END TIMES
Vagrant-Coop/Self

Al di là di una cifra compositiva e di una voce immediatamente riconoscibili, la nuova fatica di Mark Oliver “E” Everett si riallaccia in maniera abbastanza evidente a due dischi in particolare tra quelli da lui realizzati con la ragione sociale degli Eels. Anzitutto Hombre Lobo, e non soltanto perché dalla sua uscita sono passati appena sei mesi: se il primo infatti era una sorta di concept sul tema del desiderio, anche nei suoi risvolti più animaleschi e istintivi, il secondo racconta cosa succede quando questo finisce, e nel cuore rimangono solamente un misto di rabbia, paura, dolore e tristezza. Sentimenti che erano stati già cantati una dozzina d’anni fa nell’album in assoluto più cupo della produzione del Nostro, vale a dire Electro-Shock Blues, con però una differenza fondamentale: là l’artista parlava del suicidio della sorella e della malattia della madre, qui della fine di una relazione. Ecco allora che se nell’opera precedente le sonorità erano spesso ispide e sporche, qui a prevalere sono i toni introspettivi, le ballate (sia folkeggianti che pianistiche), e le atmosfere intime. Canta di sé, il Signor E, e come è suo costume non fa davvero niente per nascondere il proprio stato d’animo, in cui rimpianti e ricordi si impastano con la devastante presa di coscienza delle cause della rottura e della difficoltà a ricominciare. Pur non privo di un paio di impennate elettriche (la ruvida Gone Man, Paradise Blues), è la lentezza a prevalere, con l’oscurità del paesaggio illuminata appena da qualche sparuto raggio di sole (Mansions Of Los Feliz), sufficiente per rendere la situazione, se non più facile, per lo meno più accettabile. Non sappiamo se la scrittura e la realizzazione di End Times abbiano avuto un benefico ruolo catartico su di lui; quel che è certo è che affrontando la propria sofferenza Everett ha dato vita ad alcune delle sue canzoni più toccanti. Il che, visto che stiamo parlando di qualcuno che ha fatto dell’intensità uno dei propri marchi di fabbrica, non ci pare cosa da poco.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...