Ukulele Songs
Island/Universal

Per cercare di cogliere la forza del disco di Eddie Vedder bisogna partire dalle sue debolezze. Non si tratta di un esercizio puramente filosofico: non appena i primi brani hanno cominciato a circolare in Rete, l’album è stato sottoposto a una piccola campagna di sfiducia da parte di alcuni – e nemmeno così pochi – dei fan. I motivi sono la presenza di diverse canzoni non originali, l’ossessione, poco creativa, per il piccolo ukulele e un po’ di gusto per la contraddizione che non guasta mai. Non troppa sostanza, insomma, anche nelle critiche. A onor del vero, se si va in profondità nell’ascolto, qualcosa di claudicante si trova. Innanzitutto c’è la scelta di non stupire, ma di servire fino in fondo la dinamica ritmica e armonica di uno strumento che il cantante dei Pearl Jam ama da tempi non sospetti. Il timbro vocale rimane così omogeneo per tutti i nemmeno trenta minuti dell’ascolto, e può strappare qualche sbadiglio.
La scelta, con l’eccezione fulminante di Longing To Belong, di non ricorrere quasi mai ad arrangiamenti particolari e i scarsi ospiti di contorno fanno il resto. Eppure, da questa solitudine monastica emergono svariati spunti di folk senza patria, dalla rilettura emozionante di Can’t Keep al tono intenso di Satellite, fino a un pezzo decisamente maggiore come More That You Know. Insomma, se tutto non risplende istantaneamente, come capitava per la colonna sonora di Into The Wild, ci sono di sicuro ampi spazi per respirare e recuperare il tempo giusto per canzoni che crescono lentamente, nella mente di chi ama, almeno un po’, un genere che non è solo sferragliante ed elettrico. Certo, oltre un certo limite si va nel gusto personale, che come si sa non si discute. Ukulele Songs è comunque un album delicato, rigoroso e sensibile, che non va liquidato in un paio di ascolti, magari insofferenti. Se poi volete di più, potete sempre dedicarvi al dvd dal vivo Water On The Road, parecchio movimentato, sul quale torneremo nel prossimo numero.

John Vignola / * * *

tratto dal Mucchio n°683

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...