Esben-WTSNOTF
Esben And The Witch

Wash The Sind Not Only The Face

MATADOR/SELF
8

Dall’alba al tramonto. Sarebbe in tal modo inquadrabile il viaggio di Wash The Sins Not Only The Face, secondo passo sulla lunga distanza per gli Esben And The Witch a due anni dall’esordio Violet Cries. Il trio di Brighton colpisce facilmente, vuoi per la sigla sociale che si rifà a una fiaba danese, vuoi per il curato immaginario gotico che pervade il tutto. La musica, invece, si insinua poco a poco, tanto che di primo acchito potrebbe sembrare che la sostanza si pieghi alla forma, quando in realtà il corpo delle composizioni è viceversa flessibile a un mood fortemente romantico. Anziché i ritornelli, quel che in genere rimane più impresso sono passaggi strumentali divenuti perfettamente a fuoco, dall’ipnotismo di Slow Wave ai saliscendi del coraggioso singolo Deathwaltz, che culmina in un imprevisto crescendo rumorista. Proseguendo con le ottime When That Head Splits, Shimmering, Putting Down The Prey, Despair e così via. Rachel Davies, Daniel Coperman e Thomas Fisher si dividono tra chitarre elettriche, basso, sintetizzatori e percussioni, mentre la voce limpida, avvolgente e al contempo ieratica della frontwoman scandisce testi ispirati a T.S. Eliot e Sylvia Plath, ma anche a Vladimir Nabokov, Philip Pullman e Salvador Dalì. Ne risulta un mix di ritmiche new wave, rarefazioni shoegaze e melodie dream pop, che da una parte rievoca un background dark a suon di Siouxsie & The Banshees, Joy Division, Dead Can Dance o Cocteau Twins e dall’altra si allinea con coevi quali Interpol, Warpaint, These New Puritans o XX.

Dall’alba al tramonto, dicevamo. Sì, perché l’album è stato ideato come un vero e proprio tragitto. Si parte con la maggior luminosità dell’energica, breve Iceland Spar e si conclude con i rimandi cupi dell’epica, articolata Smashed To Pieces In The Still Of The Night. Un tragitto che all’inizio si percorre con semplice piacevolezza, ma che ben presto diviene irrinunciabile, come girare e rigirare in un labirinto stregato. E perdervisi è meraviglioso.

Pubblicato sul Mucchio 703

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...