OVERLOADED ARK
Drag City/Self

La prima incursione nel folk inteso come linguaggio universale e sincretico, capace di collegare mondi ed epoche molto diversi e apparentemente inconciliabili, è stata per Helena Espvall e Masaki Batoh decisamente fruttuosa: pubblicato lo scorso anno, il debutto dell’inizialmente estemporaneo duo (per i più distratti, ricordiamo la prima, svedese trapiantata negli Stati Uniti, impegnata al violoncello nelle fila degli Espers e non solo, il secondo da più di vent’anni leader dei giapponesi Ghost) metteva insieme tradizioni scandinave, acid folk meditativo e una efficace ricerca di suggestioni ancestrali esposta con competenza e passione, mai esibita né artefatta. Questa volta la posta si alza, i percorsi diventano meno lineari, più azzardati. Il primo termine di paragone che viene in mente ascoltando Overloaded Ark è quello con i Dead Can Dance, e non solo perché le note della introduttiva Little Blue Dragon sono le stesse del Saltarello ripescato da Lisa Gerrard e Brendan Perry nel repertorio rinascimentale italiano. No, pur partendo da punti molto lontani le due realtà si sono impegnate entrambe in una mappatura dell’immaginario, dei punti di intersezione tra le varie ipotesi di musica immaginate a distanza di migliaia di chilometri e di secoli. Chiariamo con un esempio: Sueno con serpientes, che viene vestita della stoffa degli antichi trovatori, è in realtà opera del cantautore cubano Silvio Rodriguez. Ma il bello di queste chimere etnomusicologiche, al di là del maniacale lavoro su suoni ed atmosfere (oltre a Kazuo Ogino e Junzo Tateiwa, compagni di avventura nei Ghost, Batoh ha coinvolto Haruo Kondo, esperto conoscitore di strumenti antichi), che toccano austere partiture per violoncello (Pro Peccatis Suae Gentis / Nun Fa), antiche litanie francesi (Tourdion) e sensibilità ritmica extraeuropea (la title track), è la capacità di far crescere brani densi e suggestivi a partire da pochi, scheletrici elementi. Un’arte davvero antica, qui rappresentata al meglio.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...