogliere la forza del disco di Eddie Vedder bisogna partire dalle sue debolezze. Non si tratta di un esercizio puramente filosofico: non appena i primi brani hanno cominciato a circolare in Rete, l’album è stato sottoposto a una piccola campagna di sfiducia da parte di alcuni – e nemmeno così pochi – dei fan. I motivi sono la presenza di diverse canzoni non originali, l’ossessione, poco creativa, per il piccolo ukulele e un po’ di gusto per la contraddizione che non guasta mai. Non troppa sostanza, insomma, anche nelle critiche. A onor del vero, se si va in profondità nell’ascolto, qualcosa di claudicante si trova. Innanzitutto c’è la scelta di non stupire, ma di servire fino in fondo la dinamica ritmica e armonica di uno strumento che il cantante dei Pearl Jam ama da tempi non sospetti. Il timbro vocale rimane così omogeneo per tutti i nemmeno trenta minuti dell’ascolto, e può strappare qualche sbadiglio.
La scelta, con l’eccezione fulminante di Longing To Belong, di non ricorrere quasi mai ad arrangiamenti particolari e i scarsi ospiti di contorno fanno il resto. Eppure, da questa solitudine monastica emergono svariati spunti di folk senza patria, dalla rilettura emozionante di Can’t Keep al tono intenso di Satellite, fino a un pezzo decisamente maggiore come More That You Know. Insomma, se tutto non risplende istantaneamente, come capitava per la colonna sonora di Into The Wild, ci sono di sicuro ampi spazi per respirare e recuperare il tempo giusto per canzoni che crescono lentamente, nella mente di chi ama, almeno un po’, un genere che non è solo sferragliante ed elettrico. Certo, oltre un certo limite si va nel gusto personale, che come si sa non si discute. Ukulele Songs è comunque un album delicato, rigoroso e sensibile, che non va liquidato in un paio di ascolti, magari insofferenti. Se poi volete di più, potete sempre dedicarvi al dvd dal vivo Water On The Road, parecchio movimentato, sul quale torneremo nel prossimo numero.

John Vignola / * * *

tratto dal Mucchio n°683

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...