OVERLOADED ARK
Drag City/Self

La prima incursione nel folk inteso come linguaggio universale e sincretico, capace di collegare mondi ed epoche molto diversi e apparentemente inconciliabili, è stata per Helena Espvall e Masaki Batoh decisamente fruttuosa: pubblicato lo scorso anno, il debutto dell’inizialmente estemporaneo duo (per i più distratti, ricordiamo la prima, svedese trapiantata negli Stati Uniti, impegnata al violoncello nelle fila degli Espers e non solo, il secondo da più di vent’anni leader dei giapponesi Ghost) metteva insieme tradizioni scandinave, acid folk meditativo e una efficace ricerca di suggestioni ancestrali esposta con competenza e passione, mai esibita né artefatta. Questa volta la posta si alza, i percorsi diventano meno lineari, più azzardati. Il primo termine di paragone che viene in mente ascoltando Overloaded Ark è quello con i Dead Can Dance, e non solo perché le note della introduttiva Little Blue Dragon sono le stesse del Saltarello ripescato da Lisa Gerrard e Brendan Perry nel repertorio rinascimentale italiano. No, pur partendo da punti molto lontani le due realtà si sono impegnate entrambe in una mappatura dell’immaginario, dei punti di intersezione tra le varie ipotesi di musica immaginate a distanza di migliaia di chilometri e di secoli. Chiariamo con un esempio: Sueno con serpientes, che viene vestita della stoffa degli antichi trovatori, è in realtà opera del cantautore cubano Silvio Rodriguez. Ma il bello di queste chimere etnomusicologiche, al di là del maniacale lavoro su suoni ed atmosfere (oltre a Kazuo Ogino e Junzo Tateiwa, compagni di avventura nei Ghost, Batoh ha coinvolto Haruo Kondo, esperto conoscitore di strumenti antichi), che toccano austere partiture per violoncello (Pro Peccatis Suae Gentis / Nun Fa), antiche litanie francesi (Tourdion) e sensibilità ritmica extraeuropea (la title track), è la capacità di far crescere brani densi e suggestivi a partire da pochi, scheletrici elementi. Un’arte davvero antica, qui rappresentata al meglio.

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....