edible woman
Edible Woman

Daunting

BloodySound Fucktory
6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto alla nostra distrazione, un’analisi riparatoria di questo mini album risulta necessaria. Cominciamo col fare chiarezza. Come nel passato della formazione, anche su Daunting le collaborazioni assumono un ruolo specifico nella realizzazione dei brani. Così, al quinto atto nella discografia dei Nostri, settimo se si considerano lo split del 2009 per Smartz Records con Drink To Me e quello di quest’anno su Old Bicycle Records con Tante Anna, suonano, sì, Andrea Giommi e Nicola Romani, membri fondatori attorno al quale ruota il progetto Edible Woman, ma anche Cesare Petulicchio (già dietro le pelli dei Bud Spencer Blues Explosion), Simon Skjødt Jensen aka Own Road e sopratutto Lorenzo Stecconi (tra le altre cose, chitarrista nei Lento) che firma anche la registrazione, il mix e il mastering del disco.

Daunting mostra una band alle prese con brani prevalentemente elettronici. Dovendo rilevare un fil rouge con i recenti trascorsi, di Nation (2013, Santeria) in Daunting resta un approccio à-la Teardrop Explodes, specie nella fusione tra spirito wave e psichedelico. Poco importa che si consumi tutto in sortite vicine al Mike Patton più confidenziale o nei quasi nove minuti della title track, quasi figlia degli Spiritualized. Daunting è uno di quei lavori che conquista o si detesta, in quanto prototipo del disco non destinato a fare la storia di un filone già decodificato (tante e diverse tra loro le influenze, persino detriti blues, noise e funky) né l’apice di chi lo ha partorito, ma la rappresentazione, riuscita, di un personale modo di rielaborare il passaggio tra rock da foraggio per radio e quella rivoluzione sonora che a partire dagli anni Settanta ha scardinato il comune senso di intendere un genere come univoco, ci induce a confermargli un 6 pieno.

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...