Esben-WTSNOTF
Esben And The Witch

Wash The Sind Not Only The Face

MATADOR/SELF
8

Dall’alba al tramonto. Sarebbe in tal modo inquadrabile il viaggio di Wash The Sins Not Only The Face, secondo passo sulla lunga distanza per gli Esben And The Witch a due anni dall’esordio Violet Cries. Il trio di Brighton colpisce facilmente, vuoi per la sigla sociale che si rifà a una fiaba danese, vuoi per il curato immaginario gotico che pervade il tutto. La musica, invece, si insinua poco a poco, tanto che di primo acchito potrebbe sembrare che la sostanza si pieghi alla forma, quando in realtà il corpo delle composizioni è viceversa flessibile a un mood fortemente romantico. Anziché i ritornelli, quel che in genere rimane più impresso sono passaggi strumentali divenuti perfettamente a fuoco, dall’ipnotismo di Slow Wave ai saliscendi del coraggioso singolo Deathwaltz, che culmina in un imprevisto crescendo rumorista. Proseguendo con le ottime When That Head Splits, Shimmering, Putting Down The Prey, Despair e così via. Rachel Davies, Daniel Coperman e Thomas Fisher si dividono tra chitarre elettriche, basso, sintetizzatori e percussioni, mentre la voce limpida, avvolgente e al contempo ieratica della frontwoman scandisce testi ispirati a T.S. Eliot e Sylvia Plath, ma anche a Vladimir Nabokov, Philip Pullman e Salvador Dalì. Ne risulta un mix di ritmiche new wave, rarefazioni shoegaze e melodie dream pop, che da una parte rievoca un background dark a suon di Siouxsie & The Banshees, Joy Division, Dead Can Dance o Cocteau Twins e dall’altra si allinea con coevi quali Interpol, Warpaint, These New Puritans o XX.

Dall’alba al tramonto, dicevamo. Sì, perché l’album è stato ideato come un vero e proprio tragitto. Si parte con la maggior luminosità dell’energica, breve Iceland Spar e si conclude con i rimandi cupi dell’epica, articolata Smashed To Pieces In The Still Of The Night. Un tragitto che all’inizio si percorre con semplice piacevolezza, ma che ben presto diviene irrinunciabile, come girare e rigirare in un labirinto stregato. E perdervisi è meraviglioso.

Pubblicato sul Mucchio 703

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...