Non si parlava tanto diffusamente di un album DFA dal 2011, per l’ultimo The Rapture. Fateci caso. Oggi la label newyorkese vanta nomi validi come The Crystal Ark, aspetta ritorni importanti come Holy Ghost! eppure le attenzioni sono al momento monopolizzate dai Factory Floor, che – a detta del Web – sembrano i più fighi di tutti. Il perché lo capisci appena senti il disco: negli ultimi anni il trio londinese aveva propugnato un suono cupo e metallico, a metà strada tra Cabaret Voltaire e The Cure, ma per questo vero debutto ha voluto agghindarsi con un volto più elettronico ed energico, pensato per compiacere chi della DFA ricorda l’attitudine ballabile mista a quello spirito un po’ punk degli inizi Duemila. Dopo un paio di ascolti, però, i trucchi vengono fuori e la formula si rivela piantata su due soli elementi: sequenze di synth in cerca del giusto groove e ritmo in cassa che dia sostanza. E basta, o quasi. Si arriva a stento a sette tracce effettive, che si somigliano tutte e sconfinano spesso nel banale e ripetitivo. Ascolti Turn It Up, How You Say o Work Out e le senti facili, scarne, senza quegli stimoli un minimo cerebrali che avrebbero dato una parte vocale più sviluppata o una struttura melodica più articolata. E, da testa pensante, riesce difficile farsi trascinare con così poco. Sembrerà cattivo, ma è così.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...